lunedì 11 gennaio 2016

Prima tappa del Blogtour Extinction:presentazione ed estratto in anteprima



Buongiorno amici de il mondo di sopra, oggi iniziamo la giornata sorseggiando un the caldo ai frutti e dando il via alla prima tappa del Blogtout Extinction di Alessandro Aghina, dove ho il piacere di ospitare.




Extinction
(Fiamma & Tenebra Vol. 2)
Alessandro Aghina

Editore: Edicolors
Genere: Fantasy, Sci-fi
Collana: Mondi Segreti
400 pagine
Data uscita edizione digitale: 23 dicembre 2015
Prezzo edizione digitale: 2,99 euro

** La versione cartacea uscirà in primavera**

Sinossi:

“L’uomo è schiavo innanzitutto delle sue paure” predica il Mistico, il misterioso liberatore di schiavi delle Terre del Moldan, i mitici ‘Tredici Regni’.In questa spietata terra feudale, Ari, la giovane scout protagonista del primo volume della serie Fiamma e Tenebra, dovrà confrontarsi con stirpi reali dotate di inquietanti poteri psichici, organizzazioni di crudeli assassine, monaci guerrieri maestri delle discipline della mente e gli immancabili Antichi che rimescolano le carte del mazzo a loro piacimento. Per l’intrigante Ezri il destino ha in serbo alcuni colpi di scena che trasformeranno la sua vita di agi e lusso in una lotta quotidiana per la sopravvivenza.

Tappe del Blogtour:



Prima tappa: PRESENTAZIONE  TRILOGIA “FIAMMA & TENEBRA”

Il nuovo romanzo di Alessandro Aghina è il secondo volume della serie fantasy-sci-fi “Fiamma & Tenebra”.
Ambientata in un mondo immaginario ma dai connotati molto realistici, la serie “Fiamma & Tenebra” racconta le avventure di Ari, la giovane scout di Saipang e di Ezri, potente e conturbante amministratrice di una delle più importanti corporazioni che dominano sulle terre ideate dall’autore.
Senza mai incontrarsi, le due donne devono affrontare tutta una serie di avventure distinte ma concatenate tra di loro, sotto l’inquietante ombra degli Antichi, un popolo misterioso e dotato delle più sofisticate tecnologie, che farà di tutto per annichilire l’intera razza umana.
Nella costruzione del suo universo l’autore non lascia nulla al caso, creando un mondo alternativo di razze, lingue e specie animali allo stesso tempo bizzarro e meraviglioso, da scoprire a ogni pagina. Il modello di economia sarà la causa scatenante della crisi descritta nel primo romanzo della serie, in cui conosceremo le due protagoniste: l’una giovane, inesperta per certi aspetti, e tendente all’idealismo. L’altra spietata e raffinata, che usa tutte le armi a disposizione di una donna bella e astuta per ottenere una sola cosa: il potere. Nel secondo volume l’autore riprende le vicende delle due protagoniste, ampliando lo scenario di narrazione alle terre del Moldan, un territorio misterioso abitato da stirpi che fanno della guerra e delle alleanze politiche il loro vessillo. Non mancheranno gli insidiosi Antichi, con un’altra minaccia che metterà seriamente in gioco l’intera razza umana

Qualche riga sull'autore:

Alessandro Aghina è un esperto di chimica “prestato” al fantasy. Direttore commerciale con esperienza sia in Italia che in Germania, infonde la sua passione per il dettaglio e l’organizzazione nel primo romanzo pubblicato con Edicolors, “Fiamma&Tenebra. Le torri del Potere”. L’autore ha infuso nella trilogia i principali aspetti del fantasy, adottando l’amore per l’intrigo senza troppo spazio alla magia (come nel celebre Game of Thrones di George R. Martin); ha creato un mondo alternativo credibile e ben strutturato (concetto base dell’opera di JRR Tolkien de “Il signore degli anelli”), aggiungendo gli intrecci e la fantascienza di “Dune”di Frank Herbert.


ESTRATTO: IL PRIMO CAPITOLO IN ANTEPRIMA

CAPITOLO 1 - Notizie

L’uomo è schiavo innanzitutto delle sue paure.
Il Cammino verso la Libertà – Pensieri del Maestro - di Sekander Umman

