giovedì 31 marzo 2016

Blogtour Signora della Mezzanotte di Cassandra Clare



Buon giovedì cari amici lettori, oggi ho l'onore di ospitare una tappa del Blogtour Signora della Mezzanotte, la nuova uscita di Cassandra Clare su Shadowhunters.


Genere: Urban Fantasy
Casa editrice: Mondadori
Data di Uscita: Marzo 2016
Prezzo: € 19.00


Sinossi: Los Angeles 2012. Sono passati cinque anni da quando Emma Carstairs ha perso i genitori, barbaramente assassinati. Dopo il sangue e la violenza a cui ha assistito da bambina, la ragazza ha dedicato la sua vita alla lotta contro i demoni ed è diventata la Shadowhunter più talentuosa della sua generazione. Non ha però mai smesso di cercare coloro che hanno distrutto la sua famiglia e, quando si rende conto che l'unico modo per arrivare ai colpevoli è quello di allearsi con le fate, da anni in lotta con gli Shadowhunters, non si tira indietro. È una partita molto pericolosa, ma Emma, insieme a Julian, suo migliore amico eparabatai, ha tutte le intenzioni di giocarla fino in fondo. Non solo la ragazza potrebbe finalmente vendicarsi, ma per Julian si apre la possibilità di riabbracciare il fratello Mark, che anni prima era stato costretto a unirsi al Popolo Fatato. Inizia così una corsa contro il tempo, un'indagine ricca di colpi di scena, dove i bluff e i doppi giochi non mancano e i sentimenti più profondi sono messi a dura prova. Compreso quello che lega Emma e Julian, forse di natura diversa rispetto a quel legame puro, unico e indissolubile che dovrebbe unire due parabatai: un sentimento che la Legge non accetta. Questa è un'edizione speciale con il racconto in esclusiva La festa di fidanzamento.



Oggi la mia tappa vi lascerà un estratto tratto dal libro. E' stato difficile sceglierne uno solo, in quanto in un modo o in un altro li ho amati tutti, ma questo quando l'ho letto mi ha fatto venir i brividi.. 





Julian stava dipingendo. Cristina gli aveva consegnato il messaggio da parte di Emma dopo che era sceso dalla soffitta: un biglietto scarno, essenziale, solo per dire che andava da Cameron e di non aspettarla.
Lo aveva accartocciato dentro al palmo della mano mormorando qualcosa a Cristina. Un secondo dopo era corso su per le scale, verso lo studio. Aveva aperto l'armadietto delle scorte, tirato fuori tutti i colori. Si era tolto la giacca della tenuta, l'aveva buttata a terra, e tolti i tappi dai tubetti li aveva spremuti sulla tavolozza finchè l'odore acre della pittura a olio non aveva riempito la stanza, dissipando la nebbia che aveva in testa. Attaccò la tela brandendo il pennello come un'arma, e sembrò quasi che il colore gli sgorgasse fuori dal corpo allo stesso modo del sangue. Stava dipingendo con il nero, il rosso e l'oro, sfogando gli eventi degli ultimi giorni come fossero veleno. Il pennello fendeva la tela vuota ed ecco Mark sulla spiaggia, con la luce della luna che si rifletteva sulle sue tremende cicatrici alla schiena. Ty con il coltello puntato alla gola di Kit Rook. Tavvy che urlava per gli incubi. Mark che indietreggiava davanti allo stilo. Sapeva che stava sudando. che aveva i capelli incollati alla fronte. Sentì in bocca il  sapore del sale e della pittura. Non avrebbe dovuto essere lì: avrebbe dovuto badare a Tavvy, trovare nuovi libri per sfamare la curiosità di Ty, applicare rune di guarigione a Livvy quando si faceva male tirando di sciabola, sedersi con Dru a guardare pessimi film dell'orrore. Avrebbe dovuto stare con Emma.Ma lei non c'era: era andata a vivere la sua vita, ed era  così che doveva essere, così che doveva funzionare tra parabatai. Il loro legame non era un matrimonio. Era qualcosa che le parole mondane non potevano descrivere.Significava desiderare la felicità di Emma più della propria, ed era così.



Siete stati rapiti anche voi dal mondo di Shadowhunters? Beh... prima di svenire davanti all'immagine evocativa di questo estratto, vi ricordo che fino all' 8 aprile è possibile partecipare al Giveaway che vi darà la possibilità di vincere una copia cartacea del romanzo, basta solo seguire queste semplici regole:

-  Diventare lettori fissi di tutti i blog partecipanti che trovate nel calendario:


