giovedì 30 giugno 2016

Qualcosa di meraviglioso. Recensione.

Finalmente vi scrivo questa nuova recensione da casa nuova. I lavori non sono ancora finiti, stamattina ho già iniziato a martellare i muri per appendere i quadri e mi mancano ancora diversi scatoloni, eppure dormire qua mi ha dato una carica pazzesca, l'idea di iniziare la giornata fra queste mura è completamente diverso rispetto al partire prima dalla vecchia casa e far avanti e indietro (lo so, ora state sussurrando un ovvio, ma per me in questo momento è il paradiso). Comunque bande alle ciance e iniziamo questa recensione su qualcosa di meraviglioso (di nome e di fatto).

qualcosa di
meraviglioso Titolo: Qualcosa di meraviglioso
Autore: Sarah Morgan
Editore: HarperCollins Italia
Pagine: 380
Prezzo: 14,90€


E se la seconda occasione fosse il nostro vissero felici e contenti?

Con questo nuovo capitolo la HarperCollins segna qualcosa di inaspettato. Abbiamo lasciato la prima volta per sempre quasi con l'amaro in bocca, turbati all'idea di averlo già finito, ora eccoci di nuovo qui al ritorno a Puffin Island con una storia che ci racconta di seconde possibilità, che ci racconta come l'amore faccia un giro immenso per poi tornare.

Dalla recensione del primo capitolo sapete quanto per me sia diventata accattivante la scrittura dell'autrice, dalle prime pagine del primo libro mi sono trovata completamente immersa nel mondo descritto e con questo nuovo romanzo troviamo emozioni così profonde che ci legano alle pagine.

Effettivamente un libro che parla di un riprovarci, di una possibilità, di una seconda occasione, ha comunque una marcia in più, perchè è come se prendesse per mano la vita vera, quella reale, quella vita con cui abbiamo a che fare ogni attimo.

L'autrice ci riporta a scoprire Brit e Zach di nuovo dopo tanti anni a Puffin Island,quell'isola che taciturna ha vegliato sulla loro storia e sulla loro avventura ahimè finita male.

Ma quanto può far male ritrovare quegli stessi occhi dove ci si era persi? 

E' in questo nuovo capitolo che troviamo una Brittany che nonostante donna in rinascita, donna intraprendente nella sua carriera di archeologa, si ritrova di nuovo vittima di quel dolore di aver perso quell'uomo che così dal nulla le disse addio. Ritrovarsi faccia a faccia con colui che doveva essere l'uomo della sua vita, fa male, fa male davvero e l'autrice con questi personaggi così concreti ci permette di sentire queste emozioni sotto pelle, diventando così noi stesse Brittany e scoprendo una nuova ferita nella pelle, una ferita mai cicatrizzata.

Dall'altro canto anche Zach non la passa di certo liscia con le emozioni, è vero, lui nonostante tutto è passato oltre buttandosi a capofitto sul lavoro, ma ritrovarsi di nuovo negli occhi di lei, ha portato quel nodo alla gola, quella colpevolezza di nuovo nel suo animo.

Scopare e fottere disse lei. Due cose nelle quali sei sempre stato bravo.

Lo so, all'inizio anch'io ero armata di coltello e fascia in fronte stile Rambo, ad affrontare quel vile uomo che ha mollato tutto all'altare, ma in questo ritorno l'autrice ci mostra un lato diverso, un uomo evoluto, un uomo che tira fuori il suo passato e ci porta ad affrontare il suo più profondo io. Troviamo quindi un uomo pieno di insicurezze, un passato difficile e tormentato, troviamo ombre che a contatto toccano i punti giusti per far capire, per far quasi alla fine giustificare il comportamento di Zach. 

Se alla fine si è sempre rotto qualsiasi cosa nelle vostre mani, come si può avere la certezza che anche quest'altra cosa non si possa rompere? Ecco quindi che un po' capiamo la scelta di Zach e ci vien voglia di abbracciarlo, di scusarlo, di perdonarlo.

Ma alla fine l'amore fa un giro immenso per poi tornare.

L'autrice con maestria e con diversi lati da togliere il fiato, ci fa percorrere questa storia con movimento oscillatorio, quasi dondolando su sentimenti di passione e corteggiamento, su aspetti intriganti ed eccitanti trovandoci poi al cospetto di un finale tenerissimo e inaspettato.

Ebbene si, ho amato anche questo di capitolo. A volte si ha paura che il libro di mezzo possa essere un brodo allungato, ma questo nuovo lato di Puffin Island, questo nuovo ritrovamento dei personaggi, permette di non distogliere mai l'attenzione dal libro. 

Una storia che sa di cioccolato al peperoncino, una storia che diventa un evoluzione, una maturazione dei personaggi, una possibilità di crescere che nei libri non si era ancora visto descritto con tanta decisione.

L'autrice cresce con questo nuovo romanzo, cresce insieme ai suoi personaggi, lei stessa diventa più concreta e si sente riga dopo riga. Un libro che piace, che fa riflettere, che fa venir voglia di scoprire l'amore e di andare oltre a ciò che vediamo. 

Questo posto è... incredibile, e le persone che lo abitano sono le più impiccione, irritanti e meravigliose del mondo. 

