martedì 7 novembre 2017

#Una settimana con l'autore Booktour, adotta la copia del romanzo!


Entriamo nel mondo del romanzo che sto leggendo, conosciamo meglio l'autore e i personaggi descritti, non rimaniamo solo in superficie, ma scaviamo affondo, alla ricerca del perché il romanzo debba essere promosso e letto.

In questa settimana  conosciamo Giovanni Oro, autore di L'equinozio di XipeGrazie alla disponibilità della casa editrice, seguendo la settimana con la fine del review party, ci sarà la possibilità di adottare una copia cartacea del romanzo. 


ENTRIAMO NELLA TAPPA:

COME NASCE L'EQUINOZIO DI XIPE

Questo libro nasce tanto tempo fa in una galassia lontana lontana - tanto per citare l'incipit della mia saga preferita - e non è un caso che L’equinozio di Xipe, in origine, nacque come una fan fiction di Guerre Stellari. 

Non essendo mai stato molto interessato ai Jedi o alla Forza e a cose simili, fin dall'inizio ho voluto incontrare la mia storia sui soldati dell'Impero e sui cattivi senza volto, ma mentre andavo avanti nella stesura mi accorgevo che la storia prendeva un’altra forma e i personaggi iniziarono a mutare, così come l'ambiente intorno a loro e a quel punto mi sono fermato, probabilmente perchè non ero più sicuro di come dovevo andare avanti, e il libro è rimasto in un cassetto per diversi anni. 

Un capodanno, complice la compagnia di vecchi vecchi compagni di giochi di ruolo, capii che era arrivato il momento di riprenderlo in mano da dove avevo interrotto; ma la vera svolta arrivò solo dopo la visione di quella meravigliosa serie televisiva che è Battlestar Galactica e, a quel punto, della storia originale rimaneva veramente poco. Quel poco venne cancellato in brevissimo tempo, insieme a 150 pagine di una storyline che non funzionava più e, lentamente e pieno di timori, mi sono immerso in una nuova avventura che si andava estendendo sempre di più, pagina dopo pagina. 

Io sono uno storico, laureato in Storia con una tesi in Storia Militare, quindi mi sembrava normale che il romanzo dovesse parlare di guerra e, nello specifico, di una guerra vista per lo più dagli occhi di un soldato di prima linea; che fosse un carrista, un fante o un pilota di caccia stellari, erano le loro vite e le loro emozioni che mi interessava narrare e così è stato, o almeno ci ho provato. Ovviamente serviva un nemico nella mia storia, e così ho cercato qualcosa che potesse essere in antitesi con l'umanità: con questa idea sono nati i ralt. Una guerra ha sempre due facce e quindi ho sentito la necessità di narrare anche il punto di vista dei cattivi, che poi forse tanto cattivi non sono, perché in fondo con gli umani condividono gli stessi problemi, la morte imminente, un nemico implacabile. Ho voluto quindi svilupparne una cultura coerente e spero il più possibile originale.

12 commenti:

  1. Molto interessante questa "nascita" di una nuova storia.
    Mi incuriosisce sapere delle sue fazioni contrastanti, ma di più vedere il punto di vista di entrambi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giorno dopo giorno si va sempre più affondo nel dietro le quinte, non perderlo!

      Elimina
  2. Un pezzettino in più che si aggiunge :) sono contenta che la storia sia vista da entrambi i lati, per ora la fazione che mi interessa leggere di più sono i ralt.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I ralt dove niente è come sembra o si sente :)

      Elimina
  3. Mi piace sempre vedere dal punto di vista dei "cattivi", per cui sono molto curiosa di leggere dei Ralt. Poter leggere un libro dal punto di vista di entrambe le fazioni è fantastico, penso che permette di avere una vista del libro a 360 gradi, comprendendo le ragioni di tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'autore cattura completamente nel suo mondo, dove i cattivi non sono poi cosi cattivi, dove sembra di vedere già il film.

      Elimina
    2. Buongiorno. Sono l'autore. Grazie per i complimenti. Hai colto lo spirito del libro

      Elimina
    3. Grazie, ne sono contenta. Ho sempre pensato che guardando la storia dal punto di vista di quelli che normalmente sono i "cattivi" la storia si ribalta; mostrando le motivazioni dietro ai loro gesti portano il lettore/spettatore addirittura ad empatizzare con loro.

      Elimina
  4. complimenti all'autore, una trama avvincente con tanti colpi di scena secondo me. spero di leggerlo presto ;)
    Luigi Dinardo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giorno dopo giorno scoprirai altre novità :)

      Elimina
  5. la trama è davvero stimolante e sono davvero curiosa di proseguire le tappe con voi
    dilorenzomarianna07@gmail.com

    RispondiElimina

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.