giovedì 12 novembre 2015

Olga di carta il viaggio straordinario. Recensione

Sole caro finalmente amico Sole che riempi la giornata di oggi!
"Ora vieni con me, verso un mondo d'incanto.. " Ecco la canzone adatta per parlarvi di questo libro che in anteprima la casa editrice Salani, mi ha permesso di recensire.

Cari amici de Il mondo di sopra, mi trovo qui davanti alla mia tisana preferita di idromele e una sigaretta che ormai quasi spenta si ferma nel posacenere e stranamente non so da dove iniziare per parlarvi di questo libro, perchè quando un libro lascia un segno non si riesce mai a trovare le parole.


Titolo: Olga di carta. Il viaggio straordinario
Autore ed Illustratore: Elisabetta Gnone
Editore: Salani
Pagine: 304
Prezzo: 14,90 € cartaceo




Sinossi:

Olga Papel è una ragazzina esile come un ramoscello e ha una dote speciale: sa raccontare incredibili storie, che dice d’aver vissuto personalmente e in cui può capitare che un tasso sappia parlare, un coniglio faccia il barcaiolo e un orso voglia essere sarto. Un giorno, per consolare il suo amico Bruco, dal carattere fragile, Olga decide di raccontargli la storia della bambina di carta che partì dal suo villaggio per andare a chiedere alla maga Ausolia di trasformarla in una bambina normale, di carne e ossa. Inizia così un lungo e avventuroso viaggio che vedrà Olga di carta attraversare cieli, mari e monti, affrontare mille pericoli e trovare finalmente ciò che stava cercando.


  


Quando si è bambini si leggono storie che forse non capiamo, eppure ci rimangono dentro e le portiamo con noi avanti, passo dopo passo ricordiamo le parole che l'autrice ci lascia.

Elisabetta è un autrice che con fairy oak è rimasta nel mio cuore, è stata una serie che mi ha conquistato anche da adulta e quando l'ufficio stampa mi ha parlato di questa storia il mio cuore ha sussultato, perchè sapevo che sarebbe uscito un altro capolavoro.

Olga di carta è una di quelle storie che vanno lette non solo dai bambini, ma soprattutto dai grandi, dagli adulti che a volte dimenticano quella piccola magia che arriva leggendo un libro.

Olga è una bambina che con la sua innocenza e simpatia racconta una storia. Con questo libro ci troviamo in mezzo ai bambini, seduti in cerchio ad ascoltare la storia di una storia.. di una bambina di carta.

Mi piace iniziare questa recensione con un c'era una volta e vi parlo sorridendo. C'era una volta una bambina di carta che stanca della sua situazione cosi delicata e fragile decise di avventurarsi alla ricerca di una maga che le permetterà finalmente di realizzare il suo sogno più grande (e qui ricorda un po' Pinocchio) ovvero diventare una bambina vera, fatta di ossicine e pelle

L'avventura della piccola carta ci permette di trovare posti incantati, personaggi meravigliosi con cui riusciremo anche noi lettori, ad imparare qualcosa.

Alla fine del libro ci ritroveremo a sorridere a capire che l'autrice ci lascia la sua morale quasi come un foglietto di carta, una piccola pergamena arrotolata nel cuore che ci permette di sognare, di amarci, di guardarci allo specchio e capire che noi siamo perfetti cosi, perchè siamo diversi, perchè siamo unici.

Quante volte e spesso noi donne ci siamo trovate a non amare spesso il nostro corpo o anche i nostri soli difetti caratteriali, guardando sempre con  ammirazione gli altri  piuttosto che noi stessi? Olga ci permette di voltare lo sguardo e capire che nonostante il nostro corpo sia fatto di carta, noi siamo perfetti così, ci permette di sorridere e volerci bene.

Avete presente la canzone di Aladdin che vi ho citato prima? Beh, leggere questo libro significa volare sul tappeto volante e rimanere su nel cielo a guardare le meraviglie del mondo.
                                                                                            L'autrice con le sue parole come musica ci fa viaggiare in un ritmo delicato, pagina dopo pagina ci ritroveremo ad ascoltare le sue parole trovandoci davanti al camino e non riusciremo a staccarci da quel mondo straordinario.

Tutte le storie raccontate da Elisabetta le ho sempre trovate bellissime, ma questa con le sue illustrazioni così delicate fatte di carta, ci rimarrà dentro, come un piccolo tesoro da conservare e non abbandonare mai più.

La penna magica dell'autrice scorre veloce nelle pagine e il suo essere così perfetto e armonioso ci permette di immaginare facilmente i luoghi e le creature che incontra.

Creature che ameremo dalla prima all'ultima perchè in questo libro non troverete creature cattive che faranno del male alla piccola bambina di carta, ma creature che si faranno in quattro per aiutarla.

Il viaggio della piccola Olga è difficile perchè passo dopo passo e strada dopo strada si troverà a crescere, ma ogni creatura e luogo che incontrerà saranno solo piccole spintarelle in più che le permetteranno di andare avanti, mai in queste pagine troveremo ostacoli che le faranno del male. 

E il libro è bello cosi, perchè delicato e armonioso ci lascia un sorriso dall'inizio fino alla fine.

C'è poco da dire se non che è un libro che si ama, che si lascia amare facilmente come del resto tutti i romanzi di questa autrice, che presto avremo l'onore di intervistare in quella grigia di Milano

Non aspettate oltre, alle persone che amate, alle persone di tutte le età regalate questo libro perchè vi permetterà di sentirci unici, di sentirci speciali, di sentirci diversi ma completi.

Un libro che permette ad un bambino di crescere e ad un adulto di sognare.

Consiglio questo libro a tutti, a chi vuol sentirsi unico, a chi si vuol amare.







4 commenti:

  1. sono senza parole VOGLIO QUESTO LIBROOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO

    RispondiElimina
  2. Mi hai fatto provare forti emozioni con questa recensione..complimenti a te e a questo libro magnifico!!!♡.♡

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti ringrazio cara. è un libro che mi ha lasciato dentro un impronta significativa.

      Elimina

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.