Mese del Sale, Ciclo 519 dell’Era Industriale
Era sempre la solita storia: ogni volta che non rimetteva a posto subito i documenti che toglieva dai fascicoli, questi sparivano! Dove per Ahriman si era cacciato? C’erano troppe carte sulla scrivania dell’amministratore di una delle più potenti corporazioni di Saipang. Tra poco avrebbe dovuto accendere le lampade a olio, la luce esterna si stava affievolendo e aveva assunto il tono purpureo che preannunciava l’imminente tramonto. “Rendiconto Finanziario ciclo 518”: ah, eccolo qui, finalmente! Dopo aver sollevato una voluminosa e pesante catasta di carte e fascicoli, Ek n’tar ne estrasse uno che conteneva numeri su numeri. Allungò poi il braccio quel tanto che gli consentiva di metterlo meglio a fuoco. L’indebolirsi della vista era solamente una delle tante spiacevoli conseguenze del trascorrere inesorabile del tempo. Ormai non poteva più rimandare l’ineluttabile: aveva bisogno di un paio di occhiali.
Quel giorno era di umore pessimo: gli avevano appena comunicato che uno dei filoni più produttivi della miniera di Argento di Jar Ma’dan si stava esaurendo. Il rendiconto finanziario del ciclo passato purtroppo non avrebbe contribuito a migliorare il suo già tetro umore. Presto sarebbe stato necessario aprire una nuova linea di credito con il Collegio di Controllo Metallifero... l’ennesima. Dalla fine della guerra la situazione finanziaria della CLC, la gigantesca Corporazione del Libero Commercio, si era progressivamente deteriorata. Gli spaventosi costi della ricostruzione post-bellica avevano aggravato una situazione già critica, dovuta principalmente alla fiacchezza dei mercati. Nessuno aveva soldi da spendere al momento, questa era la realtà. Possibile che le altre corporazioni non riuscissero a ricostruire anche loro, creando in tal modo un circolo virtuoso che facesse ripartire il volano dell’economia? Un viaggio alla sede centrale del Collegio a Shahr era inevitabile...
«Efendim!»
La voce del suo segretario interruppe il filo dei suoi pensieri. “Un’altra grana” pensò Ek n’tar quando vide il viso familiare e un po’ contrito del suo giovane assistente fare capolino da dietro il pesante doppio portone di bronzo del suo ufficio. “Sentiamo un po’ che cosa c’è di così urgente per essersi presentato alla fine della quinta ora” si domandò.
«Dimmi, Sekandar.»
«Ho qui una lettera indirizzata a voi.»
«L’avrai già aperta, immagino, cosa vogliono?»
«Ehm... in effetti non l’ho aperta, c’era scritto “strettamente personale”.»
La maggior parte delle lettere indirizzate a lui recavano quella dicitura: era insolito che il suo assistente, curioso come un rongiu, non l’avesse aperta. Evidentemente doveva essere sigillata.
«Mettila lì sul mucchio della posta in ingresso e vai pure, è già tardi.»
«Bene, Efendim, però tengo a precisare che la busta riporta anche la dicitura “estremamente urgente”.»
«Da dove viene?»
«Dalla nostra filiale di Emsa.»
«Dammela, per favore.» Ek n’tar quasi strappò la busta dalle mani del giovane. Ruppe il sigillo in ceralacca raffigurante l’emblema della CLC, la stella dorata a dieci punte racchiusa in un cerchio rosso fuoco, estrasse il foglio e iniziò a leggere avidamente:

6 del Mese del Sale, Ciclo 519 EI

Dal Responsabile di Filiale della Corporazione del Libero Commercio presso Emsa
Al sommo Darshan Ek n’tar presso la Sede Centrale, Guldur

È con incommensurabile rammarico che vi devo informare che da parecchi giorni, ormai, vostra figlia Ari è dispersa nella terra del Dorstan. Non vi sono speranze concrete di ritrovarla in vita, pertanto abbiamo sospeso le operazioni di ricerca. Desideriamo esprimere il nostro più profondo cordoglio per quanto accaduto.
Restiamo comunque in attesa di ricevere vostre istruzioni.
Cordialmente
Samaras Rastani
Responsabile della Filiale di Emsa

La lettera scivolò dalla mano di Ek n’tar e fluttuò pressoché immota in aria per una frazione di secondo, quasi come se una forza misteriosa ma invisibile avesse deciso che il contenuto fosse troppo importante per posarsi sul pavimento. Infine prese abbrivio e si librò leggera verso uno degli angoli del prestigioso studio dell’amministratore.

Alla prossima tappa nelle cricche mentali di un aspirante scrittrice.






2 commenti:

  1. Non conoscevo ancora questa saga, ma devo dire che sono molto incuriosita! Provo a tentare la fortuna (:
    Condivido l'evento su fb: https://www.facebook.com/angelica.bellantoni/posts/10208716990511828?pnref=story
    Twitter: https://twitter.com/Engie_chan/status/699327848360841216
    Google +: https://plus.google.com/u/0/108856330878053028995/posts/4CpyPxVXPnX
    Seguo la pagina fb come Angelica Bellantoni, così come i blog (: Nel caso servisse la mia mail è: angelica.bellantoni@hotmail.it

    RispondiElimina
  2. Ho visto solo ora cmq tento sembra carina ...seguo come silvia Genova la mia email è cimpipessa@Gmail.com

    RispondiElimina

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.