MY CREA BOOKISH KINGDOM - http://angeltany.blogspot.it/
LIBER ARCANUS - http://liber-arcanus.blogspot.it/
LE LETTRICI IMPERTINENTI - http://lettriciimpertinenti.blogspot.it/
INSIDE A BOOK - http://inside-a-book.blogspot.it/
IL COLORE DEI LIBRI - http://ilcoloredeilibri.blogspot.be/
WE ARE IN WONDERLAND - http://weareinwonderlandblog.blogspot.it/
WE FOUND WONDERLAND IN BOOKS - www.wefoundwonderlandinbooks.blogspot.it
CHIACCHIERE LETTERARIE - www.chiacchiereletterarie.it
OVER THE HILLS AND FAR AWAY - http://nalie-overthehillsandfaraway.blogspot.it/
L'ANTICO CALAMAIO - http://anticocalamaio.blogspot.it
L'UNIVERSO DEI LIBRI - http://libricheamore.blogspot.it
IL MONDO DI SOPRA - www.ilmondodisopra.it
HOOK A BOOK - http://hookingbooks.blogspot.it/
SOGNI DI MARZAPANE - http://sognidimarzapane.blogspot.it/
BOOKISH ADVISOR - http://bookishadvisor.blogspot.it
BOOKHEARTBLOG - http://bookheartblog.blogspot.it/
I LIBRI: IL MIO PASSATO, IL MIO PRESENTE E IL MIO FUTURO - http://libriilmiopassatopresentefuturo.blogspot.it
HAREM'S BOOK - http://www.haremsbook.com/
IL SALOTTO DEL GATTO LIBRAIO - http://ilsalottodelgattolibraio.blogspot.it/
WHISPER: LA VOCE DEL TEMPO - http://whisperlavocedeltempo.blogspot.it
EVERY BOOK HAS ITS STORY - http://everybookhasitsstory.blogspot.com/
BLOG OF FALLEN ANGEL - http://blogofafallenangel.blogspot.it/
LE TAZZINE DI YOKO - http://www.letazzinediyoko.it/
NEW ADULT E DINTORNI - http://newadultedintorni.blogspot.it/
ROMANCE & FANTASY FOR COSMOPOLITAN GIRLS - http://fidibooksblog.blogspot.it
IL CASTELLO TRA LE NUVOLE - http://ilmondodiangelica.blogspot.it/
LEGGERE E' UN MODO DI VOLARE SENZ'ALI - http://leggerecomevolaresenzali.altervista.org/
LEGGENDO ROMANCE - http://leggendoromancebooksblog.blogspot.com
PLEASE ANOTHER BOOK - http://pleaseanotherbook.tumblr.com
THE BOOKISH TEAPOT - http://thebookishteapot.blogspot.it/
LA QUINTESSENZA DEI LIBRI - http://laquintessenzadeilibri.blogspot.it
LEGGENDO VIAGGIANDO - http://leggendo-viaggiando.blogspot.it/
COFFEE AND BOOKS - http://coffeeandbooksgirl.blogspot.it/
CAMMINANDO TRA LE PAGINE - http://camminando-tra-le-pagine.blogspot.it/
LEGGERE ROMANTICAMENTE - http://www.leggereromanticamente.com/
UNIVERSI INCANTATI - http://valentinabellettini.blogspot.com

- Commentare almeno in uno dei blog

- Seguire Mondadori Chrysalide e Cassandra Clare su facebook e twitter.

- Mettere le risposte alle domande delle due parti di esame Shadowhunters.

- Condividere l'evento nei vari social.

mercoledì 30 marzo 2016

w..w...w...wednesday!

Finalmente un nuovo appuntamento con questa simpatica rubrica!




Per partecipare basta rispondere a queste semplici domande:

- Cosa stai leggendo?
- Cos'hai appena finito di leggere?
- Quale sarà il prossimo libro che leggerai?




- Cosa stai leggendo?



Il ristorante dell'amore ritrovato e Sorella sono due libri inviatomi dalla casa editrice. Il primo (il ristorante dell'amore ritrovato) è una lettura leggera e magica, una lettura che ultimamente sta catturando le mie ore serali davanti ad una tazza calda fumante di the alle rose. Sorella è diverso, Sorella mi ha spiazzato non solo per la copertina. Amo quel tocco di rosso su sfondo bianco, l'ultima volta che ho amato una copertina simile è stata con la vecchia signora del fiume della edizioni Il ciliegio anche lei rossa su sfondo grigio, ma questo mi ha spiazzato anche per il rapporto profondo d'amore tra le sorelle.


- Cos'hai appena finito di leggere?



Il mondo dell'altrove è un libro che mi ha piacevolmente stupito e non vedo l'ora di lasciarvi la recensione, ringrazio ancora l'autrice per avermelo inviato. Gli occhi neri di Susan, ah. Cazzo. Si passatemelo, perchè io l'ho amato, è stato un libro letto in quattro ore o poco meno.. non ci sono parole per quanto mi ha dato. (se vi siete azzardati a perdervi la recensione, cliccate in questo click.)
Come saltano i pesci... ni. Non è male, ma mi aspettavo qualcosa in più...non vi dico altro. 


- Quale sarà il prossimo libro che leggerai?




Posso dire che li amo entrambi? Ok sto barando perchè ho già iniziato a leggerli e sfogliarli, ma appena arrivati non sono riuscita a resistere.. sono bellissimi! Ringrazio ancora la casa editrice per Serafina, sarà una di quelle recensioni da mozzare il fiato, talmente ho tanto da dire!


Voi invece cosa state leggendo? Sono curiosa di scoprire le vostre risposte.. 









martedì 29 marzo 2016

Gli occhi neri di Susan. Recensione

Leggere fa bene al cuore e all'anima, Leggere aiuta a scoprire mondi e sguardi diversi... e stavolta ci perdiamo negli occhi neri di Susan.
Mettetevi comodi, date mano ai portafogli, qui questo libro vi lascia senza fiato.

Titolo: Gli occhi neri di Susan
Autore: Julia Heaberlin
Editore: Newton Compton Editori
Prezzo: € 12,00
Numero di pagine: 335
Giorno d'uscita: 31 Marzo 2016
















Come si può vivere dopo aver letto questo romanzo? Come si può rallentare i battiti del cuore, dopo che sono stati veloci, forse anche troppo, fino all'ultima pagina? Come si può cambiare le cose?
Da questo romanzo verrete rapiti e come me vi sarà difficile lasciarlo andare.

