martedì 6 marzo 2018

Il sole tramonta mentre alcuni libri rimangono immortali.

Ci sono momenti in cui quando ho voglia di non pensare, ma semplicemente di rilassarmi non facendo nulla, mi piace girare per casa sistemando i libri che sto leggendo, quelli che ho finito o semplicemente sistemando in ordine gli scaffali delle mie librerie. Ieri mentre sistemavo i thriller dividendo per sottogenere thriller psicologici e thriller adrenalinici, mi è venuta voglia di parlarvi di quei classici che per me devono essere assolutamente letti. Siamo ormai in un mondo dove vige l'ossessione per le novità, per avere sempre qualcosa di nuovo sottomano, eppure ci sono certe letture che non possono tramontare, che nonostante il linguaggio non sia poi attuale riescono a colpire comunque.




Italo Calvino, Se una notte d'inverno un viaggiatore

Recensione in pillola: E' la continua corsa anche nella stessa realtà, il bisogno di raggiungere una meta che ci sembra impossibile. E' il mescolare la lettura con i lettori e ricercare quello che noi cerchiamo tutt'ora nei libri.









Virginia Woolf, Gita al faro

Recensione in pillola: Poesia e evocazione delle immagini si mescolano in una storia che ci culla tra emozioni e ricordi di un passato lontano. 










Alessandro Baricco, Oceano Mare

Recensione in pillola: Un miscuglio di storie dove l'empatia la fa da padrone, il mare che fa da sfondo a personaggi unici e il bisogno di ritrovarsi.










Cesare Pavese, La luna e i falò

Recensione in pillola: un viaggio nel bisogno di trovare se stessi, un viaggio in quelle radici che sembravano aspre e dimenticate. Un viaggio amaro, che non si riesce a capire totalmente.








Arthur Schnitzler, Doppio sogno

Recensione in pillola: Quanto può essere doloroso e passionale un sogno? Quanto il piacere può render folli? 










E voi, ne avete libri che non tramontano mai?

3 commenti:

  1. Tutti libri che ho amato!*-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Libri immortali... Sicuro la Divina Commedia, e tra i più recenti Stoner, la storia molto ordinaria di un uomo straordinario...

      Elimina

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.