mercoledì 27 aprile 2016

Nel mondo di Alice Blogtour : scopriamo insieme il personaggio (seconda tappa)



Buongiorno cari amici, oggi sono orgogliosa di presentarvi la seconda tappa del Blogtour nel mondo di Alice che vi permetterà di vincere tantissimi premi, tra cui una mia creazione, inoltre vi darà la possibilità di inoltrarvi sempre più affondo del mondo di Alice nel paese delle meraviglie. Ma vediamo come fare a vincere ben sei premi!

REGOLE PER IL GIVEAWAY CI SARANNO 6 VINCITORI !!

Il giveaway parte con la tappa d’apertura, e continuerà in tutte le tappe in quanto è un giveaway a punti, più commentate più guadagnerete punti e alla fine vince chi avrà ottenuto più punti. (chi avrà commentato tutte le tappe si guadagnerà ben 2 punti extra!!)

Per partecipare:

ESSERE LETTORI FISSI DI TUTTI I BLOG (trovate i link nel
calendario a fondo articolo)
COMMENTARE IL POST DI APERTURA CON LA VOSTRA
PARTECIPAZIONE e indicare due scelte tra i premi, la email per
contattarvi in caso di vittoria
COMPLETARE IL FORMAT RISPONDENDO ALLE DOMANDE
PARTECIPATE ALL'EVENTO FACEBOOK COSÌ NON VI
PERDETE NESSUNA TAPPA
!!FACOLTATIVE!! CONDIVIDERE LE TAPPE SUI SOCIAL E
TAGGARE AMICI PER FAR CONOSCERE L'INIZIATIVA

L'assegnazione dei premi avverrà il 25 MAGGIO, dopo quel post sarete contattati tramite email che in caso di parità di punti ci sarà un'estrazione con il sito random.org

Per quanto riguarda la mia tappa ho scelto di parlarvi meglio del personaggio di Alice, in quanto sin da piccola ne sono sempre stata innamorata.

Alice è un personaggio enigmatico, si dice che nacque dalla fantasia dell'autore Charles Lutwidge Dodgson o meglio Lewis Carroll per rendere omaggio al suo amore impossibile:Alice Liddell.

Si dice che sin dalla tenera età l'autore fosse follemente innamorato della giovane Alice, amava fotografarla in pose maliziose, tuttavia quando la ragazza decise di prender i voti, continuò comunque a manifestarle il suo amore proponendole addirittura di sposarlo, ma all'ennesimo giustificato rifiuto decise quindi di onorarla con la sua opera che fu pubblicata nel 1865.

Alice è una fiaba particolarissima, completamente sconvolgente rispetto a tutte le fiabe fin'ora viste ed è stata analizzata in tutte le sue parti scoprendo molti risvolti esoterici.

Vi lascio quindi un testo trovato online del giornalista Vito Foschi:

   


La tana del coniglio può essere tranquillamente un simbolo della Dea Madre che si adorava nelle grotte.

La tana sotterranea può rappresentare gli stati inferi dell’essere, da attraversare prima di passare agli stati superiori.

Alice è una bambina ben educata, ma sopratutto è immersa nel razionalismo ottocentesco. La sua è una mente razionale e va finire in un mondo che sovverte le regole: gli animali parlano, le persone cambiano dimensioni, ecc. Cose che una mente razionale non può accettare, ma nel racconto deve imparare a farlo. Certo può essere un semplice scontro fra razionalità della società vittoriana ottocentesca e un modo di pensare più spontaneo, più infantile, ma a volte l'irrazionale può aprire altre porte.

Alice si trova in un prato quando si addormenta, sognando tutta l’avventura, che solo alla fine del racconto si svela essere solo un viaggio onirico. 

Nel suo sogno-viaggio, Alice, incontra molteplici animali e ciò in qualche modo ricorda i viaggi degli sciamani con i loro animali totemici. 

Fra i tanti animali sicuramente quello che occupa il posto di rilievo è il coniglio che è l’iniziatore, colui che fa intraprendere il viaggio ad Alice e che la guida durante il percorso.

Dopo la caduta nella tana del coniglio Alice si trova in una strana stanza sostanzialmente vuota, ma cosparsa di porte. Su un tavolino di vetro trova una piccola chiave che apre una porticina occultata da una tenda. 

Alice compie vari tentativi per aprire la porticina e penetrarci, ma senza successo. Prende la chiave e apre la porta, ma l’apertura è troppo piccola per passarci e riesce solo a vedere che dà su un bellissimo giardino. 

Sarà il Paradiso riservato agli iniziati? 

Torna indietro e trova una bottiglietta da cui beve e si rimpicciolisce alle giuste dimensioni per attraversare la porticina, ma trova la porta chiusa e la chiave sul tavolino, ormai irraggiungibile. 