Dicono che presto verrà tratto un film da questo libro e spero con tutto il cuore che le emozioni provate durante la lettura, possano riapparire davanti al grande schermo.

Aprendo il libro possiamo subito notare che come questo si divida in più parti, capitolo per capitolo troviamo una protagonista divisa a metà, una protagonista che come davanti ad uno specchio ci racconta la sua immagine.

Quando la vita si spezza in due, quando arriva quel qualcosa che fa male, che ti cambia completamente, che ti distrugge e ti scava l'animo, come si può andar avanti, come si può non sentire il vuoto che ti divora lento dall'interno? Un morto che cammina, un'involucro vuoto che respira solo perchè deve.

E' questa la sensazione che ci arriva dalla protagonista, da Tessa che a sedici anni la sua vita è stata distrutta e i pezzi non si sono mai ricomposti fino in fondo.

Non fraintendete le mie parole ora che vi dico che per una svista dell'assassino, Tessa è viva, perchè ciò che ci mostra l'autrice è qualcosa di lento, qualcosa che si trascina verso l'oblio.

Come vi dicevo Tessa si ritrova ad essere l'unica sopravvissuta all'inferno, un inferno creato da un essere che la rapisce a sedici anni, e creduta morta la seppellisce con ciò che resta delle vittime precedenti.

Ora prendete fiato, immaginatevi lì in una fossa, tra sangue, terra, vomiti, ossa e dolore.. immaginatevi circondate da animaletti pronti a mangiarvi quando chiudete gli occhi, sempre se gli occhi li avete ancora.. io non sono brava con la scrittura ad evocare una scena del genere, ma credetemi se vi dico che l'autrice è stata capace di darmi i brividi.

Ho divorato completamente questo libro in quattro ore, sperando di non arrivare presto alla fine, per riuscire a gustarmelo ancora e ancora.

Pagina dopo pagina Tessa, dopo quest'esperienza cosi' disarmante, cresce e diventa adulta, ma la rabbia, la frustrazione e i sensi di colpa sono troppi per lei, sono così caotici nel suo animo che spesso sembra mancarle il respiro. Lei sa chi è il mostro, sa chi è il diavolo che ha colpito lei e quelle vittime, sa il nome delle ossa che erano al suo fianco in quel campo, eppure la sua voce e i suoi ricordi sembrano esser spariti nel tempo, come se quell'orrore il suo cervello lo volesse nascondere in qualche modo.

Nonostante a pugni chiusi lei provi comunque ad andare avanti, a svegliarsi un nuovo giorno, la sua routine che stava cominciando a costruirsi, viene di nuovo rotta dalla notizia che forse hanno arrestato il mostro e lei si ritrova a dover testimoniare contro quel folle che con la sua mano voleva spezzarle la vita. Ma un uomo in divisa può davvero esser certo che il colpevole, il folle, il mostro sia proprio lui?

Questo libro è devastante, è qualcosa che non si può spiegare, è un libro che ti scava dentro e continua a ribollire perchè ti insinua dubbi su dubbi senza lasciarti mai. Voi che amate il genere thriller o che ne conoscete solo per sentito dire, non aspettatevi di trovarvi a seguire con un detective le tracce lasciate da un killer troppo ansioso, qui pagina dopo pagina, seguirete la vittima, le sue angosce e il suo tentar di riscattarsi.

Leggere può diventare un qualcosa di estremo, una corsa contro un tempo che non si ferma mai, si arriva a divorare pagine su pagine, capitoli su capitoli, mentre ci si aspetta di leggerne solo un paio. Gli occhi neri di Susan è estremo, è correre, trascinarsi senza fiato in salita, ciò nonostante senza fermarsi mai, perchè si ha il BISOGNO NECESSARIO di sapere, si DEVE sapere ciò che succede.

La scrittura così evocativa ci permette di entrare nel libro stesso, aggrapparci alla maglia della protagonista che contro il tempo corre mentre tentiamo di stare al suo passo.

Un libro che ho amato, il terrore quasi (non è un horror), l'adrenalina che ho provato mi hanno lasciato nel corpo scariche elettriche da perdere il fiato. BELLO, EMOZIONANTE, UNICO, PAZZESCO. Non riesco a trovar le parole e l'unica che mi sembra adatto per definirlo è DEVASTANTE.

Ha un ritmo che non scende mai, tono su tono si alza sempre di livello e la disattenzione sembra non esistere. Si arriverà alla fine con in bocca la richiesta di capire il perchè è già finito, come se di quella lettura avessimo il bisogno di leggerne ancora e ancora.

E' un libro che non può mancare nelle librerie di ogni casa, che siate o meno amanti del genere thriller dovrete leggerlo e perdervi anche voi in qualche Susan.

Chissà se quando vi guarderete allo specchio, vi riconoscerete ancora.






lunedì 28 marzo 2016

Wintergirls. Così leggere da bucare le nuvole. Recensione

Buongiorno cari amici lettori. Oggi vi parlo di un libro che ho trovato in offerta su Amazon con pochi euro e credetemi se vi dico che mi sono portata a casa un libro che è stato per me qualcosa di toccante. Un libro che come una marea mi ha completamente travolto.

