domenica 11 febbraio 2018

La poesia dell'anima, Patrisha Mar - Recensione -

La nostra collaboratrice Lucia, si sofferma questa domenica a parlare di La poesia dell'anima.
Sono rare le volte che di domenica ci si sofferma a parlare di un libro, ma a La poesia dell'anima di Patrisha Mar edito da Newton Compton non si resiste.
Il romanzo è già possibile acquistarlo in libreria e, dopo aver letto questa recensione, sono sicura che non resisterete tanto a lungo. 


la poesia dell'anima 

Patrisha Mar


Editore: Newton Compton Editori
Prezzo: 0,99€ ebook
Pagine: 240


Trama: Giulio Dante è un giovane meccanico che vive ad Ancona, ha una passione segreta per la poesia e fa da padre al fratello Tommaso, che ha la sindrome di Down. Nella sua vita non c’è posto per l’amore, ma solo per avventure mordi e fuggi. Solo che Giulio non ha fatto i conti con il destino: sarà proprio una delle sue “avventure”, infatti, la prorompente Dafne, a presentargli Anna Prete, futura impiegata dell’officina. Chissà se il loro rapporto resterà puramente professionale… Una storia d’amore delicata e romantica, in cui i protagonisti sono alla ricerca di se stessi e del proprio posto nel mondo. Sentimenti, voglia di riscatto, rimpianti, equivoci, paura, amicizia e amore: gli ingredienti perfetti per un romanzo che punta dritto al cuore.

La storia ruota attorno a Giulio, giovane ed attraente meccanico, nonché sosia di un noto attore che ogni donna ama, proprietario di un'officina dove lavora anche Angelo, suo fidato collaboratore, scanzonato e coi capelli rossi...

Giulio è un gran bravo ragazzo, uno di quelli però che ha paura di soffrire, quasi rigetta le emozioni, si butta solo in storie di sesso che finiscono dopo qualche ora. Dafne, una tipetta sexy coi capelli rossi, molto prosperosa e molto allegra, sarà la sua ennesima avventura, che metterà in moto però un meccanismo decisamente particolare. 
La ragazza ha un'amica, Anna, che cerca lavoro, e casualmente Giulio cerca proprio qualcuno che rimetta un po' di ordine nella sua contabilità. 

Avete presente la classica brava ragazza, studiosa, appassionata di libri, magari anche carina ma che si nasconde dietro abiti informi ed occhiali, con una vita personale decisamente complicata? Questa è Anna, che inizierà a lavorare per Giulio, che se la spassa allegramente con Dafne. 
Ma cosa succede quando si lavora assieme tutti i giorni, quando si condividono tante ore di ogni giornata? 
Piano piano inizia la confidenza, lentamente nascono pensieri che il cuore esalta, ma che la mente cerca di nascondere. 
Forse dovremmo semplicemente smettere di avere paura, e di contare il tempo, abbiamo aspettato abbastanza, cosa ci ferma ora?
Ma in ballo c'è tanto troppo: c'è Giulio, diviso tra il lavoro e il doversi occupare di Tommaso, suo fratello con la sindrome di down, c'è Dafne, che fa finta di credere di volere solo sesso, ma col sesso cerca di trovare l'amore, c'è Anna, che vuole bene alla sua migliore amica ma al tempo stesso non vuole più nascondere i suoi sentimenti
Lei gli sorrise, perché lo sentiva davvero, sentiva il rimbombo furioso nel petto, sentiva il sangue che gli scorreva veloce nelle vene, un sangue che bolliva per lei.
Che dire di questo libro: MAGNIFICO

Non ho potuto fare a meno di leggere tutto in una sola giornata, avevo la necessità di capire come finisse. 
L'autrice ha il grande dono di saper coinvolgere i suoi lettori attraverso una storia semplice, ma al tempo stesso complessa, perché racconta tante emozioni da noi vissute almeno una volta: l'innamoramento, l'eccitazione del sesso, la delusione di un tradimento, l'amicizia vera e sincera. 

Mi sono sentita Dafne, che attraverso il sesso cerca di legare a sé un uomo, facendo un percorso mentale sbagliatissimo che molte donne fanno :non lo chiamo per qualche giorno, così si incuriosisce e chiama lui. Sbagliato amiche :in amore non ci sono trucchi o schemi da seguire, se non scatta la scintilla non c'è verso. Sono stata anche Anna, che non si valorizza, che si sente sempre inadeguata, ma si innamora e lentamente capisce che inseguire la propria felicità è un diritto sacrosanto. E poi mi è piaciuto tanto il personaggio di Tommaso, il fratello di Giulio con la sindrome di down: lui non è solo la sua sindrome, è un giovane uomo che lotta per avere la sua indipendenza e il proprio spazio in un mondo complicato. 

E poi Giulio : è... Fantastico, un bello con l'anima, spero tanto esista ancora qualcuno così. 

Ho amato follemente questo libro: mi ha emozionata, commossa, mi ha divertita e mi ha fatto sognare. E mi ha anche insegnato molto. 

Lucia.

Nessun commento:

Posta un commento

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.