Non aspettate oltre, tornate con me a Puffin Island e non aspettatevi di ammirare solo il tramonto.


voto5.png

















mercoledì 29 giugno 2016

W..w...w..Wednesday

Buongiorno cari amici soffittanti, come corre la settimana non trovate? Mentre vi scrivo questo post da pubblicare, assaporo il mio ginseng guardando mio marito ingegnarsi con l'idraulico per trovare la soluzione al problema lavastoviglie. Ebbene si, è vero che amo cucinare, ma guai a lasciarmi senza lavastoviglie. L'idea di lavare numerosi piatti, bicchieri, bicchierini e più ne ha più ne metta, mi angoscia soltanto, quindi mentre loro lavorano e io sogghigno sotto i baffi di schiuma (ho detto schiuma) buttiamoci sulla rubrica più pettegola del web: www wednesday!


Per partecipare basta rispondere a queste semplici domande:
- Cosa stai leggendo?
- Cos'hai appena finito di leggere?
- Quale sarà il prossimo libro che leggerai?

- Cosa stai leggendo?


Avete presente quando tra le mani vi capita un libro che non vi fa capire che ore siano? Quei libri che ti lasciano il bisogno di leggerlo e di sussurrare non vedo l'ora di perdermi tra le pagine? beh il testamento del conte Inverardi mi sta completamente lasciando a bocca aperta, mi sta facendo sognare, piangere, sorridere.. un libro che sto divorando tutti i giorni pagina dopo pagina tra duelli, notti d'amore e passione, intrighi tutti all'italiana.

- Cos'hai appena finito di leggere?


Due titoli completamente opposti, due case editrici completamente diverse, eppure entrambe con un fattore comune, quello di farci sognare. La casa dei profumi dimenticati è stata una lettura sorprendente capace di sentire gli odori descritti e di farmi innamorare di quella protagonista così determinata a vivere. Qualcosa di meraviglioso è stato intenso, divertente, frizzante e leggero al tempo stesso e non vedo l'ora di parlarvene. 

- Quale sarà il prossimo libro che leggerai?


Con Bitten conoscendo la scrittura dell'autrice so già che andrò sul sicuro con questo nuovo iniziale capitolo sui Licantropi, mentre i Segreti di Heap house è una lettura completamente nuova che già sfogliandola ti dà la sensazione di diverso, particolare. 


Voi invece cosa state leggendo? Sono curiosa di scoprirvi. 






martedì 28 giugno 2016

Cosa bolle in pentola: Novità librose da rincorrere

Lo so questo è uno di quei post che ci fa correre verso l'armadio, indossare il primo capo copri-intimo e correre in libreria ad acquistare e automaticamente svuotare il nostro portafoglio, ma che dite di buttarci sulla scusa "sono libri che ci servono per l'estate?" Quindi bando alle ciance e perdiamoci insieme tra queste novità:


Sotto questa luna che il corvo ci porti tanta fortuna,
libri nuovi da scovare e con la mente viaggiare.

Partiamo subito con la ristampa della Salani che ci ripropone le avventure di Mondo Disco a partire dal 30 Giugno. 
In un mondo sorretto da quattro elefanti magici che poggiano sul guscio di una tartaruga gigante, comincia la più stramba, scatenata ed esplosiva delle avventure





Per la Corbaccio troviamo invece un attesissima uscita che aspettavo da parecchio: La ragazza corvo, un thriller che già dalla copertina toglie il fiato.



Con la Mondadori ci perdiamo invece con La ragazza di Mezzanotte, un altro titolo che non vedo l'ora di leggere, tra magie e incanti credo proprio che questo libro faccia per me e spero di riuscire a leggerlo prestissimo! Lo trovate già il libreria da qualche giorno.








Veniamo invece ad un altro universo piumato, dove qui a testa alta vi segnalo l'uscita della Lainya con l'attesissimo Sogni di mostri e divinità. Se mi seguite anche su facebook vi ricorderete sicuramente il sondaggio fatto dalla casa editrice per scegliere l'immagine della cover, dove entusiasta dell'idea ho votato per questa bellissima immagine copertina, che ne è diventata a tutti gli effetti definitiva! Ahimè per rincorrere questo libro dobbiamo ancora aspettare il 14 Luglio.




Attraversato questo mondo piumato, arriviamo alla Newton Compton che sale in alto alla classifica con due libri che mi hanno colta alla sprovvista, il primo per l'enorme tenerezza che lascia la cover e ormai sapete quanto sia importante per me come lettrice, una cover che lasci il segno, il secondo invece per la sinossi accattivante che si prospetta lettura da brividi. Sto parlando di Il piccolo negozio di fiori in riva al mare e La sconosciuta della porta accanto. Due titoli che non voglio assolutamente perdere.







Adam. Cover reveal più Giveaway


Buongiorno cari amici de Il mondo di sopra e benvenuti all'evento del giorno. Oggi festeggiamo tutti insieme con la Cover Reveal di Adam, una nuova serie dark che prende vita dalla mano dell'autrice Giovanna Roma.

Il giveaway collegato a questo evento, permette di vincere un esclusiva su Adam, non lasciatevelo scappare!


TITOLO: Adam

AUTRICE: Giovanna Roma
Self-pubblishing
GENERE: dark contemporary romance
SERIE: Deceptive Hunters #1
USCITA PREVISTA: fine estate 2016

SINOSSI:
Ho sempre saputo come sarebbe stata la mia vita.
La mia storia è stata scritta da qualcun altro e non è certo una trama felice.

