mercoledì 8 novembre 2017

#Booktour L'equinozio di Xipe, adotta la copia del romanzo!


Entriamo nel mondo del romanzo che sto leggendo, conosciamo meglio l'autore e i personaggi descritti, non rimaniamo solo in superficie, ma scaviamo affondo, alla ricerca del perché il romanzo debba essere promosso e letto.

In questa settimana  conosciamo Giovanni Oro, autore di L'equinozio di XipeGrazie alla disponibilità della casa editrice, seguendo la settimana con la fine del review party, ci sarà la possibilità di adottare una copia cartacea del romanzo. 


ENTRIAMO NELLA TAPPA:

LA POPOLAZIONE:

Rah'hialt 

Nome:Rah'hialt 
Affiliazione:Ecumene Rah'hialt 
Luogo: Rah'malaat 
Specie:Rah'hialt 

Biologia: I Rah'Hialt sono esseri bipedi a sangue caldo con un’altezza media per maschi tra l'1,90 e i 2,15 cm, e 1, 75, 1,90 per le femmine. Sono completamente glabri con la pelle che muta colore con l'avanzare dell'età passando da un grigio scuro a un verde molto acceso. Gli occhi sono privi di pupilla e sono generalmente verdi o blu, in rari casi rossi o gialli. Come alcuni rettili terrestri in caso di perdita degli altri questi possono ricrescere. I Rah'hialt camminano eretti e hanno sei dita per arto.
Dai polsi inoltre possono estrarre un aculeo lungo circa 30 cm. La bocca è dotata di 48 denti di cui 6 sono canini, la lingua ha una tonalità azzurrognola ed è leggermente a punta. Il ciclo di vita medio è di circa 95 anni terrestri. 

La riproduzione è legata ad un ciclo estrale determinato dalla femmina che avviene generalmente ogni due anni a partire dal dodicesimo anno di età della femmina. L'entrata nell'estro avviene quasi improvvisamente senza segnali premonitori; eventi improvvisi e situazione di stress possono accellerarne l'avvento. Una volta fecondata la femmina produce un uovo che cresce in un’apposita cavità situata nella zona pelvica. La gestazione è generalmente di 11 mesi. Alla nascita, il piccolo, è già in grado di muoversi autonomamente anche se per brevi tratti.

I Rah'hialt sono dotati di un cuore principale a sei cavità, ( tre atri e tre ventricoli) posto sulla destra del petto e un cuore secondario con un atrio e un ventricolo nei pressi dello stomaco

Alimentazione: I Rah'hialt - essendosi evoluti da una specie di predatori - sono principalmente carnivori, ma sono in grado di metabolizzare anche sostanze vegetali qualora necessario. Gli enzimi dello stomaco sono in grado di digerire la carne cruda oltre che cartilagine e piccole parti di osso. 

Storia: I rah'hialt (luce del Dio) hanno origine sul pianeta Rah'malaat (Specchio del Dio) I primi millenni della civiltà sono caratterizzati da un’elevatissima conflittualità, che a un certo punto, all'incirca settecento anni prima della nascita dell'Impero Umano, ha portato la specie sull'orlo dell'annientamento. E' in questo momento che un gruppo di fondamentalisti religiosi guida una Guerra Santa per l'unificazione dei rah'hialt in un unico popolo sotto l'egida della parola del Dio. Poco dopo l'avvenuta unificazione e la creazione dell'Ecumene, inizia l'espansione fuori dal pianeta. Un’espansione che avviene con estrema lentezza, ma in maniera costante. I Rah'Hialt colonizzando une trentina di sistemi stellari sterminando le popolazioni che li abitano, fino a quando non giungono a contatto con l'Impero Umano.

Forze Armate: Le Forze Armate Rah'hialt sono formate dalla casta dei guerrieri e si compongono di forze planetarie e spaziali. I Rah'hialt preferiscono combattere a terra, per cui la maggior parte degli equipaggi delle navi stellari, con l'eccezione dei comandanti, è generalmente formata da personale appartenenti alle altre caste, solitamente Lavoratori e Spaziali. Un Guerriero è teoricamente in servizio fino alla fine dei suoi giorni. Nella realtà esistono tre classi: Pugni, dai 15 ai 40 anni, formano il nucleo delle forze operative; Mani, dai 41 ai 60, formano la riserva che viene richiamata in caso di necessità; Dita, dai 61 ai 90, che possono essere chiamati in caso di estrema crisi. 

