venerdì 4 marzo 2016

Segnalazioni succose da Garzanti e Beat

Amici lettori date mano ai portafogli perchè queste uscite non possiamo perdercele! 


Per la Garzanti in uscita da ieri 3 Marzo il ritorno di Marianne Kavanagh:

Titolo: Una dolce ostilità
Autore: Marianne Kavanagh
Editore: Garzanti

Sinossi:
Kim ha una sola certezza: odia Harry con tutta sé stessa. Eppure è costretta ad averlo sempre tra i piedi, a vederlo ogni giorno girare per casa. Perché è il migliore amico di sua sorella. La sua famiglia lo adora, ma Kim non riesce a fidarsi di lui. Non hanno nulla in comune. Harry si occupa di finanza e la carriera sembra essere il suo unico obiettivo, mentre lei fa volontariato e lavora per un ente no profit. Sono l’uno l’opposto dell’altro e non fanno altro che discutere. Fino a quando il destino non li unisce oltre la loro volontà: devono prendersi cura insieme del nipotino di Kim. E da allora tutto cambia. Giorno dopo giorno, la ragazza scopre che Harry ha sempre indossato una corazza per nascondere il suo animo ferito. Scopre che è stato costretto a crescere troppo in fretta. E nel profondo dei suoi occhi all’improvviso intravede qualcosa che non può dimenticare. Ma a cui non riesce a credere. Non è facile per lei accettare che Harry possa essere una persona diversa. Troppa ostilità ha diviso i loro cuori per tanto tempo. Eppure nel profondo di sé stessa sente che quell’odio forse non è nient’altro che una forma di amore. Ci vuole solo coraggio. Perché a volte per trovare l’anima gemella bisogna cercare proprio lì dove meno ci si aspetta. Dopo il grande successo di Un incantevole imprevisto, per settimane in classifica in Italia, Marianne Kavanagh torna dai suoi lettori che attendevano con ansia un nuovo romanzo.







Titolo: Terra Perduta
Autore: Ann More
Traduzione dall’inglese di Chiara Brovelli
Pagine: 420
Prezzo: 13,90 € cartaceo
EAN 9788865593127
Edizione originale SuperBeat

Sinossi:
1845, Irlanda. Un fungo distrugge gran parte del raccolto di patate del paese, mettendo in ginocchio la popolazione. La famiglia O’Malley, come tante altre, non sa più come sbarcare il lunario. Per questo, quando Lord Bram Donnelly, l’inglese proprietario delle terre, chiede in sposa la loro bellissima Gracelin, gli O’Malley non possono far altro che acconsentire, sperando che la ragazza abbia una vita meno dura della loro. Lord Bram non è però il galantuomo compassato ed elegante che sembra. Ha già avuto due mogli, con cui non si è fatto scrupoli di usare le mani, ed è stato quasi bandito dalla propria famiglia. Dopo le nozze, un infausto destino si abbatte perciò su Gracelin: Lord Bram la picchia così violentemente da farle perdere il bambino che porta in grembo.
Umiliata e piena di rancore, Gracelin capisce di dover seguire le orme di Morgan McDonagh, un giovane patriota irlandese innamorato di lei che si batte contro la dominazione inglese. Spalanca le porte della sua dimora a tutti i contadini affamati che riempiono le strade, attirando ulteriormente le ire del marito.
Con una trama fitta di eventi, Ann Moore ricostruisce gli eventi della Grande carestia irlandese e le origini dello storico conflitto tra irlandesi e inglesi.
«Grande lirismo, una prosa perfetta… Il romanzo storico al suo meglio».
Publishers Weekly



Titolo: IL RISTORANTE DELL'AMORE RITROVATO
Autore: Ito Ogawa
Traduzione dal giapponese di Gianluca Coci
Pagine: 196
Prezzo: 9,00 € cartagine
EAN 978886559119

Sinossi:

Ritornata al villaggio natio dopo una cocente delusione d’amore patita a Tokyo, la giovane Ringo ha un’idea singolare per tornare pienamente alla vita: aprire un ristorante per non più di una coppia al giorno, con un menu ad hoc, ritagliato sulla fisionomia e i possibili desideri dei clienti.
Con l’aiuto del valente Kuma-san, il cui cuore è stato infranto dalla bella Shiñorita, un’argentina scappata in città, Ringo risistema un granaio. Pareti tinteggiate d’arancio, posate di epoca vittoriana e di epoca Taish e, nel giro di qualche mese, il Lumachino, così la ragazza battezza il ristorante, apre i battenti.
La prima cliente è la Concubina, la triste amante di un influente politico locale passato a miglior vita diversi anni prima. Dopo aver mangiato al Lumachino, la Concubina diventa di colpo una donna allegra e piena di vita.



Autore: Rosamund Lupton
Titolo: Sorella
Traduzione dall’inglese di Valentina Guani e Annamaria Biavasco
Pagine: 380
Prezzo: 9,00 € cartaceo

Sinossi:

Account director in un’agenzia newyorchese, Bea è a Londra quando una terribile notizia la raggiunge. La polizia la informa di aver rinvenuto a Hyde Park, in una casupola di epoca vittoriana, il cadavere di Tess, sua sorella. Le maniche del cappotto intrise di sangue, i numerosi tagli sull’interno delle braccia, indicano per gli inquirenti una sola possibile conclusione: la ragazza si è suicidata ed è morta per dissanguamento. Bea, tuttavia, non crede un solo istante alla tesi del suicidio. Impossibile, per lei, che sua sorella, una ragazza piena di vita e felice di aspettare un bambino, si sia uccisa. Decide per questo di trasferirsi nell’appartamento della sorella e di indagare sulla sua vita privata. Là, in quell’alloggio malandato, con una vecchia vasca da bagno di smalto sbreccato e macchie di ruggine e muffa intorno ai rubinetti, Bea scopre che Tess aveva preparato per il suo bambino vestitini da neonato di grande lusso che non poteva nemmeno lontanamente permettersi; che la finestra della camera da letto ha un vetro rotto; che sua sorella riceveva da tempo minacciose telefonate anonime…
Romanzo che ha ottenuto al suo apparire uno straordinario successo di pubblico e di critica, Sorella mostra come la grande narrativa si manifesti oggi anche, e forse soprattutto, nella forma del mystery, del thriller e del romanzo criminale.


Io sono completamente affascinata da tutti, ed è la prima volta che mi capita di trovarmi 
in una segnalazione che mi lascia senza fiato
da Garzanti a Beat questo mese le novità sono davvero preziose!



1 commento:

  1. Questa volta sono salva, nessun libro mi ispira in modo particolare xD

    RispondiElimina

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.