sabato 7 novembre 2015

Io sono nessuno. recensione

Ben arrivato favoloso e stressante weekend. Ed eccoci qui davanti alla fine della settimana. In questa settimana abbiamo avuto articoli interessanti, libri altrettanto belli e ora eccoci qui che ci si trascina verso la libertà del tanto agognato sabato sera. E voi che farete? Già vi vedo pronti con le vostre copertine e una bella tazza fumante, mentre i gatti scorrazzano per casa.. ah no avete ragione quella sono io.. voi siete da tacchi a spillo e discoteca? Poi aspetto commenti su come indossare i tacchi, perchè forse sarò l'unica sul pianeta, ma io sui tacchi sono un incrocio tra un bradipo e un t-rex.. sono un brarex...un t-rexpo .. oddea mia sembra la brutta copia dell'expo.. ma andiamo avanti, dove ero rimasta? ah si.. a chiudere questa settimana con un libro diverso, difficile, un libro che ti lascia di cazzo.. (in senso buono ovviamente)


Titolo: Io sono nessuno
Autore: Jenny Valentine
Editore: Piemme
Pagine: 239
Prezzo: 17,00 cartaceo

Sinossi:

Per tutta la vita, Chap non ha fatto altro che scappare. Un giorno, nella casa-famiglia in cui abita temporaneamente, viene scambiato per Cassiel Roadnight, un ragazzo scomparso due anni prima. La somiglianza è davvero stupefacente e la famiglia, che ancora lo cerca disperatamente, sembra perfetta. È così che Chap decide di rubare l’identità di Cassiel e fingersi lui con la sua famiglia e i suoi amici. Diventare qualcun altro però è meno semplice di quanto Chap possa immaginare, soprattutto quando inizia a scoprire che la vita di Cassiel era tutt’altro che perfetta e che anche la sua famiglia nasconde molti segreti...






Avrò riguardato e riguardato la copertina per non so quanto tempo. Ho passato ore ad analizzarla prima di leggere il libro, e nonostante il tempo passato non riuscivo ad ingoiare le perplessità.. 
forse il beige intorno alla figura nascosta, forse intorno a quel nessuno, eppure solo quando ho finito di leggere il libro sono finalmente riuscita a comprenderla, a capirla e quasi ad amarla.

Quanti di noi nell'arco della nostra vita abbiamo tirato su il cappuccio della felpa sperando di sparire, di non essere notati.

Il protagonista ha sedici anni e si trova in un caos, tutto ciò che ha intorno è un caos, la sua vita stessa è un caos. Mi viene quasi da dire, o meglio da scrivervi che è il classico ragazzo che potremmo trovare ora per strada.

Ruba, fa a botte, racconta palle, cerca di sopravvivere al meglio, giorno dopo giorno. Finchè una botta di fortuna... o di culo.. gli permette di avere una seconda possibilità, ricominciare daccapo, essere qualcun altro, avere la vita di un perfetto sconosciuto.

Lo so, vi ricorda tantissimi altri film e altri video, addirittura sembra che si sia ispirata a tutti e a nessuno. Si avete capito bene a nessuno! Perchè l'autrice è una di quelle donne che non ha peli sulla lingua, che te lo dice senza pensare a come starai dopo.

E' una scrittura scorrevole, cruda, diretta, che ti lascia sulle spine dalla prima fino all'ultima pagina. 

Se non volete leggere questo libro non leggete la prima pagina perchè non riuscirete più a farne a meno. L'autrice con il suo modo di scrivere ci permette di coinvolgerci nella lettura, di pensare nella stessa maniera del protagonista, di sentire le sue stesse emozioni e i suoi dubbi

Trovo che il libro, e per me a differenza delle altre blogger, è una nota positiva nel momento in cui lascia spazio al protagonista e lo evidenzia in tutte le sue forme, mentre gli altri personaggi seguono solo il copione nella storia di Chap.



E' un thriller per ragazzi da 12 a 99 anni..è un libro che nonostante le poche pagine è profondo in tutte le sue righe.

E' un libro che va letto e va vissuto senza dar nulla per scontato.

E' un libro che vi da una seconda possibilità, coglietela!


La gente vede quello che si aspetta di vedere, quello che le serve. 











Nessun commento:

Posta un commento

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.