Alice riconquista la sua altezza, recupera la chiave, apre la porta, riesce a rimpicciolirsi ma ritrova la porta chiusa. Dopo un altro tentativo la scena cambia completamente. Alice non è pronta a superare la prova. Per tutto il racconto cambia le sue dimensioni alla ricerca di quelle giuste.

Per superare la prova deve possedere due qualità, la chiave, ovvero il mezzo per penetrare la Verità, e la giusta altezza, ovvero la giusta predisposizione d’animo. Non bisogna essere alti, ovvero avere orgoglio, perché ciò non può che far perdere la verità.

Dopo la scena della stanza dalle molteplici porte Alice si ritrova rimpicciolita in un mare formato dalle lacrime cadute quand’era un gigante.

Vi ritrova vari animali con cui intavola una discussione e con cui fa una corsa “confusa”, ovvero una corsa in cui ogni partecipante corre dove vuole senza curarsi di seguire un percorso. In questo episodio prevale l’assurdità: sembra solo un intermezzo per far uscire Alice dalla stanza dalle molteplici porte e proseguire il racconto con altre prove. In effetti il racconto si conclude con l’avvistamento del Bianconiglio che corre come al suo solito ed Alice che prontamente lo rincorre.

Il coniglio continua a indirizzarla nella giusta direzione. Seguendo il Bianconiglio, Alice finisce nel Paese delle Meraviglie e seguendolo ancora si allontana dall’ assurda situazione della corsa confusa per proseguire nel suo viaggio.

Altro animale simbolico è il bruco che Alice incontra a metà racconto. Il bruco rimanda alla crisalide, alla trasformazione, alla morte simbolica e alla rinascita come farfalla, ovvero come essere nuovo non più legato alla terra, ma al cielo.

Il bruco è perciò perfetto simbolo dell’iniziazione. 

A fine racconto Alice incontra un grifone, animale mitologico unione di cielo e terra, leone ed aquila, simbolo dell’iniziazione proprio per la sua doppia natura.

L’iniziazione non è un passaggio? Un passaggio da una condizione umana, terrena ad una superiore?

E il leone a cui spuntano le ali non ne è che un simbolo. E tale animale compare alla fine del racconto, quasi a voler simboleggiare l’ormai acquisita iniziazione di Alice che da lì a poco si sveglierà dallo stato di sonno: si risveglia alla sua nuova condizione, come una qualsiasi iniziazione con la morte iniziatica e il successivo risveglio. Altro elemento caratterizzante il grifone è la coda formata da un serpente, animale sicuramente legato alla terra, ma in grado di infilarsi nei buchi, quindi in qualche modo partecipe della natura sotterranea e in tal modo ideale completamento con il leone e l’aquila dei tre mondi, dando così al grifone una completezza. Ma non solo questo: il serpente, oltre alle note valenze negative, che nel grifone non compaiono, è un altro simbolo iniziatico per la sua caratteristica di cambiare pelle, quindi di lasciare la sua vecchia natura e di acquisirne un’altra.

A livello allegorico l’aquila rappresenta l’intelligenza per la sua capacità di guardare lontano, il leone la forza e il coraggio e il serpente la furbizia. Quindi anche a livello allegorico il grifo è un simbolo di completezza, la forza guidata dalla intelligenza ed aiutata dalla furbizia per svelare gli inganni.

Sulla Regina di Cuori, collerica, si sprecherebbero le congetture psicologiche, dal classico complesso di Edipo alla madre della vera Alice che proibisce al giovane Carrol di vedere la bambina. 

D’altro canto la regina è di cuori e non può essere che preda di forti emozioni, essendo il cuore l’organo deputato a ciò. 

Il rosso è anche il colore delle forti emozioni e della rabbia, ma non dimentichiamo che il rosso è anche il colore della nobiltà, e quindi naturale corollario della sovranità. 

Per tutto l’episodio la Regina minaccia tutti di far tagliare loro la testa ed è emblematico che ciò accade alla fine del racconto. La decollazione ha un forte significato simbolico, di morte e poi di rinascita. Staccare il capo dal corpo, ovvero lo spirito dal corpo, dalla componente materiale, liberarlo dalla materia, non a caso decollare è anche etimologicamente far volare.

L’ultimo episodio del racconto vede Alice imputata in un processo. La bambina ha già conosciuto il Grifo che, come abbiamo visto, ha un preciso significato iniziatico e durante il processo mantiene un atteggiamento di sufficienza e quasi di irritazione per tutti quei buffi personaggi: oramai il suo viaggio volge al termine. 

Il passaggio è terminato, l’iniziazione è avvenuta, la testa simbolicamente si è staccata dal corpo e può volare libera e tutti quei buffi personaggi, rappresentanti gli stati dell’essere precedenti all’iniziazione, sono solo d’intralcio.