Solo. Letale. Killer.
Circondata dalla feccia della società. Dipendente. Vuota.

Niente legami. Fuori dal lavoro non esiste una vita vera per me.
Soltanto il baratro.

Tutti si proclamano innocenti, finché il mio proiettile non decide per loro.
Io vedo cosa nascondono dietro la maschera. Li scopro animali.

Poi qualcuno si mette in mezzo e complica le cose.

Qualcuno mi ha urlato in faccia e sono stata costretta ad affrontare i mostri nella mia testa.

Inizia la caccia.

Inizio la fuga.

Ora un bivio cambierà per sempre ciò che sono.
Ora tutto sarà diverso. Finalmente sarò solo io e nessun'altra.


Ed ora qualche link:

  • AGGIUNGILO NELLA TUA TBR SU GOODREADS: https://www.goodreads.com/book/show/30527818-adam

  • GRUPPO FACEBOOK: Siete curiosi di leggere estratti, teasers esclusivi e magari spoilerare? Ho il posto che fa per voi. Sto parlando del || Fanclub || Discussion & Spoiler Group ||

★Giovanna Roma's News★

Teasers esclusivi || News in anteprima || Aggiornamenti live || Unitevi al Fanclub per parlare con le altre lettrici dei miei libri e sapere come procedono i miei romanzi.




BIOGRAFIA AUTRICE: 

Sono nata e cresciuta in Italia e viaggiato sin da bambina. I generi che leggo spaziano tra thriller, psicologia, erotico e dark romance. Anche quando un autore non mi convince, concedo sempre una seconda possibilità, leggendo un altro suo libro. Sono autrice dei romanzi La mia vendetta con te, il suo sequel Il Siberiano e lo storico Il patto del marchese.



http://goo.gl/forms/FA3kTiQ34xtLwpTs2

lunedì 27 giugno 2016

La tessera del Domino letterario: Le avventure di Jaques Papier




Buongiorno cari amici lettori, oggi con questo articolo ritorniamo un po' bambini. Avete mai giocato a domino? Il domino è un gioco da tavolo che utilizza diverse tessere con pallini diversi, per svolgere il gioco i giocatori hanno bisogno di accomunare insieme i pallini dello stesso punteggio. 

Nel Domino letterario sono i blog che diventano le tessere di questo lungo serpentone fatto di libri e per andare avanti si ha il bisogno che la tessera abbia qualcosa in comune con quella precedente.
La mia tessera quindi diventa la recensione di Le avventure di Jaques Papier e si accomuna per il colore azzurro dello sfondo in copertina.

Titolo: Le avventure di Jacques Papier. Storia vera di un amico immaginario.
Autore: Michelle Cuevas
Editore: De Agostini
Data di pubblicazione: 19 gennaio 2016
Pagine: 192
Prezzo: 12,90 €














A volte si tende a pensare che i libri per ragazzi siano solo libricini infantili, che non possano lasciar nulla a noi adulti ormai "imparati". 

Niente di più sbagliato! 

Sono proprio i libri per ragazzi che segnano dentro, che insegnano qualcosa e che ci permettono di emozionarci in maniera molto pulita e pura. 

Il nostro Jacques ci insegna il valore della libertà, il bisogno di capire che noi esistiamo grazie a ciò che facciamo, che non importa chi "ci crea", ma l'importante è ciò che facciamo della nostra vita. Ma andiamo con ordine.

Jacques Papier ha otto anni, è un ragazzino tutto pepe, che ha il bisogno di riflettere su ogni cosa. I protagonisti delle sue riflessioni sono infatti tutte quelle persone che lo odiano. che lo ignorano in ogni cosa e che non capiscono i suoi progetti e il suo modo di fare. Solo i suoi genitori e la sua sorellina gemella lo capiscono fino in fondo e lo apprezzano davvero.

Immaginatevi cari lettori, anche il cane della famiglia lo odia! Assurdo non trovate?

In realtà tutto ciò che ho scritto sopra non è vero, Jacques non viene insultato, non viene ignorato, i suoi progetti non vengono derisi.. ma semplicemente non vengono ascoltati, in realtà Jacques non esiste per nessun altro se non per la sua sorellina che ne è lei stessa la sua creatrice. Jacques è l'amico immaginario.

E quanto può far male la verità quando viene a galla? Ammetto che durante la lettura sorridevo quando Jacques si imbronciava all'idea di esser ignorato, ma quando il nostro protagonista ha scoperto la verità, quella cruda verità.. beh qualche lacrima l'ho versata anch'io.

Veder crollare il mondo di Jacques non è stato affatto facile, se Casper ci ha insegnato qualcosa è che anche gli esseri trasparenti hanno sentimenti e Jacques che ora sa la verità, ha il bisogno di scoprire se il suo mondo può diventar vero, se può in qualche modo diventar reale e se lui e tutto ciò che ha fatto fin ora può essere qualcosa di scelto da lui e non dalla mente della sua sorellina.

Ecco quindi che ha inizio l'avventura di Jacques, quella stessa avventura che lo porterà davanti a decisioni importanti.

Quella stessa avventura che gli darà la possibilità non solo di conoscere bambini nuovi, ma di scoprire che alla fine non è l'aspetto quel che conta, ma il suo modo di essere e di fare.

Insomma, questo libro lo dovete assolutamente amare come è successo a me. E' un libro che insegna ad essere positivi, a non dubitare mai di se stessi, a capire che noi valiamo in ogni nostro modo e in ogni nostra forma.

