martedì 8 settembre 2015

Il canto degli alberi. Recensione


Titolo: Il Canto degli Alberi
Autore: Maria Cornelia Giordani
Editore: Eifis
Prezzo: 19,00 euro

Sinossi: L’osservazione della natura, la fiducia nella vita e nelle indicazioni che essa stessa ci fornisce per ritrovare la strada della salute, guidano questa nuovissima intuizione terapeutica: una nuova tecnica, semplice ed efficace, per estrarre dagli Alberi e dalle piccole Piante le energie utili alla guarigione. Frassino, Nocciolo e Sambuco, ma anche le più umili pianticelle dei nostri orti come la Salvia e l’Alloro, o l’Acqua di Sorgente e la Terra di Bosco divengono così i maestri o, meglio, i “Cantori” che possono guidare ciascuno di noi alla riscoperta della propria natura e della propria “canzone”, la quale deve intonarsi ad una sinfonia più ampia, per farsi portatrice di Salute, Bellezza interiore ed autentica Guarigione.


Questo libro mi è stato regalato qualche tempo fa da un amica che non vedevo da tempo e solo da poco ho deciso di leggerlo perchè sentivo che ne era arrivato il momento.

L'autrice ha realizzato un lungo percorso di crescita personale verso una ricerca del benessere della salute. Ha messo a punto una nuova tecnica per "estrarre" le energie degli Alberi e delle piccole Piante per la guarigione.

Questo libro si presenta come un manuale vero e proprio dove l'autrice con il suo percorso personale ci insegna a guarire grazie all'aiuto degli alberi

E' un libro ricco e pieno dove già nelle prime pagine l'autrice ricorda all'uomo quanto sia indispensabile amare e curare la Terra per un benefico equilibrio da entrambe le parti.

E qual è la cosa più importante che possiamo dare a Madre Terra? L'amore. Se amiamo qualcuno di sicuro vogliamo il suo bene, e il resto viene da sè.. (..) come possiamo ricambiarli? Rispettandoli e amandoli

Il libro è scritto in prima persona e questo ci permette di entrare ancora più a fondo in questa chiacchierata con l'autrice. Non è solo un manuale dove la tecnica viene spiegata e basta, l'autrice si sofferma a scrivere in maniera cosi' semplice e chiara da far capire al lettore come sia facile avere quel benefico equilibrio di guarigione.

Ma che cosa è la malattia? La malattia è un grande regalo che l'Universo ci fa perchè noi possiamo comprendere che qualcosa nella nostra vita non è in armonia, che non stiamo percorrendo il destino che ci siamo scelti, che abbiamo una parte di noi, che può essere fisica, emotiva,mentale o spirituale che ha bisogno di guarigione.

Andando avanti in questa lettura molto scorrevole e piacevole si inizia la parte della pratica dove l'autrice organizza in schemi i canti degli alberi per la guarigione, ovvero la creazione di olii ed elisir.

Interessanti sono anche le fotografie degli alberi e i disegni dei vari chakra. E' un libro da non sottovalutare, da tenere sempre a portata di mano.

Meditazione di Nelson Mandela:


La nostra paura più profonda non è di essere inadeguati.La nostra paura più profonda, è di essere potenti oltre ogni limite. E’ la nostra luce, non la nostra ombra, a spaventarci di più. Ci domandiamo: ”Chi sono io per essere brillante, pieno di talento, favoloso?“ In realtà chi sei tu per non esserlo? Siamo figli di Dio. Il nostro giocare in piccolo, non serve al mondo. Non c’è nulla di illuminato nello sminuire se stessi cosicchè gli altri non si sentano insicuri intorno a noi. Siamo tutti nati per risplendere, come fanno i bambini. Siamo nati per rendere manifesta la gloria di Dio che è dentro di noi. Non solo in alcuni di noi: è in ognuno di noi. E quando permettiamo alla nostra luce di risplendere,

inconsapevolmente diamo agli altri la possibilità di fare lo stesso. E quando ci liberiamo dalle nostre paure,

la nostra presenza automaticamente libera gli altri.


Nessun commento:

Posta un commento

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.