martedì 26 gennaio 2016

I Gillespie. Recensione

Si può divorare un libro in una sera? Di solito mi capita con i fantasy o con i libri per ragazzi e questo invece è tutt'altro. 

E' un romanzo di cinquecento pagine, eppure il tempo si fermerà e ci saranno solo quelle righe.

Autore: Jane Harris
Titolo: I Gillespie
Prezzo: € 9,00
Editore: Beat edizioni (edizione originale Neri pozza)


















Quando la casa editrice mi ha segnalato questo romanzo sono rimasta colpita dalla copertina. Da quell'aria da romanzo storico vittoriano e non potevo quindi non recensirlo.

Fidatevi, aprire questo libro vi farà rimanere completamente di sasso come è successo a me. Sono la bellezza di più di cinquecento pagine... eppure l'ho divorato completamente in una sera. E' un romanzo che vi farà impazzire.

Ci troviamo davanti ad un capolavoro che ci permette di mettere in dubbio le righe che stiamo leggendo. 

Esistono le coincidenze oppure tutto è già stato scritto?

Ci troviamo di fronte ad una donna indipendente che ha la possibilità di viaggiare per il mondo. E' una donna sola che affronta con coraggio il suo tempo e non demorde alle avversità. Quando si rende conto dopo l'ennesimo ostacolo che è ora di far una bella vacanza, decide di partire per Edimburgo. 

Il linguaggio in prima persona ci permette di immedesimarci ancor più nella storia e visualizzarci lì con la protagonista nei vicoli e tra i circensi di strada. 

Avete presente quelle chiacchiere tra amiche davanti ad un the mentre vi racconta la sua avventura in un paese che ha visitato? E voi con aria sognante siete lì ad assaporare ogni sua parola? Beh l'autrice fa esattamente la stessa cosa: ci fa sognare, almeno all'inizio. 

Coincidenza o meno ecco che la narratrice si trova a salvare la vita ad un'anziana signora, la vecchia signora Gillespie che "gentilmente" e "teneramente" la invita a casa sua per ringraziarla.

Le righe che raccontano il salvataggio ci lasciano una sorta di mancato respiro (un po' come l'anziana signora) ed un sorriso finale quando la protagonista le salva la vita e ci racconta anche il come.

Pagina dopo pagina ritroviamo la protagonista finalmente soddisfatta. Non si sentirà più estranea in una terra straniera, finalmente sarà a casa.

L'autrice ci porta nella famiglia di Gillespie in punta di piedi. Ci troviamo di fronte ad una famiglia particolare che nonostante le loro stranezze, i loro ostacoli la narratrice se ne affeziona.

Ci troviamo di fronte a vari personaggi: alcuni insicuri, altri malvagi, altri forse troppo modesti...fatto sta che la donna prende a cuore tutto questo e comincia a coltivare una grande amicizia con queste persone. Come l'autrice racconta questa amicizia che coltivano da entrambi le parti, riesce a donare entrambi un qualcosa di buono e speciale (o forse no?)

L'amicizia pagina dopo pagina scorre velocemente e ci fa capire come la protagonista aiuti anche economicamente questa famiglia un po' particolare. 

Avete presente quelle melodie che ad un tratto salgono su di tono e fanno sussultare il cuore con un mezzo infarto? Ecco. Nel libro succede esattamente così. Tutto ad un tratto quella magica melodia sinuosa e soave che si era creata, viene completamente stravolta.

Ecco quindi che comincia l'emozione che vi lascerà completamente di sasso e che vi farà divorare il libro in pochissime ore solo per scoprire come va a finire. (E nonostante l'arrivo della fine.. rimarrete di sasso ancora e comunque!) 

Qui non vado avanti, preferisco non spoilerare, ma la narratrice si ritrova a raccontarci quasi con tristezza ciò che succede.

Se nelle prime parti del romanzo la lettura era sembrata così delicata, così storica, da leggere davanti ad una calda tazza di tisana ai frutti, ora ci troviamo davanti ad un thriller degno di nota. Viene completamente stravolta ogni cosa quindi le coincidenze che prima sembravano nascere, ora diventano marchingegni malefici inventati da chissà quale pazzia mentale.

Che dire quando un romanzo si ama? Lo si divora. Ed io questo come vi ho detto all'inizio l'ho completamente divorato in un giorno. La storia, la "perversione" quasi dell'autrice ci permette di stravolgerci. La sua provocazione e il suo modo di giocare con noi fa si che questo romanzo nonostante sia un mattoncino di pagine, ci porti a non annoiarci mai.

Il farci rimanere di sasso, completamente inermi davanti a quello che succede fino alla fine del libro è qualcosa di terribilmente pazzesco, angosciante e meraviglioso al tempo stesso. Non è il solito romanzo che ti fa arrivare alla fine con il pensiero in testa "bella lettura, complimenti all'autrice" , ma è un romanzo che ti lascia con un senso di amarezza in bocca non sapendo se quell'autrice maledirla o adorarla. 

Bello. Bello. Bello e un altra parola che mi viene da dirvi è ancora ancora ANCORA. Perchè di questo libro io avrei letto ancora e ancora. non solo cinquecento pagine in un giorno, ma mille.

Nulla è come sembra, non lasciatevi fregare dalla copertina così tenera, così antica, così quasi melodica che richiama altri tempi anche grazie all'utilizzo del rosa antico. 

Non lasciatevi fregare dai toni delicati che si trovano alle prime pagine, la tisana ai frutti vedrete che vi si raffredderà davanti agli occhi perchè sarete totalmente immersi in questa lettura.

Non ci sarà altro spazio tra voi e il libro. La bocca rimarrà spalancata fino all'ultima pagina.

Non aspettatevi in questo libro un lieto fine perchè nonostante il risultato, il finale rimarrà comunque aperto. Qui non finisce in un vissero felici e contenti, qui finisce in un vissero e basta. 

Non fatevi prendere dalla lentezza armoniosa della prima parte, avete presente i cioccolatini ripieni al liquore? Beh attenti che il liquore brucia. 

Consiglio questo libro a chi ha voglia di leggere qualcosa di avvincente, a chi non lascia nulla al caso, a chi crede che le coincidenze non esistono... o forse no. 














3 commenti:

  1. 500 pagine in una sera? Sono molto curiosa perché non mi capita spesso di avere un libro così coinvolgente!!♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si l'inizio può sembrare lento, ma ti consiglio di non sottovalutarlo perchè ad un tratto cambia immediatamente tutto e non ti accorgerai del tempo che passa :)

      Elimina
  2. Complimenti per la recensione.. hai davvero catturato la mia attenzione e interesse per questo libro, sono davvero curiosa :) Me lo annoto subito ;)

    RispondiElimina

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.