La scrittura è divertente, riflessiva, incalzante e pulita al tempo stesso. Il ritmo non scende mai e anzi incuriosisce il lettore ad andare avanti. 

La scrittura è pura poesia e Jacques diventerà parte di noi, il suo essere diventerà il nostro. 



Calendario delle prossime tessere:









domenica 26 giugno 2016

In my mailbox. La buca delle lettere.

Buona domenica cari amici soffittanti, vi siete ripresi dai postumi di ieri sera? avete fatto baldoria? Io con questo caldo non riesco a dormire, mio marito ha deciso di piazzare il ventilatore acceso tutta la notte, di fronte al letto.. il problema? E' che fa un rumore micidiale e mentre lui russa, beh... io leggo. E' inutile raccontarvi le minacce di trovare una soluzione al problema, altrimenti lo spedirò a dormire in cucina.
Bando comunque alle ciance, come direbbe Bonolis non cincischiamo e passiamo alla buca delle lettere di questa settimana, formata da colori caldi che richiamano l'estate... il fuoco...il sole...il caldo!



Per chi mi segue su Facebook, avrà sicuramente notato il mio primo video di unboxing del Libraccio, ebbene si per la prima volta non mi sono affidata al mio classico Amazon Prime, ma ho speso sul sito del Libraccio, acquistando diversi titoli usati. Beh, ne sono stata estremamente soddisfatta. l'attesa è stata lunga, reperire i libri usati credo che non sia per nulla facile, eppure ho ricevuto titoli nuovi a prezzi stracciati! Lo spacchettare poi il pacco mi ha fatto sentire come una bambina sotto l'albero di Yule a spacchettare i suoi regali.. bello, bello, bello! Credo - e già sento il portafoglio sospirare - che non rimarrà l'unico acquisto. 

Iniziamo comunque dagli scambi. Il primo scambio ricevuto nel corso della settimana è stato il libro di Flavia Bujor, un libro vecchio dal titolo Le tre pietre. In realtà questo titolo lo conoscevo già in un'altra copertina. E' un fantasy per ragazzi e sono curiosa di leggere i collegamenti fatti con i cristalli.





Un altro titolo ricevuto in scambio è stato il secondo volume di Morga,  in realtà la copertina non mi piace, ne' dai colori, ne' dalle figure che con quella tuta mi ricordano un po' gli x-men taroccati, ma aspetto di recuperare l'ultimo volume della trilogia per riuscire a leggerlo e darvi una mia conclusione.







Veniamo invece agli omaggi delle case editrici:

 Iniziamo con Bitten della Fazi editore, l'inizio di una serie sui licantropi. Mi piace tantissimo la copertina così dark e misteriosa. Il lupo che ulula alla luna è qualcosa di magico. Devo dire che con questo libro mi sento un po' al sicuro, conosco il modo di scrivere dell'autrice (sicuramente vi ricorderete la mia ultima recensione sulla serie di The darkest Power) e sono sicura che mi innamorerò anche di questo volume.





Un arrivo inaspettato invece è un omaggio di Ponte alle grazie con La terapia degli attacchi di Panico, un libro che sfogliandolo mi ricorda molto un saggio, ho già notato diversi approcci tra terapista e paziente davvero interessanti.







Veniamo invece agli acquisti fatti al libraccio:




Finalmente sono riuscita ad entrare in possesso dell'ultimo libro della trilogia della mercante dei sogni. Con la fata dei ghiacci si conclude l'ultimo capitolo di questi libricini così delicati. Non vedo l'ora di divorarlo in pochissimo tempo. Omicidio a whitehall è un libro che avevo in wl da un po', un thriller particolare che basa la sua vicenda all'epoca di Jack lo squartatore.. poi nulla da dire sulla copertina così bella! I segreti di heap house è un volume particolare, è da poco infatti uscito il secondo volume e credo che rimanga una duologia, che racconta la storia di questi personaggi buffi, decadenti, in un'atmosfera molto gothica. In realtà di questo volume sono rimasta turbata dalla copertina flessibile, ammetto che averlo pagato 7€ mi ha rincuorato tantissimo (in realtà il suo costo mi pare di ricordare che superasse i 15 € ). Avete presente quei libri che da ragazzini si prestano per poi rimpiangerli dopo anni dove non sono stati più restituiti? Ecco Spiderwick è uno di quei libri, che non mi è più tornato indietro.. quindi come potevo lasciarlo sul sito dopo averlo visto a prezzo stracciato usato? ( Se ve lo state chiedendo ho controllato, non è il mio. Da ragazzina stupidella ero solita lasciare all'interno della copertina, nome e cognome a penna...). Ultimo acquisto è invece Vita degli elfi, un libro di cui ho sentito parlare tantissimo, ma in realtà non ho ancora di base una mia considerazione da fare. Spero che visto il prezzo, ne valga la pena.












sabato 25 giugno 2016

La casa dei profumi dimenticati. Recensione

Buongiorno cari amici lettori. Siete entrati in modalità estate? Io credo che preparerò immediatamente le valigie e correrò via verso il mare, qui in casa abbiamo 28 gradi! Non vedo l'ora di entrare ufficialmente nella nuova casetta, lì con la scusa che si è in montagna si sta molto meglio, almeno voci di corridoio dicon così. Bando alle ciance comunque, oggi voglio parlarvi di un libro che ho letto recentemente grazie alla Newton Compton, sto parlando de La casa dei profumi dimenticati, un libro che inizialmente mi ha rapito dalla copertina, sembrava quasi di prendere per mano quella ragazza e di entrare con lei nel passato, è stato come sentire il canto degli uccellini in lontananza e il profumo di buono.