 







Avere in mano un libro del genere è un esperienza che travolge. Non fatevi ingannare dalle poche pagine, ci troviamo davanti ad un libro che contiene in sè un significato profondo.

Credo fermamente che un libro debba lasciarci nel bene o nel male un messaggio e che quest'ultimo ci debba accompagnare nella nostra vita. 

A volte si tende a cercare nei libri quello che manca nelle nostre vite, a volte si cerca rifugio da quel buio che ci fa paura, a volte cerchiamo solo qualcosa che ci faccia distrarre dalla realtà, a volte e come in questo caso cerchiamo qualcosa che ci cambi la vita... e questo libro ci riesce.

L'autrice in questo libro ci mostra il lato più oscuro dell'ossessione , quell'ossessione interminabile sul cibo, quando poi lo specchio si trasforma nel peggior incubo e tutto questa diventa un mostro che scava dentro, un mostro chiamato Anoressia.

Pagina dopo pagina si va a ritroso nel tempo, si percorrono i ricordi della nostra protagonista Lia e di una sua vecchia amica, Cassie.

Lia è furba, è una ragazza che ha capito in maniera deviata come fregar tutti con il cibo, come far finta di mangiare e come far finta di parlare con i medici. Lia si ritrova a combattere con la sua stessa testa e il suo stesso corpo che hanno bisogno di qualcosa in più. Ma quando nella vita di Lia arriva una notizia devastante, ecco che la riabilitazione, diventa nulla e lei viene di nuovo schiacciata dallo stesso mostro.

Pagina dopo pagina, riga dopo riga, ci troviamo nel diario di Lia e quasi ci sentiremo nudi al suo cospetto, nudi davanti a quelle sue stesse paure e manie che diventano le nostre. Lia calcola minuziosamente ogni cosa, ogni caloria di qualsiasi cibo viene calcolata prima di essere ingerita o buttata.

Diventa un circolo vizioso, più lei dona meno al suo corpo, più il suo corpo smette di pretendere e lei può controllarlo come e quando vuole. Un circolo. Un dannato e vuoto circolo.



Quando ho scelto di leggere questo libro sono stata ad ammirare quel corpo in copertina quasi presa dalla voglia di essere così magra,  ma quando poi ci si è dentro in queste pagine, ti rimane solo l'amaro in bocca e la voglia di accettarsi così come si è, di non vedere più quello specchio come un mostro, ma semplicemente come un oggetto amico.

Quando un libro ti prende non è mai facile parlarne, ci si aspetterebbe di nascondere le emozioni che ha suscitato in un cassetto o di rinchiuderle nel proprio animo perchè per gli altri potrebbe essere troppo.

Questo libro mi ha conquistato, mi ha travolto, nonostante potessi divorarlo in meno di un'ora, ho scelto di darmi del tempo e di riflettere su ogni passaggio che l'autrice ci porta a fare. 

In prima persona, da diario, il suo stile diventa realistico e crudo, già dopo poche righe ci si ritrova esattamente lì e sarà difficile ritrovarsi dopo che si è arrivati alla parola fine. Nonostante sia un libro per ragazzi trovo che il modo di scrivere dell'autrice così incalzante, permette di rapire grandi e piccini senza distinzioni.

Tante sono le emozioni provate con le parole che corrono come un fiume in piena, parole che parlano alla nostra mente, al nostro corpo e alla nostra anima. Parole che si scavano un buco nel profondo e nonostante possano sembrare svariate docce gelate, ne rimarremmo comunque innamorati.
MERAVIGLIOSO. BELLO. INCALZANTE. Non riesco tutt'ora che vi scrivo questa recensione a trovare la parola adatta che possa contenere questo romanzo. 

Tiro fuori un braccio dall’acqua. È un tronco. Lo rimetto dentro e sembra ancora più grosso. La gente guarda il tronco e vede un ramoscello. Mi sgridano perché non riesco a vedere quello che vedono loro. Nessuno sa spiegarmi perché i miei occhi funzionano in modo diverso dai loro.
Nessuno riesce a trovare una soluzione.





domenica 27 marzo 2016

In my mailbox.. la buca delle lettere

Buona Domenica cari amici del mondo di sopra! E per chi lo festeggia buona Pasqua! State divorando una marea di cioccolato? Noi come ben sapete abbiamo festeggiato Ostara il 21 Marzo, ciò non toglie che oggi sarà una giornata dedicata alle visite ai parenti, dove divorare qualsiasi cosa è d'obbligo.
Come ogni Domenica vi lascio alla buca delle lettere, che vi mostra gli arrivi della settimana.



Bisogna chiudere i cicli. Non per orgoglio, per incapacità o per superbia... semplicemente perché quella determinata cosa esula ormai dalla tua vita. Chiudi la porta... cambia musica, pulisci la casa, rimuovi la polvere... Smetti di essere chi eri e trasformati in chi sei...

Ammetto che oggi imbroglio un po', perchè gli arrivi di questa settimana sono molti di più, ma per evitare di rischiare che questo post diventi troppo dispersivo ho preferito dividerli a metà, lasciandovi solo qualcosina in più.

Partiamo dai primi. Come sapete settimana scorsa sono stata a pranzo con La Leone Editore e l'autrice di Calpurnia l'ombra di Cesare, romanzo storico che ho completamente amato e divorato.

Vanessa della Leone mi ha portato un super anteprima un romanzo che sembra molto curioso, Come saltano i pesci, ammetto che ho già iniziato a leggere le prime pagine, quindi spero che non mi deluda.

