Magia della rosa di Pietra: la formula magica per pietrificare un corpo

lunedì 15 marzo 2021

 



In Al di là di Borgo Opaco, c'è una piccola formula dal nome Magia della rosa di Pietra, che Moon utilizza per pietrificare tutti gli abitanti di Borgo Opaco. A un occhio poco attento, la formula potrà sembrare una semplice filastrocca inventata dalla mia penna, ma in realtà, Magia di Pietra, è un omaggio a quel tempo in cui proprio qui in Italia, si conosceva la formula magica per pietrificare i cadaveri, creata dallo scienziato Efisio Marini. L'uomo, l'inventore che in realtà non fu mai compreso. Ed è per questo che quel piccolo rituale è dedicato proprio alla sua persona e alla sua arte. 

Efisio Marini nato nel 1835 a Cagliari, fu un ricercatore e scienziato di medicina e storia naturale. Affascinato dalle onde del mare e dal suo richiamo, Efisio divenne un attento scienziato e minuzioso osservatore. Con gli anni, lo studio e la creazione di diversi appunti e schemi, Efisio Marini riuscì a creare una personale tecnica di imbalsamazione che gli permise di pietrificare i cadaveri senza utilizzare nessun tipo di strumento chirurgico.
Tutti dormivano nel loro oblio, in un riposo condizionato dall'incantesimo. Lo sguardo era fisso, di marmo. Il suo stesso abito colorato e pieno di fronzoli, ora sembrava spento in un grigio freddo e opaco. C'era qualcosa di spaventoso e meraviglioso in quella scena. Moon deglutì e non osò toccarla.

Efisio Marini, riuscì con la sua formula a creare la possibilità di invertire il risultato su un cadavere, ovvero rendere di nuovo la pelle morbida e rosata al tatto. Questa sua operazione così stravagante e inusuale, divenne per il popolo sardo opera di cattivi presagi. Lo scienziato fu additato come un pazzo ricercatore, come l'anticristo capace di far rivoltare il mondo dei morti e nella sua stessa amata terra, fu isolato e circondato da un alone di terrore e superstizione. 

 

Stanco che le sue opere fossero viste come creazioni del diavolo o abominevoli, si disse che prima di abbandonare la sua amata isola, Efisio gettò le sue creazioni nel mare, trasferendosi poi a Napoli, dove morì nel 1900.


La fama del grande pietrificatore, portò lo scienziato a esporre le sue creazioni in tutto il mondo. La sua prima opera esposta a Parigi fu quella di un piede egizio, che poi venne riportato al suo stato naturale. Questa formula magica, iniziò a impressionare ogni tipologia di scienziato e illustri, fino ad arrivare all'interesse di Napoleone III.


Lo scienziato Efisio Marini, continuò a non dimenticare la sua terra e a sperare fino all'ultimo di poter insegnare. Sperimentò e affinò la sua nobile arte su diversi corpi, per poi passare a pietrificare organi interni fino al sangue vero e proprio. 


La vita che Efisio Marini condusse, non fu facile nemmeno a Napoli. Circondato dalle sue macabre creazioni, venne anche qui visto come portatore di sfighe e ostentatore di morte. Ma l'ossessione per nascondere la sua formula magica, l'esilir della magia di pietra, portò Efisio a condurre una vita dedita al lavoro e alla ricerca. 


Ciò che agli occhi degli altri scienziati sfuggiva, era che Efisio Marini cercava la perfezione nella pietra, la perfezione della sua stessa arte. Lo scienziato, l'uomo, lo sperimentatore cercava quotidianamente di raffinare il suo lavoro che era diventata la sua vita. I corpi dei cadaveri divenivano vere e proprie opere d'arte e nessun taglio o incisione doveva rovinare i loro magnifici corpi. 


Un approfondimento ricco e intenso sulla figura rinnegata dello scienziato, lo troviamo anche nella tesi d Gianfranco Murtas che illustra la vita del medico sperimentatore, incompreso e se pur nostalgico della propria terra. 

Commenta il post
Posta un commento

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.