Titolo: La casa dei profumi dimenticati
Autore: Jan Moran
Editore: Newton Compton
Pagine: 352
Prezzo: 9,90 €















Ho appena finito di leggere questo romanzo e come per incanto sono ritornata alla nostra epoca, ho fatto un viaggio a ritroso nel tempo, sono stata prima nella California degli anni Cinquanta e subito dopo nella nostra Italia sempre nella stessa epoca. 

Non ho viaggiato da sola, ma in compagnia di Caterina, giovane ragazza colpevole di aver avuto una bambina illegittima e di averla voluta con sé, nonostante sapesse a quali conseguenze sarebbe andata incontro, un allontanamento brusco e violento dalla sua stessa famiglia e dalla società. 
Respinta come immaginava dalla famiglia, parte per l'Italia dove ritrova il Casale ricevuto in eredità dalla nonna paterna. In questa Italia trova un mondo diverso, un mondo che scivola tra il nuovo e antico, avvolto da misteri che coinvolgono la sua famiglia, in particolare il padre e il giovane Santo con il quale aveva consumato una notte di passione, quella notte che ha dato vita alla sua splendida figlia. 

Viene a conoscere così verità nascoste abilmente dalla madre e scopre che dietro la sua durezza, quel carattere così forte e a tratti crudele, altro non c'è che l'ombra del suo passato, il bisogno di nascondere e chiudere quella porta da troppi dolori.

A volte la mela non cade troppo lontano dall'albero.

E così è stato per la nostra protagonista, che si ritrova quasi ad affrontare lo stesso dolore della madre, quel dolore che quella donna così dura cercò di allontanare.

Pagina dopo pagina ho scoperto qualcosa in più di quegli anni amari così lontani dalla nostra epoca.

Ho osservato con gli occhi di Caterina la bellezza delle colline toscane e i vigneti californiani. Ho assaporato quel vino dolce e amaro, la scrittura dell'autrice è stata così poetica che mi ha coinvolto sin dalle prime righe.

Ho amato ogni personaggio descritto, i minuziosi dettagli mi hanno permesso di sentir ogni personaggio in carne ed ossa, di ritrovarmi di fronte ai loro caratteri a volte cruenti e di rimanere con il fiato sospeso alla ricerca del passato, di sentirli parte di me e di non voler aprire quella stessa porta che la madre chiuse con tanta fatica. 

Leggere questo libro è stato un viaggio che cambia all'interno, prende piede in ogni nostro organo per rimescolarli insieme, attenti quindi a non trovarvi il cuore chissà dove.

La scrittura è fresca, è pulita, è il vento fresco che arriva con l'estate, è profumo di basilico e di orto, La casa dei profumi dimenticati è passione, è travolgente, nonostante la mole di pagine è un libro che si legge velocemente, che si assapora e che lascia l'amaro in bocca quasi per averlo finito troppo presto.

Il suo cuore accelerò il battito al ricordo del giorno, non tanto lontano, in cui aveva ricevuto quel prezioso dono. 

Il ritmo incalzante permette di non distogliere mai l'attenzione, le vicende descritte imprimono sempre più curiosità, pagina dopo pagina dobbiamo sapere, dobbiamo viaggiare.












venerdì 24 giugno 2016

BookBlogtour e Giveaway: "Photographs.Peschici" Terza tappa

Rieccoci qui nel mondo con la terza tappa del Blogtour che sta prendendo piede tra vari blog. Oggi parliamo con il cuore in mano, oggi è tempo di poesie e meraviglie.. oggi è tempo di sognare. 


Benvenuti quindi  alla terza delle sei tappe del Book Blog Tour di Segni Grafici di Poesia, http://segnigrafici.blog.tiscali.it, attraverso il quale potrete scoprire tutti i dettagli più interessanti della nuova raccolta di poesie di Erika Derme dal titolo “Photographs. Peschici”.

Vi ricordiamo che questo Book Blog Tour è collegato al Giveaway che si chiuderà il 3 luglio 2016: in occasione dell’ultima tappa, infatti, verrà proclamato il fortunato vincitore di una copia di questa raccolta di poesie (verrà scelto tramite il sito https://www.random.org/).

Siamo giunti esattamente alla metà del tour, i tempi sono quindi ormai maturi per svelare alcuni versi dei componimenti poetici racchiusi in Photographs.

Si tratta, in effetti, di 20 poesie; alcune con una dedica speciale ad un posto o a un personaggio del luogo protagonista al punto di essere indicato anche nel titolo stesso della pubblicazione.

La prima poesia non poteva che essere dedicata a “Peschici”: Nel mio viaggio di sempre scopro porte segrete scavate nella costa rocciosa che conduce alla terrazza a picco sul mare.

Sempre restando sul “Gargano” ovviamente: Lo spirito della montagna sacra permea di sé ogni cosa.

