mercoledì 25 ottobre 2017

Il cacciatore di sogni, Sara Rattaro - Recensione -

E' da sempre che con piacere leggo i libri di Sara Rattaro. Ogni sua storia sembra non solo fatta di carta e inchiostro, ma di pura emozione. Quell'emozione che ti fa venir voglia di entrare nel romanzo, di tatuarlo sulla pelle per averlo sempre con sé. Quando la scrittura di un autrice ti rapisce a tal punto, l'unica cosa che puoi fare è continuare a leggere tutto di lei, anche la lista della spesa. Da una settimana, Sara Rattaro è di nuovo in libreria con un nuovo romanzo: Il cacciatore di sogni; Una fiaba moderna dal colore di mille sogni e arcobaleni.


Il cacciatore di sogni

Sara Rattaro 


Editore: Mondadori 
Prezzo: 15,00€
Pagine: 173

Trama: Luca, che da grande sogna di diventare pianista, ha una mano rotta, un fratello maggiore piuttosto fastidioso, una mamma rompiscatole e un aereo da prendere per tornare da Barcellona in Italia. È il 4 luglio 1984 e, su quell'aereo, la sua vita cambia per sempre. Luca incontra un eroe... No, non si tratta di Maradona, che in aeroporto ha attirato l'attenzione di tutti (e in particolare di suo fratello Filippo), ma di un misterioso signore che somiglia un po' a Babbo Natale e occupa il sedile accanto al suo. All'improvviso l'uomo gli chiede: «Posso raccontarti una storia?». Comincia così un'avventura straordinaria, fatta di parole e ricordi, con una sorpresa davvero inaspettata... l'avventura di un cacciatore di sogni, lo scienziato Albert Bruce Sabin.

Ci sono romanzi che ti fanno sciogliere, che ti fanno sorridere già dalla copertina e Il cacciatore di Sogni, è uno di quelli. E' uno di quei romanzi che ti colpiscono già a primo impatto, che ti incuriosiscono e ti fan venir voglia di averlo già a scatola chiusa, non hai nemmeno bisogno di leggerne la trama, sei sicura che ti piacerà. 

Il cacciatore di sogni è un romanzo di due vite che corrono parallele, di due sogni che si incontrano e si mescolano, è un romanzo dal messaggio positivo, che ha voglia di urlare prepotentemente il bisogno di farsi sentire. 
Non esistono le coincidenze e Sara Rattaro ci aiuta a comprenderlo mostrandoci i due protagonisti della storia: Luca, un bambino che si considera serio, un bambino buffo a guardarlo da fuori e un uomo che inizia il suo viaggio raccontandogli una storia.


Il cacciatore di sogni è un romanzo che ad oggi, visto i vari avvenimenti, dovrebbero leggere tutti, senza badare al minimo di età. La storia che l'autrice ci racconta è quella di Albert Bruce Sabin, il primo scienziato capace di donare al mondo il vaccino.

Quando le storie di entrambi si incontrano, si incastrano alla perfezione come pezzi di un puzzle e se da una parte ci si affeziona a quel bambino, a quella sua seriosa innocenza, dall'altra incontreremo il bisogno di ricordare che il mondo ha sempre avuto persone buone. Questo continuo saltellare da un punto ed un altro ci porta a conoscere meglio entrambi, a divorar capitoli pur di scoprire sempre di più, a trovar punti in comune che ci faranno sorridere.

Non è facile scrivere di scienza e di scienziati a coloro che sono ancora piccoli, eppure Sara Rattaro ci riesce con fare poetico, ci culla con le sue parole e il ritmo che va via via in crescendo diventa quasi una sorta di ritornello da ricordare.

Il cacciatore di sogni diviene una storia che non si dimentica, non solo per il messaggio che lascia ai lettori, ma per tutta la cornice che ne racchiude: il non arrendersi mai, il non perdere la speranza, il provarci ancora e ancora. Il cacciatore di sogni lascia al lettore la sensazione di diventar noi stessi super eroi, lascia al lettore la sensazione di poter correre su arcobaleni e saper volare.

E' un romanzo che sa di coraggio. Ogni personaggio raccontato non è mai secondario, non è un contorno o una sfumatura che risalta altro, ma è un personaggio che ha bisogno di esserci, che esiste perché deve; come il fratello di Luca, Filippo, con una passione e dei sogni anche lui.

Sara Rattaro ancora una volta parla ai cuori dei lettori, parla alla loro anima e ne regala emozioni.




2 commenti:

  1. La Rattaro è una di quelle autrici che non riesco proprio a leggere, ho fatto diversi tentativi ma nessuna delle sue storie sembra trasmettermi qualcosa :( la trama di questo nuovo libro però è davvero carina, magari ci faccio un pensierino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto che ti piace legger libri per ragazzi, come piace a me, prova con questo. La storia colpisce tanto :) fammi sapere :)

      Elimina

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.