mercoledì 28 ottobre 2015

Trollhunters. Segnalazioni

Una segnalazione davvero interessante visto che la Deagostini non si smentisce mai.. parliamo di un autore maestro di horror e fantasy...(a breve troverete la recensione di questa chicca..)




Inquietante come Stand by me. Avventuroso come Percy Jackson. Immaginifico come Le cronache di Narnia.

Dal maestro dell’horror e del fantasy Guillermo del Toro, un romanzo che vi lascerà senza fiato.

Copertina rigida: 349 pagine
Editore: De Agostini (27 ottobre 2015)
Formato Kindle: EUR 6,99
Copertina rigida: EUR 12,67

Sinossi:

È un sonnolento pomeriggio di fine estate a San Bernardino. Il sole è quasi tramontato, e i fratelli Sturges pedalano veloci mentre si inseguono con le loro pistole di plastica. Poi Jim, il più piccolo dei due, vede Jack entrare nell’ombra di un ponte. Non è un bello scherzo, pensa Jim mentre prova a raggiungere il fratello e si lascia inghiottire dalle tenebre. All’improvviso, però, qualcosa si muove: una creatura più nera dell’ombra si stacca dalla parete… Jim fugge, ma è da solo. A partire da quel pomeriggio, di Jack non saprà più nulla.
Molti anni dopo, toccherà al giovane Jim Jr., il figlio dell’unico sopravvissuto dei fratelli Sturges, il compito di trovare una risposta. Cosa è successo a zio Jack, quel pomeriggio d’estate? E, soprattutto, è vero quello che si dice in città? Che furono i troll – creature orrende e affamate di esseri umani – a rapire Jack e insieme a lui molti, moltissimi altri bambini?
Una storia che mette i brividi a firma di Guillermo Del Toro, maestro dell’horror e del fantasy. Un romanzo indimenticabile che vi divorerà.



Qualche riga sull'autore:

Guillermo del Toro è un pluripremiato regista, sceneggiatore e produttore cinematografico. Ha al suo attivo film di successo come Il labirinto del fauno, Hellboy, Lo Hobbit e Pacific Rim. Qualche anno fa, ha esordito anche nel ruolo di scrittore con la serie horror La progenie pubblicata in Italia da Mondadori.

Nessun commento:

Posta un commento

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.