Poi si prosegue con

Incantevole panorama”: Raccoglie i frutti del mare; completa, come il tassello di un puzzle, l’incantevole panorama.
Trabucco”: Complessa perfezione che, sempre curiosa, ammiro.
Approdo”: Una perla nella costa, ospita il lido che dal mare raggiungo a nuoto.
Grotte”: Spicchi di luce si riflettono, a strapiombo sul mare.
Spiraglio”: La costa incornicia questo impeccabile scorcio marino.
Isole”: fino a sfumare nel punto in cui, all’orizzonte, si erge l’arcipelago marino.
Istanti”: Ancorati e sicuri, approdo sereno e vacanziero.
Luci”: Un roseo cono di luce, filtrato da un blocco di nuvole biancastre, sfumano all’orizzonte.
Passaggi”: Col favore del vento naviga serena, verso lidi sicuri.
Sfumature”: mentre micro gocce d’acqua sfumano in parallelo.
Di spalle al mistero”: Culmina in un’azzurra cunetta che, dall’alto, sormonta la lineare torre.
Finestra sul mare”: Luogo ideale, fonte d’ispirazione.
A Pepito”: Particolare quanto il mare, lo sguardo avvolto da un alone di mistero si increspa lungo le sfumature d’azzurro.
Nero china”: Tenere rondini di stagione, nero china, tamburellano le acque calme.
Abbraccio”: Abbraccio da qui questo scorcio di terra.
Ricordo”: Sempre vivo nei miei pensieri; sempre placido nei sospiri.
Sensazioni dorate” dedicata a Padre Pio, San Giovanni Rotondo: Oro, che forse riscalda, se ce ne fosse bisogno, l’anima.
Anche l’ultimo componimento, come il primo, riprende il titolo con “Photographs”: Istantanee che ripercorro, assaporo nei pensieri, realizzo al ritorno.
Insomma, non resta che augurare buona lettura al fortunato vincitore del Giveaway di Photographs. Peschici!

Regole per vincere la copia cartacea:
- Essere Lettori Fissi del Blog che si consulta
- Cliccare mi piace: https://www.facebook.com/Segnidipoesia/
- Condividere il post del Blog che si consulta su Facebook taggando due amici
- Lasciare un commento al post del Blog che si consulta indicando un’e-mail per contattarvi

Ricordate di seguire le prossime tappe del Blog tour per aggiudicarvi una copia di questa raccolta di poesie: ecco il calendario completo

4° tappa 27 giugno http://everybookhasitsstory.blogspot.it La cover
5° tappa 29 giugno http://lcassie.altervista.org Recensione
6° tappa 5 luglio http://thebookseater.blogspot.it/ Comunicazione del vincitore del Giveaway

Tisana al Biancospino con S.Z.Strand autrice di Rudow il vampiro pirata!

Buongiorno cari lettori del mondo di sopra e buon inizio weekend! Oggi per la rubrica Colpo di penna e Biancospino ho l'onore di ospitare S.Z.Strand, autrice di Rudow il vampiro pirata che ha fatto breccia nei nostri cuori! 


  • Mondo di sopra: Cara S.Z. Strand ti do il benvenuto ne Il Mondo di sopra, è un vero piacere ospitare l'autrice della serie di Rudow il vampiro pirata. Sono una ragazza molto curiosa, è per questo che parto subito velocemente: come mai hai scelto di presentarti ai lettori con lo pseudonimo di S.Z. Strand?
S.Z.: Ciao e grazie dell’ospitalità! La scelta di utilizzare uno pseudonimo è derivata dalla volontà di separare la mia vita privata da quella “da scrittrice”. Quando raggiungi un obiettivo a cui hai aspirato per buona parte della vita, com’è stato per me la pubblicazione di un romanzo, è facile “perdere la bussola”, concentrarsi su quello che, per quanto importante, è soltanto un aspetto e, in qualche modo, trascurare gli altri. Non mi sembrava giusto. Mi sembrava che in qualche modo avrebbe “sminuito” gli altri obiettivi e le tappe (più personali) che mi hanno formato come persona. Legare la scrittura a uno pseudonimo ha significato permettermi di vivere appieno la follia e l’entusiasmo di un sogno che si realizza e allo stesso tempo tenere saldo tutto il resto.
  • Nella tua biografia si legge che hai ventinove anni, sei giovanissima e che hai un rapporto di odio/amore con l'acqua, per via del tuo mal di mare. Prima di iniziare a parlare di Rudow, è possibile sapere qualcosa in più su di te come donna, su come ti descriveresti in poche parole?
Sono nata in Sardegna, vivo a Milano e, Rudow a parte, la mia è una vita molto ordinaria. Posso dirvi che ho iniziato a leggere molto presto e che le storie mi hanno accompagnato per tutta la vita. Ho iniziato a scrivere alle elementari (prevalentemente poesie e filastrocche) e alle medie sono passata alla narrativa. Ho scritto qualche romanzo al liceo (nessuno dei quali uscirà mai dal mio hard disk!) ma Rudow è il primo che ho proposto a un editore.
  • Veniamo al libro: come mai la scelta di far diventare un vampiro pirata e fargli solcare i mari?
Ho sempre amato sia i vampiri che i pirati e l’idea di unire questi due mondi (all’apparenza opposti ma con molti punti in comune) era semplicemente troppo affascinante perché la ignorassi.
  • Com'è nata l'idea in generale di questa serie?
Lo spunto è stato proprio questo: trovare un modo (coerente e credibile) per unire vampiri e pirati. Una volta trovata questa risposta si è aperto un mondo intero e ho capito che un solo romanzo non sarebbe bastato.
  • Rudow è un personaggio fresco, ricco di personalità e buffo allo stesso tempo, nei seguenti libri rimarrà così o subirà un’evoluzione crescendo? Una sorta di crescita con il lettore?
Rudow è cambiato molto già nel primo libro. Le scelte che compie nelle ultime pagine derivano dalle esperienze fatte durante il romanzo. Da un certo punto di vista può sembrare strano, perché il lasso temporale della narrazione è molto stretto (si svolge tutto in poche settimane) ma in confronto ai 50 anni passati al castello Spandau è un’eternità. Una volta uscito dalla sua confort zone, dal bozzolo della sua famiglia vampira, è costretto a pensare autonomamente ed è proprio questo a farlo cambiare e crescere. Si tratta di un processo che, una volta attivato, non si può più fermare, quindi sì: il personaggio di Rudow avrà un’evoluzione che in un certo senso accompagnerà la crescita del lettore.Edwin è un artista che ha lavorato molto per i film di animazione e, quando ho visto i suoi lavori, l’ho trovato subito perfetto per aggiungere un elemento visivo alla storia. In più anche lui è un appassionato di pirati quindi abbiamo instaurato subito un’ottima intesa, non ho avuto bisogno di spiegargli granché sulle scene da illustrare!
  • Come mai hai deciso di arricchire il libro con le illustrazioni di Edwin Rhemrev?
Edwin è un artista che ha lavorato molto per i film di animazione e, quando ho visto i suoi lavori, l’ho trovato subito perfetto per aggiungere un elemento visivo alla storia. In più anche lui è un appassionato di pirati quindi abbiamo instaurato subito un’ottima intesa, non ho avuto bisogno di spiegargli granché sulle scene da illustrare!

