martedì 11 aprile 2017

Solo tu. [The Originals Blogtour] attenti alle streghe.

Buongiorno abitanti del Mondo, bentrovati...e Tremate, tremate, le streghe son tornate! Oggi Il Mondo di sopra ospita il secondo blogtour su Solo Tu, il nuovo libro di The Originals edito dalla Newton Compton: conosciamo molto bene l'autrice, la famosa Julie Plec di the Vampire Diaries e The originals, spin-off nato da una costola dell'altra serie. Vi avevo già parlato di Klaus Mikaelson e dei suoi fratelli, questa volta invece tocca alle streghe: sono loro le protagoniste indiscusse del romanzo, sono loro le custodi del destino di New Orleans.


ENTRIAMO NELLA TAPPA:


Precedentemente vi avevo accennato dell'amore di Klaus per la strega Vivianne Lescheres, un amore impossibile, proibito, conclusosi con la morte di Vivianne. 

Per decine di anni, Klaus aveva avuto un solo incubo ricorrente. Si girava nel letto verso Vivianne, cercandola con la mano, e non trovava dietro di sé che lenzuola fredde e spiegazzate. La inseguiva di continuo, e lei era sempre irraggiungibile.

Sono passati quarantaquattro anni da quel tragico giorno, non c'è giorno che il vampiro non pensi al suo amore perduto, non c'è giorno che lui non la rimpianga e non la sogni. Vi è mai capitato di perdere qualcuno che amavate alla follia, e di pensare: Se solo tu potessi essere ancora qui con me, anche solo per qualche minuto? 

Il nostro Klaus tuttavia non si accontenta di pochi minuti, lui non si è ancora rassegnato e desidera ancora passare l'eternità con la sua amata. Ecco perchè, pur riluttante, decide di stringere un patto con la strega Lily, la quale riporta in vita Vivianne, ma a caro prezzo: il sangue di Klaus come cura per la malattia di sua figlia, e le loro vite indissolubilmente legate: Klaus non potrà mai uccidere Lily, se lei muore muore anche lui. E Vivianne torna in vita, sposa Klaus, sembra il coronamento di un amore epico, ma.. 

 «Quella non è Vivianne», ringhiò Rebekah, senza tuttavia muoversi. «È qualcos’altro, qualcosa di innaturale». 

E' proprio una cosa saggia risvegliare i morti dal loro sonno eterno? E per quale motivo New Orleans è invasa da orde di esseri che si cibano del cuore degli umani? Non vi svelo nient'altro, sarete voi a scoprire se questa storia avrà un lieto fine, mi limiterò a farvi conoscere meglio le streghe di New Orleans.

Iniziamo proprio da Vivianne Lescheres, il perduto e ritrovato amore di Klaus. Nel libro ci accorgeremo di quanto profondo sia il suo legame col vampiro, di come i suoi sentimenti l'abbiano accompagnata anche nel mondo degli inferi. Donna di grande bellezza, diventerà finalmente moglie di Klaus, ma sarà per sempre? 

Le uniche due cose che si fossero mai frapposte tra lui e il suo amore eterno – la cerimonia di trasformazione di Vivianne e la sua morte – erano state cancellate. Qualunque altra cosa si fosse messa contro di loro, l’avrebbero affrontata insieme. Adesso che era tornata avevano tutto il tempo del mondo, insieme, come marito e moglie. Lui si chinò a baciarle un’altra volta le labbra, bisbigliando: Vivianne… Vivianne Mikaelson, mia moglie

Continuiamo con Lily, madre di Marguerite: strega di grandi poteri, risveglia una sua sorella dal mondo dei morti, pur sapendo che le conseguenze saranno terribili. 

Confesso che non ho avuto molta simpatia per lei, mi è sembrata una creatura irrazionale senza nessuno scrupolo, un essere che non si preoccupa delle ripercussioni dei suoi gesti sul suo clan.

Lily è la figlia di Ysabelle, strega che viene definita così da sua nipote Marguerite: 


«La nonna è stata malata per la maggior parte della mia vita», bisbigliò Marguerite. «Era vecchia e fragile. L’ultima cosa di cui aveva bisogno era lo stress di una bambina tra i piedi». Con la vecchiaia, Ysabelle Dalliencourt si era fatta più rilassata e sicura della propria posizione. Un tempo opportunista e assetata di potere, si era trasformata in un capo maturo e umile che viveva con semplicità tra la sua gente ed evitava in tutti i modi di mettere in evidenza il proprio status. Ma la sua unica figlia non aveva ancora raggiunto quel tipo di prospettiva e, osservando la bruttura che si ergeva dal fango davanti ai suoi occhi, Rebekah dubitava che l’avrebbe mai fatto. 

E passiamo infine a Marguerite, protagonista delle ultime pagine del romanzo. 

Quando si dice che a volte i figli sono più saggi dei genitori... 

Lei è proprio così: una giovane donna intelligente, plagiata da sua madre, anche se perfettamente consapevole che Lily sta mettendo in pericolo l'esistenza di tutte le streghe di New Orleans, passa dalla parte del nemico in un estremo tentativo di salvare il suo popolo. 

Ho amato moltissimo il personaggio di Marguerite, così indissolubilmente legata alla proprie sorelle, al proprio clan, al tempo stesso desiderosa di staccarsi dall'ala materna, quella madre che l'ha indottrinata con le proprie convinzioni e che ha messo in grave pericolo l'esistenza di tutte le streghe. 

 Coraggio, immergetevi nelle cupe atmosfere di New Orleans, le streghe son tornate.


SEGUI LE ALTRE TAPPE:



1 commento:

  1. Leggendo il romanzo ho proprio immaginato lafaccia indispettita di Klaus con Lily...hai mai sentito la voce originale di Joseph Morgan?fantastica. Mi fa piacere che la Plec abbia conservato gli stessi caratteri, pregi e difetti degli originali che vediamo anche nella serie TV!

    RispondiElimina

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.