Religione: La religione è il fondamento stesso dell'Ecumene Rah'hialt ed è amministrato dalla casta sacerdotale. Il Credo religioso Rah'hialt, si basa sulla loro concezione della creazione dell'Universo. Ritengono infatti che il creato sia frutto del dolore provato dal Dio quando si divise in otto parti, da ognuna delle quali sgorgò il sangue che costituisce la materia base di ogni cosa (dalle prime otto gocce perdute da ogni parte del corpo avrebbero avuto origine le Otto Casate di ogni casta (vedi sopra). Di conseguenza l'esistenza dei rah'hialt è basata sul dolore, provato o inflitto, che accrescerebbe la considerazione del Dio verso la famiglia di ogni rah'hialt. Una funzione importante nella religione rah'hialt è il sacrificio, ogni momento importante della vita dei rah'hialt è segnato dal sacrificio di una parte del corpo ad esempio il passaggio da una casta all'altra è segnato dal taglio di un braccio. Come gesto propiziatorio in aggiunta all'autosacrificio può essere sacrificato anche un prigioniero, dalla cui morte i sacerdoti traggono gli auspici. I Rah'hialt credono inoltre che allo scopo di avvicinare le anime dei loro antenati al Dio devono fornirgli più dolore possibile, che nell'interpretazione attuale del Libro Sacro viene intesa con il dolore del nemico. Famiglia:La Famiglia è il nucleo essenziale dei rah'hialt, e per famiglia si intendono nuclei estesi, che possono comprendere anche diverse migliaia di individui che appartengono alla stessa casta e condividono un antenato comune. Per tradizione i ralt hanno otto figli, non uno di più non uno di meno, una volta raggiunta questa quota, di solito entrambi i coniugi si sottopongono ad una dolorosa operazione di sterilizzazione, offrendo al Dio i propri organi riproduttori. I Rah'hialt sono monogami e il tradimento del coniuge è ritenuto un offesa al Dio, il matrimonio è per la vita e può essere spezzato solo dalla morte del coniuge, o da uno speciale rituale che comporta l'asportazione lenta del braccio e della gamba destra. Riti e Tradizioni: I Riti e le tradizioni rah'hialt sono essenzialmente di natura religiosa. I Riti funebri prevedono l'inumazione sotto terra del defunto in modo che possa essere accolto nel grembo del Dio. Nonostante il loro interesse per l'aldilà i rah'hialt possono vistare i luoghi di sepoltura solo una volta al mese durante la prima notte di plenilunio, in quella notte si mangia sulla tomba del defunto e si sacrifica una piccola parte di se, in genere un dito. Ogni casta ha poi rituali specifici, lo Shi'tar dei guerrieri, in cui si rende onore ad un nemico valoroso, o il Ca'ta'svar, dei contadini in cui si chiede al Dio di favorire un buon raccolto. 

Tecnologia: La Tecnologia Rah'Hialt è basata sulla biologia, ogni cosa dalle abitazioni alle armi o alle navi spaziale è a base organica. I Rah'hialt sono maestri della manipolazione genetica e sono in grado di ricombinare il DNA di praticamente ogni cosa per fargli assumere la forma e la funzione desiderata, in genere rafforzando la parte genetica con elementi minerali a tale compito è deputata la casta dei Creatori. Di conseguenza i Rah'hialt vedono la tecnologia umana come un abominio e un eresia da combattere. Gli interni delle strutture rah'hialt sono polimorfiche, ovvero sono in grado di assumere specifiche funzione una volta stimolate. Economia:L'economia Rah'hialt è essenzialmente di carattere feudale, Con l'eccezione di quella gestita dalla casta mercantile) ogni contadino,lavoratore o artigiano dipende da un Signore di casta superiore, in genere un Guerriero o un Intendente, a cui deve dare un ottavo del suo lavoro (delle altre sette parti solo una rimane a chi ha lavorato, le altre vengono date ai sacerdoti, allo stato, e di nuovo al Signore sotto forma di tasse di usufrutto)

12 commenti:

  1. che impressione 48 denti e sei canini??? pazzesco e poi la religione? troppo forte questo romanzo
    dilorenzomarianna07@gmail.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un romanzo che racchiude un intero mondo **

      Elimina
  2. Molto interessante questa tappa alla scoperta dei Ralt, ero molto curiosa di scoprirli e devo dire che mi hanno un po' inquietato con le loro usanze.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono molto particolari, a me affascina molto il loro modo di essere, nel romanzo poi le loro conversazioni sono molto crude.

      Elimina
    2. Interessante, sono sempre più curiosa di leggerlo.

      Elimina
  3. Tappa interessantissima e molto utile per scoprire di più su i Rah'hialt anche se alcune cose mi hanno un po' inquietato.

    RispondiElimina
  4. cacchio i Rah'hialt fanno davvero paura! comunque libro davvero assai interessante ;)
    Luigi Dinardo
    luigi8421@yahoo.it

    RispondiElimina
  5. Un buon giorno e grazie a tutti per i complimenti. Nella creazione dei Ralf ho voluto apposta creare qualcosa che sia inquietante. Si tratta di una cultura complessa, che però bisogna cercare di non valutare secondo parametri umani

    RispondiElimina
  6. I Rah'hialt devo ammettere che sono molto interessanti. Sono completatemene affascinato da come Giovanni ha saputo creare questa nuovo forma di vita, a lui vanno tantissimi complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per i complimenti, sono molto graditi

      Elimina

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.