  • Come scrittrice ti sei buttata a capofitto nel mondo del fantasy, ma come lettrice che genere prediligi?
Sono una lettrice che spazia molto, nella mia libreria trovi Pirandello accanto a Stephen King e J.D. Salinger. Durante l’adolescenza ho letto molta romanzi di genere (prevalentemente horror e fantascienza, ma non ho mai disdegnato un buon fantasy), oggi, accanto a libri più in linea con la mia età anagrafica, leggo con piacere anche libri per bambini e Young Adult (purché siano di qualità). Che si tratti di un romanzo storico ambientato nell’Inghilterra vittoriana o di una grande affresco americano, l’importante è che i personaggi, e le loro azioni, siano realistici e credibili.
  • C'è qualche grande autore che ti ha influenzato/ispirato per il tuo libro?
Credo che in un modo o nell’altro tutti gli autori che ho letto hanno lasciato qualcosa nella mia scrittura, anche quelli che non mi sono piaciuti. Probabilmente l’influenza più riconoscibile è quella di Angela Sommer Bodenburg (autrice della serie Vampiretto, che amavo da bambina), pur con tutte le differenze del caso.
  • Sono rimasta molto colpita dalla tua scrittura così evocativa, quasi come se la lettura ci permettesse di visionare immediatamente l'immagine e di trovarci quindi davanti ad un film. Hai effettuato qualche tipo di ricerca per scrivere così o è proprio una tua caratteristica?
Mi fa piacere sentirtelo dire perché la sensazione che descrivi è esattamente quella che provo io nel momento in cui scrivo. La scena è davanti a me, completa, e alle volte è difficile scegliere cosa omettere sulla pagina.
  • Sul sito ufficiale di Rudow in questo click:   possiamo trovare il capitolo extra “i canini nella cripta “ dove Rudow cerca di ritrovare i canini di Alexander il capostipite della famiglia, anche questa storia molto interessante e fiabesca! Ora sono curiosa, che tipo di avventure troveremo nel prossimo libro?
Non posso rivelare molto senza rischiare di fare qualche spoiler, quindi mi limiterò a dire che il secondo romanzo seguirà Rudow e Batàn nella vita per mare, e si tratta di un mondo più popolato di quanto loro stessi si aspettassero.
  • Ultimissima domanda giuro! Quando hai cominciato a scrivere di Rudow ti sei fatta trascinare con lui nel mare o sapevi già come iniziare e far finire la storia?
Rudow mi ha “trascinato con lui nel mare” a lungo, me lo sono portata dietro per mesi, era un pensiero fisso, una sorta di sottofondo a tutto quello che facevo. Quando mi sono finalmente seduta alla scrivania per iniziare a scrivere, però, mi aveva rivelato tutto, o quasi.


Noi qui nel mondo di sopra siamo pronti a salpare con Rudow per una nuova avventura e voi? Avete già affilato i canini? Ringrazio l'autrice per la gentilezza e la disponibilità nell'aver risposto alle nostre domande e ringrazio pubblicamente la casa editrice Salani per la gentilezza dimostrata sempre nei confronti di noi blogger! 


martedì 21 giugno 2016

Of Neptune. Recensione

BuonSalve cari amici lettori. Siamo giunti all'ultimo capitolo della saga di Of Neptune. la trilogia delle Sirene. Sin da piccola ho sempre amato questo mondo, in acqua ero la bambina pazza che nuotava fino a quando il mio corpo riusciva, per andare a parlare con le sirene. Insomma, quando la casa editrice Eden ha portato alla luce questi capitoli di Anna Banks, ho cominciato a saltellare per casa divorando ogni pagina e tornando un po' bambina.
Oggi amareggiata di esser arrivata già alla fine, vi lascio la mia opinione. Keep calm e addio sirene.

