Image Slider

Helena Blavatsky, la più grande esoterista, cosa c'entra con Harry Potter?

venerdì 22 gennaio 2021

 



Madame Blavatsky nata nel 1831 è stata una filosofa esoterista, una saggista occultista e una medium. Verso l'adolescenza sviluppa una passione autodidatta per l'esoterismo per poi interessarsi allo spiritismo e ai poteri psichici. La sua passione e la sua spiritualità, la portano negli Stati Uniti dove nel 1877 pubblica la sua prima opera: Iside Svelata, un testo che illustra la sua visione sul mondo degli spiriti e della storia. Nel 1887 pubblica la Dottrina segreta, la chiave della filosofia e il suo primo romanzo La voce del silenzio. 

Ma cosa c'entra Helena Blavatsky, la più grande esoterista, con Harry Potter, il mago più famoso del mondo?

Da sempre i libri che compongono la saga di Harry Potter sono stati analizzati e confrontati con diverse teorie complottistiche: dalla ricerca del satanismo nelle pagine scritte dalla Rowling, alla ricerca degli alieni e di messaggi spirituali diversi.


Una teoria che ancora oggi viene raccontata e descritta è quella che collega Harry Potter alla medium Madame Blatavatsky. 

Nell'analisi effettuata il primo punto di riferimento è il giorno di nascita di Harry Potter e della sua autrice: il 31 Luglio, collegandoli entrambi alla data di Madame Blatavatsky. Nella teoria viene evidenziata come il 31 Luglio sia una data molto particolare per gli esoteristi, evidenziando come in questa data riescano a nascere persone con particolarità psichiche e innato successo. 

In realtà Helena Blatavatsky nasce a Dnipro il 12 Agosto del 1831. 

Un altro esempio di ricerca che conduce Harry Potter alla esoterista russa è il riferimento al volume Il prigioniero di Azkaban dove gli studenti a Hogwarts studiano divinazione, la possibilità di riuscire a guardare oltre ciò che si vede, su un testo di Cassandra Vablatsky: anagramma che richiama il nome della celebre esoterista di un secolo fa.

Il testo su cui gli studenti studiano divinazione è Svelare il futuro di Cassandra Vablatsky. Nella teoria che collega Helena Blavatsky a Harry Potter, viene indicato il chiaro riferimento alla prima opera di Madame Blatavatsky con la sua Iside Svelata. 

Un'altra teoria prende come punto di riferimento il commento di Madame Blatavatsky sull'importanza del numero sette in magia: richiamando l'equilibrio dell'Universo e della Terra. 

La ricerca indica come questo commento venga più volte riferito in Harry Potter, partendo già sia dal numero dei volumi in cui è composta la sua saga, per l'appunto sette, sia come la Rowling citi spesso il numero sette all'interno degli stessi romanzi. 

Helena Blavatsky è davvero un punto di riferimento per l'autrice più famosa del mondo? La Rowling ha davvero creato un omaggio per la più grande esoterista del secolo scorso?

A voi l'ardua sentenza. 


Di notte scribacchio cose e mi chiamano Autrice

mercoledì 20 gennaio 2021

Le parole sono diventate magiche nella mia vita da quando uso la scrittura in maniera creativa: cerco di plasmare l'energia che sento dentro di me, in qualcosa di costruttivo e non più distruttivo come può essere un banale urlo o un pianto - anche se si sa, le lacrime fanno comunque bene - So che può sembrare come se fosse già qualcosa di già visto, ma cerco di utilizzare tutte le emozioni che provo, mettendole in parole (mal che vada mi sono comunque sfogata e sono andata avanti). 
Cerco di creare una determinata storia che mi dia la possibilità di parlare per tutte le volte che mi hanno detto che non potevo farlo, che mi hanno detto di star zitta o che tanto non serviva a nulla. 