Finito il pranzo ci siamo spostati nella libreria dove Sonia firmava le copie del suo romanzo,lì in sconto ho comprato Percy Jackson racconta gli Dei Greci, mentre mio marito si perdeva tra gli scaffali di filosofia orientale (credo che sia inutile farvi vedere i suoi acquisti.)

Passiamo ora agli arrivi nel corso della settimana:


Da parte della mondadori ho ricevuto, facendo parte del Blogtour di Shadowhunter, signora della Mezzanotte. Ragazze mie cosa dirvi se non che sono completamente innamorata della copertina e del suo contenuto? In poche ore ho divorato il libro arrivandone già alla metà.
Engel invece è un libro inviatomi dall'autore (che ringrazio) e mi ha colpito il fatto che di questo libro sia in programma la creazione del film. E' una storia che parla di una ragazza angelo nascosta nel vaticano. Se la lettura sarà positiva come penso, spero che il film non si allontani troppo dalla scrittura.
That Boy è un omaggio inaspettato inviatomi dalla casa editrice Newton Compton Editori, la copertina non mi piace - forse quello sfondo bianco - ma dalla Newton mi aspettavo di più come cover.
Gli ultimi incantesimi invece è un libro arrivatomi in scambio. Dell'autrice mi piace la sua scrittura così evocativa, ma anche di questo ahimè sono rimasta delusa, ho trovato la mappa alle prime pagine davvero sintetica.

Quelle Belle ragazze invece è un omaggio inviatomi dalla casa editrice HarperCollins, che dire di questo libro se non che lo aspettavo da mesi? Contavo i giorni nell'attesa che arrivasse, nell'attesa che quelle mani sfioravano le mie, lo so sembra inquietante, ma a me la copertina ispira da morire, poi mi ricorda tanto la serie televisiva di Dexter con il killer del camion frigo.
I giorni dell'amore e della guerra è un omaggio inviatomi dalla casa editrice Piemme e ci parla di Caterina Sforza.
Serafina e il mantello nero e Mior sono due omaggi della casa editrice  Mondadori ElectaYoung. Serafina mi ispira tantissimo e credo che supererà tutte le letture in coda...Non entrare mai nella foresta. Là dentro ci sono forze oscure che nessuno conosce, cose contro natura che possono farti male, maledettamente male
Mior invece è un omaggio speciale in quanto all'interno contiene la dedica dell'autore, e rappresenta il secondo della trilogia Drow. E' un urban fantasy diverso, particolare in quanto troviamo il genere nel genere, thriller, paranormal, fantasy.. insomma ha davvero di tutto!



E voi invece che libri avete ricevuto/acquistato questa settimana? Sono curiosa di scoprirli.




sabato 26 marzo 2016

Fairy Oak. Il segreto delle gemelle. Recensione

Avete presente quando dopo un brutto periodo si ha il bisogno di mangiucchiare un pezzetto di cioccolato per ritrovare la carica? Ecco, questo libro per me è stato quel pezzettino di cioccolato che mi mancava. Mettetevi comodi, perchè questa sarà una di quelle recensioni da togliervi il fiato.

Titolo: Fairy Oak-Il segreto delle gemelle
Autore: Elisabetta Gnone
Prezzo: 14,90 €
Pagine: 280
Editore: Salani Editore
Collana: Fairy Oak 1 vol.







Da oltre mille anni, a mezzanotte precisa, nelle case di Fairy Oak avviene un fatto magico: minuscole fate luminose raccontano storie di bambini a streghe dagli occhi buoni, emozionate e attente.
Insolito, vero?!
Tutti sanno che fate e streghe non vanno d'accordo e che alle streghe i bambini non piacciono affatto. Ma siamo nella valle di Verdepiano, nel villaggio di Fairy Oak e qui le cose vanno sempre un po' diversamente...

Ecco come inizia questo bellissimo e luccicante gioiello, con queste frasi che ci trasportano subito nella loro magia e nel villaggio di Fairy Oak dove non ci sarà la possibilità di scegliere un personaggio preferito, perchè ci si innamorerà di tutti.

Ciò che rende questo gioiello unico sono anche le bellissime illustrazioni che troveremo tra le pagine, illustrazioni che ci permettono di immaginare meglio questo ricco mondo fatato e stregato.

Colei che ci racconta la storia della famiglia di queste due bellissime gemelle in copertina, è la tata fatina che già il nome ci lascia in un brodo di giuggiole, Sefeliceiosaròdirvelovorrò abbreviato in Feli.
Grazie al suo diario entriamo nel quotidiano di una famiglia magica dove ogni personaggio che si presenta rimane subito nel nostro cuore, come se un inchiostro invisibile ne scrivesse lì il nome.

E' inutile che provate a giustificarvi sussurrando che ormai avete una certà età per leggere questi libri, perchè per questo libro non ci sono scuse, va letto da 0 ai 99 anni, perchè lascia la stessa emozione a tutti, grandi e piccini.


In questo bellissimo villaggio inventato dall'autrice, gli umani vivono in perfetta armonia nonostante una netta distinzione tra Magici e NonMagici. Una dei Magici, una delle streghe più importanti e stimati della popolazione del villaggio, è la Strega Tomelilla che ingaggia la nostra fatina Felì per occuparsi delle sue nipotine.