Vi siete mai soffermati ad analizzare Alice sotto questo punto di vista? Ho trovato questo articolo davvero interessante, per questo sono stata entusiasta nel proporvelo. 

CALENDARIO BLOGTOUR

26/04 Prima tappa » Il salotto del Gatto Libraio » Panoramica su tutte le apparizioni di Alice
27/04 Seconda Tappa » Il mondo di sopra » Approfondimento sul personaggio di Alice
29/04 Terza Tappa » Ragazza in Rosso » Ambientazioni, il paese delle meraviglie
02/05 Quarta Tappa » Libera tra i libri » Arte nel mondo di Alice
05/05 Quinta Tappa » Un libro e una tazza di tè » Estratti dal classico
06/05 Sesta Tappa » Universi Incantati » Recensione del classico di L. Carroll
10/05 Settima Tappa » Whisper: la voce del tempo » Curiosità sull'autore Lewis Carroll
12/05 Ottava Tappa » Chiacchere Letterarie » Check list dall'Alice Annotata
14/05 Nona Tappa » Palle di neve di Co » La trasposizione cinematografica
17/05 Decima Tappa » Hook a Book » Retelling Alice from Wonderland di Alessia Coppola
19/05 Undicesima Tappa » L'antico calamaio » Rebelling Alice nel paese delle meraviglie di Erminia dell'oro
21/05 Dodicesima Tappa » We Found Wonderland in Books » Retelling, la saga Splintered
23/05 Tredicesima Tappa » Jess in Wonderland » Trasposizione serie tv
25/05 Quattordicesima Tappa » Palle di neve di Co » chiusura giveaway e assegnazione premi

41 commenti:

  1. Non avevo mai analizzato la favola di Alice da questo punto di vista, certo sapevo che era ricca di metafore che includevano i vari personaggi ma non mi ero mai soffermata a pensare ad Alice come un qualche simbolo legato all'esoterismo. Conoscevo però il legame tra l'Alice della fiaba e il primo amore dell'autore, cosa che ho trovato estremamente romantica e se vogliamo anche molto triste. Credo che rivedrò il film con occhi diversi ora che ho letto questo articolo molto interessante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tantissime fiabe sono collegate al mondo dell'esoterismo, c'è da dire che questa mi colpisce di più rispetto alle altre perchè si ferma ad analizzare la Dea :)

      Elimina
  2. non ci avevo mai pensato e devo dire che fa molto riflettere questo articolo... veramente interessante !!
    :)

    RispondiElimina
  3. Che interessante questo post, avevo già letto alcune curiosità sul mondo di Alice e su come Carroll l'aveva pensato e l'ispirazione data dalla piccola Alice Liddell, ma il resto mi mancava!

    RispondiElimina
  4. Onestamente non ci avevo mai pensato, certo immaginavo ci fossero dei messaggi "nascosti" nell'interpretare le scelte dell'autore, ma tutto questo è davvero rivelatorio...!

    RispondiElimina
  5. Al liceo, durante le lezioni di pedagogia, abbiamo affrontato molto spesso i significati nascosti di molte fiabe.
    Era perlopiù quelle dei fratelli Grimm e non abbiamo mai parlato di Alice, quindi sono contenta di aver scoperto cosa si nasconde dietro la fiaba della mia omonima! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amo i messaggi nascosti, sia in quelli dei Grimm, sia nelle fiabe di Disney.. belli davvero, anche il nome Alice :3

      Elimina
  6. Fino ad adesso non ne sapevo nulla e non ci ho neanche mai pensato! Interessante sia l'articolo sia da chi deriva il personaggio di Alice!! Visto che non l'ho mai letto, adesso mi piacerebbe provarci sapendo questo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vuol dire che è arrivato il momento di leggerlo con occhi diversi :3

      Elimina
  7. Bellissimo questo post avevo già letto qualcosa del genere per quanto riguardava i messaggi degli Illuminati attraverso i cartoni della Walt Disney ma così nel specifico per Alice no... molto bello mi piacciono troppo anche a me i messaggi nascosti :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i messaggi della Walt disney sono fantastici, amo molto quello di La bella addormentata nel bosco sul ciclo mestruale.

      Elimina
  8. Io invece so che Lewis Carroll si ispirò ad una bambina che incontrò durante un viaggio in nave. In breve per intrattenerla iniziò ad inventare una storia (con la bambina come protagonista) e una volta tornato a casa decise di metterla per iscritto! Questa tua versione non la conoscevo :)
    La storia di Alice in generale mi ha sempre affascinato e mi sono chiesta più volte il significato della storia..è stato bello scoprire tutte queste allegorie!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece non sapevo dell'incontro in nave, bellissimo anche questo.

