mercoledì 4 novembre 2015

Le ombre della luna. Recensione

Buongiorno amici de il mondo di sopra come state passando queste giornate di Novembre? Samhain è passato da poco eppure la sua energia rimane ancora nelle strade, nell'aria, tra la gente.

Oggi voglio parlarvi di un libro diverso, un libro nuovo che battezza la nuova collaborazione con la casa editrice La Sirena Edizioni.

Ma bando alle ciance passiamo alla presentazione.

Titolo: Le ombre della luna
Autore: Marco Berluti
Editore: La sirena edizioni
Pagine: 167
Prezzo: 13,00 cartaceo

Sinossi:

Giorgio, figlio di un impiegato in cassa integrazione e di una casalinga, nonostante la generosa intelligenza, la volontà e la forza d'animo, dovrà rinunciare ai suoi sogni, all'università e diventare un umile operaio. Il tutto per aiutare la sua famiglia che attraversa un periodo nero e difficilissimo. Dovrà quindi abituarsi alla vita in fabbrica, una realtà piena di lotte futili e meschine, dove i sentimenti sono mossi solo da interessi. Quando tutto sembra perduto, ecco però spuntare dall'oblio un raggio di luce: Michela. Una sua coetanea, intelligente, bella e sfacciatamente ricca. Tra loro germoglierà una passione che in breve tempo sboccerà in amore. Ma il male oscuro è in agguato e dopo qualche anno l'ombra della routine inizia a mordere, la mannaia della differente classe sociale cala inesorabile sopra le loro teste. Quelle diversità che all'inizio erano state la loro forza, e un ostacolo da affrontare insieme, diventano sempre più pesanti, forse insormontabili, tanto che il loro amore verrà messo a dura prova.




Quando uno scrittore scava dentro se stesso e si mostra al mondo, ecco che ne esce fuori un capolavoro.

Come ben sapete ho sempre difficoltà a recensire un libro che segna, un libro bello che scorre velocemente e ti lascia l'amaro in bocca perchè è già finito.

Ed ecco che questa è la situazione in cui mi trovo mentre vi parlo de Le ombre della Luna. Ammetto che capita raramente, ma quando ci si trova così con un libro aperto tra le pagine è come trovarsi davanti all'autore stesso che nella sua nudità, nel suo modo di essere, ci porta a conoscerlo, ci porta a sognare con lui, a temere i suoi stessi dubbi e a ragionare sulle sue perplessità.

In questo libro ci troviamo davanti al quotidiano che ultimamente sta percorrendo le nostre strade, una crisi che entra forte nelle case e butta a terra anche gli uomini più forti.

Ed ecco quindi che già dalle prime pagine ci troviamo in una famiglia distrutta, umiliata da ciò che i potenti hanno realizzato. 

Un uomo che umiliato distrugge i sogni del figlio nella maniera più brutta, cioè il non poter offrirgli ciò che vuole.. il continuare gli studi all'università.

La lettura è talmente scorrevole che dalla prima pagina ci troviamo già quasi a metà libro in poco meno di un ora. 

Qui l'autore pagina dopo pagina ci porta a scoprire il carattere e le personalità dei protagonisti che quasi come un ritmo musicale si alza sempre di più tono su tono fino a toccare le nostre anime.

In questo libro nonostante il dolore, la vita difficile che il protagonista e forse anche l'autore stesso si trovano a passare, troviamo spazio anche all'amore, quasi come se pezzi di puzzle si completassero a vicenda creando un disegno armonioso e vero.

Non è un romanzo facile per chi percorre nel quotidiano queste strade, ma l'autore ha saputo portarci nella luna stessa con i sentimenti e le emozioni che ci fa provare.

Entriamo nella testa del protagonista in maniera cosi diretta e cruda che a volte gli stessi dubbi quasi diventano i nostri, il modo cosi forte di parlarci ci permette di trovarci li, nelle situazioni che l'autore descrive.

Credo che sia il primo romanzo se non sbaglio dell'autore e spero vivamente che non sia l'ultimo in quanto sarebbe un peccato perdere una scrittura cosi completa.

Consiglio questo libro a chi ha voglia di spaccare quella routine, a chi ha perso sogni e ne ha ritrovati altri, a chi ha rabbia dentro che tramuta in sorrisi amari, a chi perennemente triste, a chi perennemente felice, a chi si innamora, a chi fa l'amore, a chi fa l'amore con gli occhi e poi con il corpo, a chi le paranoie le fa da padrone, a chi si sotterra con l'ansia, a chi dei potenti se ne frega, a chi dei nemici ne fa vittoria.

E se poi la deludo? Dai cazzo, non cominciare a farti queste stupide paranoie, è la cosa più bella che ti sia capitata nella vita. Vedi di godertela fino in fondo.








Nessun commento:

Posta un commento

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.