Credo che solo una cosa renda impossibile la realizzazione di un sogno, la paura di fallire. Paulo Coelho

Forse sbaglierò pure a scrivere queste storie così cupe e a volte non poi così commerciali, forse non saranno romanzi da leggere nemmeno per tutti i lettori al mondo e forse mi leggeranno pure in pochi, ma ho trovato la mia opportunità nel mondo e la sto cogliendo. Le mie storie non offrono al lettore un lieto fine, non offrono quel senso di aver letto una storia piacevole. Ciò che scrivo spesso può disturbare, creare una sorta di amarezza e inquietudine nel proprio animo, a volte insinuare pure qualche dubbio sulla propria spiritualità, ma spero che aiutino chi le legga a trasformare ciò che hanno dentro e a vedere il buio in maniera diversa, come un qualcosa che ti avvolge e non che ti distrugge. 


Ho sempre avuto paura di sbagliare. Non ho mai pubblicato ciò che scrivevo per paura di essere giudicata forse troppo strana o di sbagliare in qualche modo, ma paura alla fine di cosa? Non esistono formule magiche per allontanare le paure, non esistono frasi per attrarre chi legge a trovare sempre piacevole una storia, esiste solo la consapevolezza di essere ciò che siamo e di accettare che alcune storie debbano essere raccontate, anche se non hanno un lieto fine o a volte quel lieto fine non sempre arriva come lo aspettavamo.


Se ti va, prova a guardare nel buio e leggi di me e ciò che scrivo! Trovi le mie pubblicazioni su Amazon e nelle migliori librerie.


Hai mai pensato di provare a guardare oltre ciò che riesci a vedere? Guarda oltre ciò che vedi, manuale sull'arte dei tarocchi e sul loro utilizzo, ti aiuta a scoprire il significato di ogni singola carta e ti indica come realizzare alcuni schemi e stese per individuare il futuro e alzare quel velo tanto misterioso. Una piccola raccolta di spiegazioni ed esercizi in cui potrai trovare il significato più semplice e approfondire la comprensione di figure tanto simboliche quanto ricche di dettagli.








Tra i picchi delle più alte montagne, punto d'incontro di Umani e Dei crudeli, c'è un luogo maledetto dove il buio quasi diventa suono, assordante e oscuro. Con la luce del sole però torna a essere Borgo Opaco: un villaggio unico, malinconico e ridente, dove culti e i riti di ogni epoca e provenienza convivono in serenità. Tra i suoi abitanti troviamo Moon, un'adolescente che professa l'Antica Religione. Moon ha perso i genitori e vive con Nymphe, sua nonna: una strega che, per malattia o sortilegio, non ha più la facoltà di esprimersi in maniera lucida e coerente. Tra rabbia e dolore, sacrifici umani e ricerca del proprio destino, Moon si troverà di fronte a due sentieri e dovrà compiere la sua scelta: potrà riempirsi di oscurità o sacrificarsi per la salvezza. Due incontri segneranno il suo percorso: quello con Metelaine, all'apparenza una ragazza come lei ma forse non umana, e quello con Provenza, la ninfa immortale preda della morte. Crescere è sempre scegliere, ma cosa deciderà Moon? E chi ne pagherà il prezzo?


Doveva toccarli.
Doveva vederli.
Doveva entrare in acqua.
Il delicato equilibrio di Borgo Opaco, tra umani e Dei crudeli, è stato infranto e, in completa solitudine, Moon trascorre la sua monotona quotidianità. La sua giornata viene però interrotta da una scoperta strana e terrificante, ma allo stesso tempo magnifica. Chi è la creatura che si nasconde in quell'abisso?

Racconto brevissimo legato alla dilogia Al di là di Borgo Opaco per riscoprire ancora il freddo perenne delle Montagne dei Dimenticati e l'amarezza di una Moon persa nel buio. Attenzione: i fatti di questo racconto brevissimo si collocano circa un anno dopo quelli raccontati nel primo romanzo della dilogia Al di là di Borgo Opaco. Per comprenderne la storia è quindi necessario aver letto il volume precedente.


Uscita di Custode dell'Oltretomba a Febbraio 2021



Pubblicazione LIBRO X con Casa Editrice entro Maggio 2021


Romanzo mitologico in fase di revisione e di scelta se pubblicarlo con casa editrice o in self come Borgo Opaco.