      Elimina
  9. Molto interessante, erano cose a cui non avevo mai pensato in effetti, soprattutto a tutti questi messaggi nascosti!

    RispondiElimina
  10. Interessantissimo! Non avevo colto tutti questi significati nascosti... bellissima la spiegazione sulla Regina di Cuori. Molto affascinante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Regina è un personaggio davvero interessante, un po' come il bianconiglio.

      Elimina
  11. Quasi tutte le fiabe hanno dei "messaggi nascosti", ogni personaggio ha sempre un significato ma succede che li vediamo cosi come ci vengono proposti e non ci soffermiamo su cosa potrebbe rappresentare un fiore, un animale, un personaggio o una determinata situazione.
    Articolo davvero interessante, fa molto riflettere e in effetti non avevo mai visto le cose da questo punto di vista sicuramente, rileggendo il libro e riguardando i film, li vedrei con occhi diversi ora =)

    Seconda tappa davvero illuminante, mi è piaciuta tantissimo!
    Mi sta piacendo troppo questo blogtour *-* bravissime!
    Alla prossima ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che la mia tappa ti sia piaciuta, non potevo non crearla qui nel mondo di sopra :)

      Elimina
  12. Ho letto il romanzo di Alice, ma tutta questa analisi me la sarei solo sognata XD Fa sempre piacere scoprire cose nuove! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non si smette mai di imparare ;) In bocca al lupo caro Giovanni :)

      Elimina
    2. Non si smette mai di imparare ;) In bocca al lupo caro Giovanni :)

      Elimina
  13. Avevo già sentito qualcosa del genere, ma è stato molto interessante leggerlo approfonditamente :)
    A proposito, complimenti per la boccetta "drink me" che hai realizzato! E'troppo carina e infatti è uno dei due premi che mi piacerebbe vincere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono davvero contenta che ti piaccia. L'ho resa più gothica rispetto a quelle che si trovano in giro :)

      Elimina
  14. Davvero molto interessante XD Quando rileggerò il romanzo, farò sicuramente più attenzione a tutti quei simboli ;)

    RispondiElimina
  15. Io invece ho sempre pensato ci fosse qualche messaggio criptico dietro. Ma in fondo molti autori di favole lo facevano! Personalmente adoro la storia di Alice! ;)

    RispondiElimina
  16. Quante interessanti notizie e curiosità!il romanzo è solo apparentemente per "bambini",dietro ci sono davvero tanti significati reconditi e messaggi nascosti...

    RispondiElimina
  17. Molto molto interessante questo articolo!
    Come ogni fiaba, dietro la reale storia si celano moltissimi significati e tante metafore, ma credo che quella di Alice sia la più ricca da questo punto di vista. Leggere questo articolo dagli occhi da futura psicologa, rende tutto molto più intrigante: non mi ero mai soffermata ad analizzare questa fiaba (ed è un peccato, considerando che all'università ho studiato un intero libro che analizzava le classiche fiabe, ma neanche una parola su questa!). Comunque, penso proprio che approfondirò il tema cercando altro sul web...
    Grazie davvero per questa tappa, proprio bella! :)

    Un bacio,
    Alba <3

    RispondiElimina
  18. mi ha sempre affascinato il personaggio di alice :) grazie per questa lettura che va oltre :)

    RispondiElimina
  19. Forte non avevo mai letto in questa versione complimenti

    RispondiElimina
  20. Wow. E' stato interessante poter vedere la storia da questo punto di vista. Grazie per aver condiviso questo approfondimento, molto..molto bello davvero! ❤

    RispondiElimina
  21. Un analisi davvero molto interessante che senz'altro aiuta a comprendere meglio l'opera :)
    Non mi ero mai soffermata a cercare di analizzare Alice sotto questo punto di vista! Deve essere anche sicuramente interessante leggere l'edizione annotata con le note a margine! Prima o poi sarà mia *_*

    RispondiElimina
  22. Ho letto l'edizione annotata e effettivamente qualcosa del genere è venuto fuori, ma non pensavo si potesse arrivare a tirar fuori così tanto da una fiaba come Alice, ma che Carrol fosse geniale era certamente appurato.

    RispondiElimina
  23. La fiaba vista da questa prospettiva si è rivelata interessante

    RispondiElimina
  24. Ciao! Post molto interessante come lo sono di solito i tuoi post! I risvolti esoterici della fiaba sono molto affascinanti, così come è affascinante il tema dell'iniziazione in generale e nella fiaba di Alice in particolare. Grazie per questo interessantissimo post.

    RispondiElimina
  25. Non ho ancora avuto modo di leggere l'opera, benché sia nella mia libreria da qualche anno. Ho visto però con molto piacere il film. Una così attenta analisi non potrà che tornarmi alla mente durante la lettura, un ottima tappa davvero interessante ^^

    RispondiElimina

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.