venerdì 3 marzo 2017

Storie della buonanotte per bambine ribelli. Blogtour

Buongiorno Abitanti Lettori del Mondo! Oggi iniziamo la giornata con la mia tappa nel blogtour di Storia della buonanotte per bambine ribelli che potete trovare già in libreria da qualche giorno. Il libro in realtà è molto particolare, in queste semplici storie non troverete principesse che amano cavalieri, ma cento storie illustrate che celebrano donne straordinarie! 


Storie della buonanotte per bambine ribelli 

Elena Favilli e Francesca Cavallo 
Traduzione di Loredana Baldinucci


Editore: Mondadori
Prezzo: 19,00€
Pagine: 224

Trama: C’era una volta... una principessa? Macché! C’era una volta una bambina che voleva andare su Marte. Ce n’era un’altra che diventò la più forte tennista al mondo e un’altra ancora che scoprì la metamorfosi delle farfalle. Da Serena Williams a Malala Yousafzai, da Rita Levi Montalcini a Frida Kahlo, da Margherita Hack a Michelle Obama, sono 100 le donne raccontate in queste pagine e ritratte da 60 illustratrici provenienti da tutto il mondo. Scienziate, pittrici, astronaute, sollevatrici di pesi, musiciste, giudici, chef… esempi di coraggio, determinazione e generosità per chiunque voglia realizzare i propri sogni.

In realtà le donne straordinarie di cui parlare sono tantissime - a fine articolo vi lascio il calendario con le altre tappe - ma leggendo la storia di Nanny regina dei Maroons, me ne sono innamorata, come potevo quindi non presentarvela?

ENTRIAMO NELLA TAPPA:

Di questa regina i suoi tratti sono poco evidenziati, in quanto la sua storia è stata trasmessa oralmente e poche sono le tracce scritte, tuttavia possiamo trovare la sua figura nelle banconote giamaicane da 500 dollari. In Giamaica ne è infatti diventata eroe nazionale. 

Nanny nasce intorno all'anno 1686 nelle tribù Ashanti, in quello che oggi viene chiamato Ghana. Nella sua vita corrono parallelamente due versioni storiche, la prima afferma che figlia di sangue reale, Nanny arriva in Giamaica come donna libera e solo dopo aver sposato un uomo, viene catturata come schiava per poi diventare leader del suo popolo; un altra versione afferma che Nanny fu venduta come schiava per il raccolto delle piantagioni da zucchero in Giamaica, tuttavia in entrambe scopriamo come la regina Nanny fu l'eroina che salvò il popolo dei Maroons.

Poco dopo il suo arrivo in Giamaica con i suoi fratelli, Nanny visse l'incubo della schiavitù, dell'oppressione e delle pesanti condizioni di sopravvivenza, è in quel momento che attuò il piano di fuga non solo per lei, ma per tutti gli altri schiavi nella piantagione.

Divenne quindi l'eroina, la regina del popolo delle montagne, la donna che diede libertà dal dominio infernale britannico. Il suo popolo si diede il nome di Maroons.

I Maroons sono semplici discendenti africani occidentali, uomini e donne provenienti da quello che è oggi il Ghana. Dopo il trasporto in Giamaica come schiavi, questo popolo riesce a scappare grazie all'intervento di Nanny che, sfidando il popolo britannico, li conduce nelle zone montane, da qui quindi il nome maroons che significa popolo che fugge sulla cima più alta delle montagne. 

La guerra con i britannici fu molto dura, quest'ultimi non si arresero facilmente e fino alla fine cercarono di annientare quel popolo, che giorno dopo giorno, diventava sempre più grande. Tuttavia la regina Nanny non si arrese mai, aiutò il suo popolo a difendersi dagli attacchi britannici, insegnando loro l'arte del camuffamento per mimetizzarsi e creare un imboscata.

Fu lei a combattere in prima persona e a capeggiare il suo popolo liberandolo da quell'incubo, ecco perché ne divenne eroina nazionale. 


Si dice che le loro tradizioni spirituali permisero a Nanny un collegamento assiduo con i suoi Antenati che le aprirono le porte della conoscenza.

Nel 1993
l'UNESCO dichiara la comunità di Nanny Town, un capolavoro del patrimonio mondiale. Per più di trecento anni, i Maroons hanno mantenuto una presenza costante in Giamaica vivendo sulla stessa terra della loro regina. Tuttavia la loro cultura africana non è mai da meno, anzi ciò viene innalzato grazie alle tradizioni che continuano a tramandare con orgoglio.

Nel 2014 si è deciso di creare un documentario dove l'autore mette in luce la storia della resistenza dell'eroina del Nuovo Mondo. La sua storia viene raccontata attraverso canzoni, rievocazioni, spettacoli, interviste e Maroons stessi.

E' un importante studio sulla necessità dell'uomo di rimanere liberi e di utilizzare tutti gli strumenti possibili a sua disposizione nel perseguimento di quel bisogno necessario di libertà. 

Diverse leggende narrano che la regina Nanny amava abbellirsi con bracciali di denti britannici, un concetto per incutere timore? A voi l'ardua sentenza.

Si ringrazia per le fonti (da me rielaborate) e per le foto di proprietà:

- Wikipedia per ricerca su Queen Nanny
- Youtube   per documentazione storica
- Museum of London per foto di Queen Nanny



SEGUI LE ALTRE TAPPE DEL LIBRO:




2 commenti:

  1. Ma è stupendo questo libro... adoro leggere storie su grandi Donne con la D maiuscola!
    Un bacio e buon fine settimana!

    Nuovo post sul mio blog!
    Se ti va ti aspetto da me!
    http://lamammadisophia2016.blogspot.it

    RispondiElimina
  2. Questo libro è in cima alla mia wishlist, devo assolutamente procurarmelo!

    RispondiElimina

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.