lunedì 2 ottobre 2017

Release Blitz: eSTREmo inGAnno, Cristina Vichi

Oggi con piacere, ospito una tappa del Release organizzato dall'autrice Cristina Vichi, sul suo nuovo romanzo Estremo Inganno (scritto come su in alto nel titolo, in modo che appaia la scritta strega), portandovi la mia opinione in anteprima. 


ESTREMO INGANNO

Cristina Vichi 


Prezzo: 1.99€ ebook
Genere: Dark Fantasy

Trama: Nel 1717 una giovane sventurata bruciò viva sul rogo, accusata di stregoneria. Quella drammatica storia fu tramandata nei secoli e il luogo della tragedia prese il nome di Katherine’s City, in memoria della ragazza. Kassy, diciassettenne del 2017, per strane e oscure ragioni si ritrova a vivere in prima persona la storia di Katherine, la Regina Rossa, scoprendo sulla propria pelle verità dimenticate, segreti inconfessabili e terribili maledizioni. In un susseguirsi di scoperte sempre più inquietanti, l’angoscia di Kassy raggiunge l’apice quando capisce che la Regina Rossa non le ha rubato solo il corpo, lei vuole anche la sua anima, lei vuole scambiare i loro destini. Chi brucerà sul rogo in quel terribile 17 ottobre 1717?

Finalmente la malasorte se ne sarebbe andata dal paese e la sciagura avrebbe smesso di perseguitarli
L'uso della violenza degli uomini, la distruzione e l'odio che l'inquisizione ha creato, Cristina Vichi lo tratta nel suo romanzo Estremo Inganno, parlandoci di lei, di un ammaliatrice dai capelli rossi e gli occhi profondi. La strega che entra nella nostra vita, è una donna chiusa in una gabbia di ferro, mentre il carretto la porta incontro alla sua morte.
La ruota gira sempre nello stesso punto: il rogo, l'ennesima tortura prima che il corpo venga finalmente benedetto dall'anima Pia, ma il modo in cui l'autrice lo espone ci porta a considerarlo come se la lettura fosse una prima esperienza.

La scrittura non è forbita di tratti linguistici pesanti, è una scrittura alla mano, ciò nonostante il suo linguaggio ci porta esattamente nella scena che descrive. 

Secoli dopo, ai giorni nostri, incontriamo Kassy, una liceale come tante, eppure pagina dopo pagina il suo percorso, la sua crescita, diventa un po' la nostra. Kassy è uno di quei personaggi a cui ci si affeziona facilmente e di cui ci si informa arditamente dei suoi sviluppi, per non lasciarla andare, per tifar di lei ancora un po'. 

Ciò che lega le due protagoniste del romanzo, l'autrice lo crea come un monito da non dimenticare. La cittadina è infatti dedicata a Katherine, al bisogno di ricordarla e non dimenticare quanto la follia dell'uomo possa fare male. Nello stesso giorno la nostra liceale festeggia il suo compleanno e, l'empatia che prova nei confronti della povera ragazza, è così forte che la sua nascita passa in secondo piano. Il riflesso di Katherine lo si vede negli occhi Kassy, in quanto quest'ultima ha in linea generale i suoi stessi lineamenti: capelli rossi e occhi profondi

Non ti invidio:non solo sei nata di diciassette, ma persino lo stesso giorno della Regina rossa. Non lo trovi inquietante? 

Come una tela intrecciata, l'autrice segue passo passo un filo articolato che si dirama in un disegno di seta. Kassy senza sapere come, si ritrova nel 1717 nello stesso luogo e nello stesso tempo di Katherine. Ma quella ragazza, quella bambina bruciata sul rogo è davvero innocente come oggi si crede?

L'autrice ci accompagna mano nella mano in una storia sempre più fitta, in una storia dove nonostante sia sviluppata con personaggi adolescenti, sono comunque facili da seguire e interessanti da leggere.ù

L'autrice colloca il suo romanzo nel dark fantasy, tuttavia gli elementi del contenuto, sembrano invece prelevare ogni genere letterario. Se da una parte troviamo l'adrenalina, la paura del thriller, il sentirsi seguiti e gli occhi addosso, dall'altra troviamo la passione che possiamo trovare in un romance, la magia del fantasy e il buio e la paura dell'horror. C'è tutto ciò che serve ad un lettore per sentirsi appieno in un romanzo. 

Naturalmente in Estremo Inganno, si sente l'accurata ricerca dell'autrice di ricreare delle vicende già esistenti, l'ispirazione a cui si aggrappa sembra ricordare a tratti telefilm come Supernatural, The Originals e The Vampire diaries, ciò nonostante tutto questo non turba affatto la lettura, ma ne sottolinea il piacere delle immagini che ci evoca. Cristina Vichi dona un cuore pulsante ai personaggi, dona la vita a quello che è un puro romanzo di carta, creando già una piccola sceneggiatura di un film.

Non è facile come scrittore dare il proprio romanzo in pasto ai lettori, soprattutto se c'è il rischio di ritrovare qualcosa di già letto; sulla stregoneria si è detto tanto, a volte anche troppo, eppure Cristina Vichi ci riesce con naturalezza, a farci leggere qualcosa che stupisce.

L'autrice sembra narrare un po' la sua storia, sembra ricercare un passato da vite precedenti, sembra narrare la storia di un suo sogno, portando anche noi in uno spazio onirico.

Personalmente al di fuori della recensione, leggere Estremo Inganno in un file digitale non mi ha fatto apprezzarne appieno ogni tratto e ogni sfumatura, in quanto credo che leggerlo su veri fogli di carta doni al lettore la sensazione di percorrere sentieri di pietra e sentire il calore delle fiaccole, è per questo che aggiungo nella lista infinita del carrello di Amazon, il romanzo di Cristina Vichi, consigliando a tutti questa scelta.

Cristina Vichi dona passione ad una trama che rischiava di essere banale, dona passione a delle parole che evocano una vecchia storia. Cristina Vichi dona una fuga dalla realtà, una possibilità di una lettura avvincente che merita spazio tra i grandi.

Estremo Inganno è leggere il coraggio di una ragazza che diventa donna. E' sentire fuoco nelle mani e non bruciarsi. 




1 commento:

  1. Grazie mille Manu. Non sai che piacere leggere le tue parole, per me è una grande gratificazione. Grazie di cuore.

    RispondiElimina

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.