Pagina dopo pagina la nostra fatina ci racconta del villaggio e dell'antica quercia fino ad arrivare alla famiglia delle gemelle, dove incontriamo Dalia una mamma da amare, una di quelle alla vecchia maniera e Cicero un papà buffo e brontolone.

Una regola importante tra i magici è quella che non ammette che sorelle gemelle siano streghe. ma grazie al cielo troviamo nelle due gemelline Vaniglia e Pervinca, dodici ore di differenza nella nascita e questo ci permette di avventurarci nella loro magia.

Ecco quindi che inizia la nostra avventura, il principio di una trilogia che ci lascia con il cuore in gola e con la voglia di sognare ancora.. e ancora.

Ho amato ogni cosa di questa storia, dall'ambientazione così magica, dalle avventure incantate e dalla narrazione che mi ha permesso di ritrovarmi lì a Fairy Oak con Pervinca e Vaniglia. Ogni personaggio ha una personalità distinta e completa che ci permette quasi di insinuare il dubbio che questi personaggi siano effettivamente veri, per non parlare poi del nemico così onnipresente.. ma invisibile (ma qui non vi dirò di più, dovrete scoprirlo da soli)

Alla fine del libro ci ritroveremo a sorridere e a credere nella magia che ci racconta così delicatamente l'autrice. Il suo linguaggio, il suo modo di scrivere è perfetto e scorrevole, come note di una musica che non finisce mai e che il ritmo è sempre innovativo.

Questo libro è l'inizio di una MERAVIGLIA. E' un qualcosa di sublime che non si può lasciar scappare. Leggere un libro di Elisabetta Gnone è sempre qualcosa di magico e penetrante, che ti travolge fino in fondo. è un esperienza unica che difficilmente si riuscirà a fare con un altro libro. 

L'autrice con ogni sua riga si ferma a parlare con il nostro cuore, a riempirci di quel calore che a volte crescendo abbiamo dimenticato, ci parla con una luce e con una ricchezza d'animo che solo i veri scrittori sanno fare. E' un'autrice che parla alla nostra anima e che ci fa volare sempre più su fino a raggiungere le nuvole.

E' un libro che sa di dolce, di fragola e cioccolato, è un libro che sa di sole caldo e mare azzurro, un libro che sa del venticello fresco sotto una grande quercia, è un libro che sa di panna. E' UN LIBRO CHE SA DI BUONO.













venerdì 25 marzo 2016

Save me. Recensione

Sarebbe troppo bello sperare di leggere sempre libri interessanti, eppure io ci sono cascata. Iniziando questo 2016 in maniera accattivante e conoscendo i libri della Eden Editori, ho sperato che anche questo fosse un altro libro che mi avrebbe donato qualcosa di bello e da custodire gelosamente nella mia libreria ed invece mi ritrovo delusa da tutto ciò, delusa dalla mano di un autrice che ha creato qualcosa che spezza il fiato e manda nel baratro delle banalità e dei preconcetti che viviamo ormai nel mondo cristiano.

SAVE ME
14,90 €
Collana DARKNESS
Data di Pubblicazione: febbraio 2016
Pagine: 280


















Quando la casa editrice mi ha inviato la copia per la recensione, sono rimasta colpita dalla copertina. Nonostante la figura di lei mi ricordasse molto un personaggio di Sin City ho trovato affascinante le parole accanto.. Stregoneria e anime perdute, salvare Cara non sarà semplice. Niente di più sbagliato. E' stata la stessa protagonista a spedirmi all'inferno!

Save me, si... salvate pure per me per favore! Leggere questo libro è stato difficile, una sorta di tortura a livello psicologico per arrivare all'ultima pagina, sperando pagina dopo pagina di trovare presto la parola fine.

Una sola parola, un disastro! Ammetto che il primo capitolo non è stato male, l'incontro tra i due personaggi nonostante sia forse troppo spicciolo sembrava comunque carino da vivere, ma dal secondo capitolo in poi è stato come trasportare un macigno addosso e passo dopo passo sprofondare verso i più assurdi preconcetti.

Prendete qualsiasi preconcetto con cui siamo abituati ormai a far i conti da anni, se hai un tatuaggio sei satanista, se ti trucchi di nero e ti vesti uguale sei un satanista, se ascolti musica metal sei un satanista, se hai in casa mazzi di tarocchi o usi tavole di spiritismo sei un satanista, se sei goth o altro genere rimani comunque satanista. Ecco quindi il messaggio che l'autrice passa ai lettori. Cosa sbagliatissima!

Sapete ormai quanto non mi piace recensire negativamente un libro, eppure la casa editrice con questo ha fatto davvero uno smacco.
Con la televisione e i romanzi siamo abituati ormai ad avere una visione ben precisa del bene e del male, a prescindere dalla nostra fede religiosa, ma mai mi sono trovata a leggere un libro prettamente cristiano mascherato dalla visione di un semplice romanzo. 

Qui l'autrice, a quanto pare molto credente, invia un messaggio di il male è ovunque e se vi rapisce, vi possiede che infastidisce continuamente il lettore.

Ci troviamo con ragazze del liceo che fanno i conti con tutto ciò che è la loro vita, le amicizie, i ragazzi, gli hobby. E' Cara a notare subito che qualcosa non va nella sua amica Rachel, da poco fidanzata con un nuovo e "oscuro" personaggio. Le basta vedere due candele (una nera ed una arancione) uno specchio nero e qualche simbolo per capire che la sua amica è diventata una satanista. 
E se questo non basta la nostra credentissima protagonista si ritrova a far ricerche in internet e a benedire i vestiti dell'amica con l'acqua santa per aiutarla contro la possessione che pervade il suo corpo e il suo spirito.

