giovedì 1 febbraio 2018

Imbolc, la luce della fiamma che purifica e ricrea

Da oggi fino a domani si da il via alla festa del fuoco dove Imbolc, festa celtica, permette la purificazione dell'anima e il bisogno di ritrovare se stessi in nuovi progetti.

La festa del fuoco permette di allontanare tutto ciò che per noi è negativo, eliminare progetti che tendono ad affossarci piuttosto che a farci migliorare. Come la fenice, siamo pronti a rinascere dalle nostre ceneri e a gridare a gran voce che siamo pronti a purificarci da tutto ciò che fino adesso non ci ha permesso di splendere.



Rinascere e sentirsi vivi nella luce che piano piano comincia a splendere sempre più. Rinascere e sentirsi purificati con il vento e la pioggia che sembra svuotare il nostro animo per farci sentire vivi e farci urlare "io esisto". Rinascere nella festa del fuoco eliminando tutto ciò che è negativo per il nostro essere. Rinascere per guarire, rinascere nella cenere come la fenice, rinascere con il serpente che muta. Rinascere come il bucaneve, che nonostante all'apparenza delicato, sboccia e si fa posto nella neve. Rinascere come il fuoco che elimina tutto ciò che non serve per far posto a nuove vite e progetti. Rinascere con Imbolc nella luce e nella vita.

La Dea che viene onorata in questa festa è la Dea Brigit che è fuoco piena di energia. I celti celebravano il giorno della Dea Brigit con festeggiamenti con il fuoco e purificazione, la Dea rappresenta la stessa guarigione e il bisogno della rinascita. 

I festeggiamenti per Imbolc possono spaziare con gli altri, ma si preferisce celebrare un ritrovamento di se stessi, un raccogliersi per accettare il cambiamento in atto. Imbolc porta la luce dell'inverno a splendere, a ritrovare la speranza e la voglia di andare avanti. La natura si sveglia. Simbolo non solo di guarigione, ma di fertilità. Le donne nei villaggi festeggiavano questa festa con riti propiziatori per la fecondità e il matrimonio. 

Oggi possiamo celebrare questa festa con:
  • l'accensione di candele in tutta casa, per il ritrovamento della luce che splende
  • divinare con l'utilizzo solo degli arcani maggiori e con uno specchio
  • meditare su tutto ciò che vorremmo cambiare nella nostra vita con l'utilizzo del tredicesimo arcano: La morte
  • Una dieta leggera che ci permetta di raccoglierci

1 commento:

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.