domenica 6 settembre 2015

Il tocco dell'aldilà. Recensione

Buongiorno amici de Il mondo di sopra.
Oggi voglio parlarvi di un racconto davvero interessante che ho letto con piacere.


Titolo: Il tocco dell'aldilà
Autrice: Ornella Calcagnile
Editore: Dunwitch Edizioni
Prezzo: 0,99 ebook
Pagine: 52

Sinossi:


Imma e David sono solo amici virtuali, uniti dai social e la passione per i film, almeno fino a quando non deci­dono di incontrarsi. David ha tutte le qualità possibili e immagina­bili che un ventiquattrenne possa desiderare: è bello, intel­ligente e prestante. Tuttavia si impone un isolamento in­spiegabile agli occhi di chi lo circonda. Nessuno conosce l’inquietan­te segreto che fin da bambino, quando il suo cuore ha smesso di battere per qualche istante, affligge il giovane. Imma, spi­gliata e solare, rappresenta una boccata d’aria fresca nella sua vita grigia e solitaria ma la serenità non durerà a lungo. La ra­gazza scoprirà nel modo più cruento cosa si cela nei trascorsi del suo sventurato amico, affrontandone i fantasmi del passato e avvicinandosi a un mondo che mai l’aveva sfiorata 

Ornella Calcagnile, nata a Napoli nel 1986, diplomata all’Istituto D’Arte, laureata in Scienze della Comunicazione, ha sempre avuto un debole per tutto ciò che riguarda la creatività: grafica, disegno, fotografia, video-editing, fumetto e cinema. Nel 2013 esordisce come autrice con il romanzo urban fantasy “Helena”, pubblicato con Ute Libri e da li si da il via a nuove auto-pubblicazioni e racconti urban fantasy.




Leggere questo racconto, mi ha riportato indietro, quando con l'avvento di internet nacquero numerose chat di incontri e quando il tempo non era il massimo per uscire, si passava le ore a chiacchierare con nuovi amici trovati in rete.

Mi sono quindi immedesimata subito in Imma, una ragazza napoletana travolta dalla noia delle giornate invernali, che si ritrova a chattare con un ragazzo sconosciuto.. L'amicizia, l'affetto virtuale portano i due giovani ad incontrarsi nella città natale di lei, ma lui oltre al suo essere accattivante si trascina dietro il suo passato.

La scrittura è scorrevole e piacevole, l'autrice racconta in poche pagine una storia che non lascia nulla al caso, una storia che ti riempie nonostante sia breve. 

La descrizione dei luoghi e dei personaggi fa si che il lettore riesca facilmente a visualizzare il tutto e la voglia di continuare a leggerlo non passa mai.

Sono rimasta colpita da quanto sia stato facile per l'autrice catturarmi ed emozionarmi in maniera molto semplice, mi sono trovata a leggere questo racconto con curiosità e "spavento" quando il coprotagonista si è trovato nelle vie del centro storico napoletano ed ha raccontato nei dettagli il suo passato.

Fino all'ultimo sono stata catturata dal modo di scrivere dell'autrice, mai banale e sempre pronto a sorprendermi.

Mi è dispiaciuto lasciare i personaggi praticamente dopo diverse ore in quanto il racconto è appunto breve e avrei voluto rimanere in quella Napoli con Imma e David ancora per un po'.

Consiglio questo libro a chi ha voglia di perdersi in un racconto nuovo, non il solito racconto di fantasmi, ma un racconto di oggi che possiamo trovare forse anche come storia vera per chi ha quella sensibilità di vedere e sentire oltre a ciò che i nostri occhi guardano.

Un libricino digitale molto carino e simpatico, l'unica pecca che mi dispiace è di non averlo tra i cartacei della mia libreria; credo che sarebbe stato piacevole scorrere le dita sulle pagine raccontando la storia anche alle amiche sotto un cielo nuvoloso.









3 commenti:

  1. Bellissima recensione..io diciamo che in genere ho letto libri horror anche se dopo ho pauraXD però sarebbe interessante leggerlo:)

    RispondiElimina
  2. guarda ti dirò questo non fa paura.. è davvero interessante da leggere :)

    RispondiElimina

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.