(...) e la lista era stata fornita da un esorcista cattolico. Cambi di personalità (presente). Un'avversione agli oggetti religiosi e alla chiesa. (incerto). Cambiamenti nel modo di vestire della persona (presente). materiali occulti nell'ambiente in cui vive la persona. Lunghi periodi senza battere le palpebre e senza guardare le persone negli occhi. (..) 

Non fraintendetemi, qui non si parla di quanto la fede cristiana possa definire giusto o sbagliato la visione del male, qui è un continuo tartassamento di preconcetti che portano il lettore ad un ansia ed una rabbia immane. Insomma, un libro che va letteralmente distrutto senza pietà!
Qui alla fine da salvare siamo solo noi stessi... dalla lettura di questo romanzo!

Pagina dopo pagina tra i vari simbolini tra i capitoli e i numeri delle pagine, ho quasi sperato che Cara fosse solo un sogno di qualcuno preso da incubi per un errata digestione ed invece più andavo avanti nella lettura, più mi rendevo conto che l'incubo lo stavo vivendo solo io!

Il must forte che mi ha lasciato a bocca spalancata pensando ad un non ci credo, ditemi che si droga o mi sono drogata io lo troviamo quando Cara incontra i suoi amici ad una festa mentre candele affusolate, arancioni e neri (se mai un giorno dovreste incontrare l'autrice vi prego di non indossare assolutamente abiti di questo colore, altrimenti vi urlerà contro di finire al rogo!)  bruciavano in candelabri nelle due stanze a vista. L'odore forte dello zolfo pervadeva l'aria, mischiandosi con le essenze di erbe dolci e pungenti. (no aspè...what's???) . 

Lo so, io so benissimo a cosa state pensando... che finalmente abbiamo toccato il fondo e siamo arrivati alla fine, ahahaha vi sbagliate di grosso! Siamo solo al punto iniziale della storia! Andando avanti ci ritroviamo di fronte alla scena che gente seduta sui divani neri (il nero è il diavolo, lo avete capito si?) o gente semplicemente in soggiorno, si ritrova a bere vino da calici di metallo (niente calici, solo bicchieri di plastica per l'autrice) e andando avanti nella scena ecco che arriva la scena della Tavola Oujia. 

E qui care mie lettrici aprirei davvero un dibattito, un confronto con l'autrice o semplicemente le indicherei qualche libro inglese tra l'altro da studiare, ma mi rendo conto che questa recensione occuperebbe ogni angolo del mio blog. Per chi non la conosce la tavola Oujia è uno strumento utilizzato dai medium per interagire con gli spiriti, ma non basta semplicemente sedersi intorno ad un tavolo e chiamare uno spirito per far sì che questo venga "sentito", si ha il bisogno comunque di doti medianiche che solo uno spiritista può avere, nè tanto meno come la stessa autrice scrive basta spaccare la tavoletta a metà per chiudere un eventuale collegamento. ( e qui vi rimando a qualche ricerca semplice in internet, si vede che in quel momento l'autrice non aveva linea)

Pensate che ho finito..? vi sbagliate di nuovo! Un altro punto invece che collega questi ragazzi al satanismo sono le carte dei Tarocchi. Alzi la mano chi non ha un mazzo di tarocchi in giro per casa o chi non si è mai fatto fare una lettura.. io qui non vedo mani alzate. I tarocchi sono stati inventati come gioco per le case lussuose e negli anni le immagini sono state rivoluzionate e completate fino a portarci quindi a consigli che si possono ottenere dalle stesse figure, uno dei libri principali che mi piace sempre consigliare è la Via dei tarocchi che collega la psicologia agli arcani, ma qui no l'autrice ci vede il diavolo stesso.

E' inutile non riesco a non demolire questo libro! Gli stessi personaggi sono polvere tra le pagine, superficiali, stupidi ed elementari. Pensate che all'inizio la protagonista pensavo che avesse trent'anni, confusionaria ai livelli massimi. La protagonista Cara poi l'ho odiata ai massimi livelli, lì il mio odio nei suoi confronti ha cominciato a salire quando anche gli stessi capelli neri li collega al diavolo. Ragazze, sul serio, non bevete la Coca-cola anche quella può far parte di una setta!

Come creare un libro inutile e sprecare pagine: aggiungiamo personaggi annacquati e insapori, una storia inverosimile, preconcetti sbagliati, una fede troppo ostentata, mescoliamo il tutto ed ecco quindi Save Me.

L'unica ahimè magra consolazione è che nonostante il macigno che ci portiamo addosso, la scrittura è elementare e quindi andiamo avanti velocemente nonostante le bocche spalancate in ogni attimo.

Insomma, l'autrice ha completamente navigato negli stereotipi per non parlare della storia d'amore tra David e Cara. (Piccolo cenno di David, lui è il personaggio incontrato nei primi capitoli, ma che credete mica ha l'eta di una liceale, lui è un insegnante!) Si perchè care lettrici, in questo miscuglio di assurdità ci troviamo anche l'amore. Ma i nostri due personaggi, anche se non dovrebbero farlo visto che lui è un'insegnate e lei una studentessa appena diciottenne, non hanno mica bisogno di conoscersi e frequentarsi, come la stessa autrice scrive nel libro la loro storia viene dalla mano di Dio quindi sono destinati a stare insieme. Insomma a questi due Abramo gli fa un baffo!

