giovedì 15 ottobre 2015

In cielo brillava una sottile falce di luna. recensione

Buonsalve amici de Il mondo di sopra! Oggi iniziamo il pomeriggio con un libro che mi è piaciuto tanto.

E' importante che un libro ti riesca a prendere sin dall'inizio, perchè quando si arriva all'ultima pagina ti lascia una sorta di amarezza che ti fa venir voglia di ricominciare a leggerlo. Ma lasciate che ve lo presenti



Titolo: in cielo brillava una sottile falce di luna
Autore: Alessia Alberici
Prezzo € 14,00 cartaceo
Dati 2015, 222 p., brossura
Editore Silele (collana Adventure)

Sinossi:

La protagonista di questo romanzo è Nina, una giovane donna, autrice di testi musicali, costretta a cambiare vita e ad abbandonare le scene. Ella partirà con il suo fidanzato per ritrovare la serenità che il mondo dello spettacolo le ha tolto. Ma il viaggio, che avrebbe dovuto portarli verso la riviera del Conero, li vedrà protagonisti di avventure inaspettate. Da Sirolo alle terre selvagge di Panama, Nina si scontra con una realtà feroce e violenta: piuttosto insicura all'inizio, dimostra invece, nel corso della storia, un carattere quanto mai forte, capace di reagire anche quando sembra non esserci più una ragione per vivere. La sua storia è la storia di chi è disposto a tutto pur di arrivare alla verità; è la storia di chi trova il coraggio di risalire il proprio passato fino alle origini più remote, superando la paura di trovarsi di fronte a qualcosa di indicibile.






Avete presente quei libri che ti fanno bruciare le cene, i pranzi, perchè appena inizi a leggere non riesci a distogliere lo sguardo? Ecco.. l'autrice di cene me ne ha fatte bruciare parecchie.

E' un libro pieno di suspance dove si rimane letteralmente senza fiato. La lettura non è mai banale, ricca di contenuti avvincenti. 

Ho letto questo libro  tutto d'un fiato! La scrittura è semplice e armoniosa, nonostante la trama forte che tocca, si può quasi definire una lettura distensiva e armonica..un cullarsi e abbandonarsi all'ombra di un albero

Nella storia troviamo Nina che a seguito di una delusione decide di abbandonare tutta la sua routine quotidiana per ritrovarsi e dietro consiglio del suo compagno decide di fare un viaggio all'estero e di recarsi in una casa ricevuta in eredità da una prozia. 

Il viaggio si rivela pieno di incognite e di sorprese in quanto le sue certezze vengono a crollare.

Il modo di scrivere dell'autrice ci porta a immedesimarci nelle certezze, nelle delusioni, nelle paure e nella rabbia della protagonista, pagina dopo pagina ci troviamo a scoprire un mondo che in un attimo crolla.

Contenuti forti, ma mai brutali. Leggere questo romanzo è vivere l'avventura della protagonista e sentire la stessa terra sotto i piedi.

Consiglio questo libro a chi sente la terra tremare sotto i piedi, a chi a volte vorrebbe partire come Nina e lasciarsi andare, a chi le sue certezze se le costruisce da solo passo dopo passo, a chi ha voglia di leggere un bel libro, a chi del mondo ha imparato a fidarsi poco, a chi si ritrova e a chi non si è mai perso, a chi ha paura del buio e paura di ciò che non conosce, a chi ha fame diversa.. e leggendolo capirete perchè 


Spero che l'autrice ci porti presto un seguito di Nina.  




1 commento:

  1. molto bello questo libro e poi hai fatto una recensione magnifica:)

    RispondiElimina

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.