Titolo: Of Neptune
Autore: Anna Banks
Editore: Eden
Pagine: 305
Prezzo: 15,50€














Quando una storia ti cattura, quando una storia riesce a lasciarti qualcosa, non importa quanto tempo passi da un libro all'altro, non importa le ore che si sono aspettate con il comodino vuoto in attesa del seguito, quando una storia ti cattura si aspetta e quando arriva non c'è più altro.
The Syrena Legacy mi ha conquistato, mi ha rapito il cuore e parlarvi adesso dell'ultimo capitolo sembra difficile, sembra quasi dire addio ad un'amica, ad una famiglia a cui ci si è affezionati e che d'ora in avanti non sarà lo stesso.

Eden Editori portando in Italia una trilogia del genere ha permesso a fan sfegatati di tirarsi i capelli, di mangiarsi le unghie e di divorare i libri in pochissimo tempo per via di questa storia unica, originale, DEVASTANTE. 

A volte si ha paura ad arrivare all'ultimo capitolo di una trilogia, quasi con il timore che possa essere solo del brodo allungato, qualcosa di forzato solo per il gusto di accontentare gli altri, in realtà con Of Neptune tutto questo non succede, anzi. Ci troviamo di fronte ad una chiusura che sembra muoversi in moto circolatorio, un cerchio perfetto che ahimè chiude una mitologia che entra facilmente nel cuore dei lettori.

Se con of Triton siamo andati più affondo nella caratterizzazione dei personaggi, abbiamo approfondito la storia della famiglia originale e abbiamo tifato per i nostri personaggi principali Emma e Galen, con Of Neptune entriamo nella città di Nettuno, una città nascosta dai regni dove entrambi le specie coesistono in armonia, o almeno così sembrava.

Prima che tu parta per la tua avventura, giovane Emma, devo parlarti di una città che si chiama Nettuno.

Ma la tempesta arriva sempre dopo la quiete o era il contrario? Ma per i nostri protagonisti abbiamo imparato che non c'è pace per vivere tranquilli il loro amore. Perché in questa città apparentemente calma ed equilibrata, gli ostacoli e i problemi non tardano ad arrivare. Non solo il loro amore verrà divinamente contrastato ( e scusate, ma i dubbi sono venuti pure a me), ma la lotta per conquistare il potere anche qui sembrerà rivoltare i regni. 

Mi piace come l'autrice in questo ultimo capitolo abbia deciso di giocare con noi mostrandoci due lati differenti dei protagonisti, mi piace come la nostra protagonista sia nonostante tutto - nonostante Reed - (un nuovo personaggio che chiamarlo MASCHIO è poco) pronta a difendere le sue posizioni. 

Temeraria, determinata, complessa, forte... ecco le parole che descrivono al meglio questa cresciuta protagonista.

Questi due lati così diversi che riempiono le pagine di questo libro, li troviamo in un Emma affascinata da questa nuova città, incuriosita da ciò che sente appartenergli, e un Galen invece pronto a combattere contro tutti pur di ritrovare anche lei. 

A volte si tende a pensare che quando un nuovo personaggio maschile arrivi a mettere i bastoni fra le ruote in una coppia, possa solo portare guai o possa esser realizzato solo per moda - il triangolo no, non l'avevo considerato - , in realtà questo nuovo personaggio che si insinua in Emma, questa nuova guida di Nettuno, movimenta ogni emozioni, porta brividi e incuriosiscono il lettore fino alla fine, quasi da una parte tifando per questa nuova storia, per questa guida che mette i brividi in ogni sua parola. 

Come una piccola scheggia, questo nuovo protagonista si insinua nella pelle, entra nel nostro sangue senza accorgerci di ciò che sta succedendo e quando arriviamo al punto principale è già la fine, ci siamo innamorate, di un altro.

L'autrice ci dimostra che alla fine Emma ha sentimenti umani, ha gli stessi dubbi di ogni donna a cui batte un cuore e ciò nonostante sarà pronta a far la scelta giusta. 

La strategia dell'autrice di dividere la coppia fino a quasi alla fine del libro ha messo in moto la mia curiosità, insinuando ad ogni riga dubbi e cercando successivi chiarimenti. Il finale quindi diventa inaspettato e meraviglioso al tempo stesso.

Come sapete le mie recensioni tendono ad essere senza spoiler quindi anche con questa cercherò di non rovinarvi la sorpresa di scoprire cosa succede. 

Ogni emozione provata dai nostri protagonisti mi ha davvero divertito e mi ha fatto venir voglia di non lasciarli andare.

Lo stile dell'autrice sembra evolversi con i personaggi stessi, se nei primi capitoli avevamo scalfito solo la superficie, qui entriamo in minuziosi dettagli che catturano la nostra attenzione dalle prime pagine. Incalzante, tremendo, uno stile fresco e pulito. Ogni vicenda descritta imprime sempre più curiosità, ci troveremo spesso con il fiato sospeso!

E cosa più importante ci sentiremo parte degli stessi personaggi, sentiremo il loro stesso sapore, il loro stesso odore. 

Of Neptune è la conclusione perfetta per questa trilogia e la Eden Editori con i Syrena ha fatto centro.


Non voglio che questa notte finisca ma, allo stesso tempo, voglio che inizi il domani.