Se ancora non l'avete capito questo libro diverrà completamente il vostro incubo. E se pensate che solo nel finale potreste salvarvi, beh sbagliate ancora.

Il FINALE. Giuro, non sapevo se saltare dalla gioia per essere arrivata alla fine o cercare una grotta per rinchiudermi in attesa della fine del mondo per salvarmi. Si perchè l'autrice anche nel finale è stata capace di spiazzarmi, perchè se solo per un attimo c'è la remota possibilità di riuscire a non toccare il fondo, con il finale ci entriamo alla grande!

Raramente mi capita di leggere un libro brutto come questo, ma non solo per la storia che alla fine è niente, ma il libro è brutto per tutto quello che dona al lettore. Di solito ci si aspetta un messaggio, un emozione, qualcosa che solo leggendo si può avere, questo libro non ha fatto altro che procurarmi ansia e mal di stomaco per come è completamente fatto male. Il messaggio che l'autrice lascia ai lettori è davvero pericoloso e non oso pensare come possa esser stato definito un bestseller americano.

Sconsigliatissimo. Da evitare assolutamente. Noi lettori abbiamo bisogno di qualcosa di meglio, non il solito preconcetto e per la cronaca di nero mi ci vesto anch'io.

Ringrazio comunque la casa editrice per la copia.


















giovedì 24 marzo 2016

#25 appuntamento con la strega: Ematite il cristallo che sanguina

Buonsalve amici de il mondo di sopra e bentrovati ad un nuovo appuntamento con la strega. Il giovedì precedente abbiamo analizzato insieme il sabba di Ostara. Avete celebrato? Avete piantato in voi i semini delle qualità che volete avere nel vostro modo di essere? Oggi analizziamo un cristallo particolare, l'Ematite.




Ogni pietra ha una propria energia, ha una propria vitalità e ogni pietra ci aiuta a capire come evolvere in meglio e l'ematite nonostante il suo lato riflettente, ha una vitalità degna di questo nome.

L'ematite è un cristallo di color nero o grigio cenere, la sua lucentezza metallica viene utilizzata anche per abbellire collane o gioielli di ogni genere. Se si forma tramite processo idrotermale si sviluppa invece in piccoli globuli dal colore rosso.

Sin dai tempi antichi l'ematite era impiegata nell'antico Egitto per stimolare la produzione di sangue e per accelerare la coagulazione. Nel Medioevo quando si è capito che lavorando questa pietra, uscisse della polvere di color rosso vivo, venne chiamata pietra del sangue.



L'ematite rafforza la voglia di vivere dell'individuo e lo induce a migliorare la sua esistenza.

Dona vitalità.

Spinge l'individuo a occuparsi di sè stesso, dei propri bisogni e del suo benessere fisico.

Grazie alla sua lucentezza e al suo riflettere, dona protezione e allontana le negatività respingendo tutto al mittente. Viene utilizzata soprattutto per il malocchio.

Antiche leggende narrano che ha la capacità di smascherare i bugiardi e gli avvelenatori se messa sotto il piatto del loro cibo.

La sfera di ematite, come da foto, viene utilizzata per purificare e le proprie energie specialmente quando si è sotto stress. Basta tenerla in mano per far circolare meglio le proprie energie.



Per purificarla è necessario lasciarla sotto l'acqua fredda corrente per qualche minuto o lasciarlo in un vaso di terra. 

Va a portato a contatto con la pelle per brevi periodi in quanto dona egoismo e irritabilità. Non è consigliata invece per chi ha infiammazioni in generale, sia con malattie croniche che semplici infiammazioni della pelle.




mercoledì 23 marzo 2016

w..w...w...Wednesday!

Finalmente un nuovo appuntamento con questa simpatica rubrica!



Per partecipare basta rispondere a queste semplici domande:

- Cosa stai leggendo?
- Cos'hai appena finito di leggere?
- Quale sarà il prossimo libro che leggerai?


- Cosa stai leggendo?

 

Shadowhunters lo sto completamente divorando, nelle mie mani da ieri sono già a metà libro, nonostante la mole di pagine deve essere letto in pochissimo tempo, perchè con questo libro spazio e tempo non esistono più. Quelle belle ragazze è un'anteprima inviatami dalla casa editrice Harpercollins, sono ancora all'inizio quindi non riesco ad esprimermi, ma la copertina mi ha catturato!


- Cos'hai appena finito di leggere?


Così leggere da bucare le nuvole è un romanzo crudo che mi è entrato nel cuore. Si è scavato un posto nella pelle ed è diventato una cicatrice che porterò con me tutta la vita. Bello da togliere il fiato. La luna è dei lupi mi ha conquistato solo come questo autore sa fare. Save me.. beh trovate la recensione tra un paio di giorni, attenzione perchè sarà devastante! 

- Quale sarà il prossimo libro che leggerai?


Come saltano i pesci è un regalo da parte della casa editrice Leone Editore, ammetto che ho già letto un paio di pagine e devo dire che non è male, ma aspetto il risultato finale. Gli occhi neri di Susan.. cos'altro da dire? La copertina parla già da sola. 


E voi invece cosa state leggendo? Sono curiosa di scoprire le vostre letture e confrontarci insieme!