lunedì 21 settembre 2015

La chiave segreta della Luna. Recensione.

Buongiorno amici de Il mondo di sopra ultimamente sto divorando e smaltendo tantissime recensioni che sono rimaste nei fogli tra i libri.. perchè è così.. quando leggo mi piace scrivere i miei appunti su cosa provo, su cosa mi piace di un libro e quale parte mi ha fatto rimanere perplessa. Ma veniamo a noi oggi parliamo di un fantasy strano.. la chiave segreta della luna!

Titolo: La chiave segreta della Luna
Autore: Eleonora Buompane
Editore: Libro aperto edizioni
Pagine: 242
Prezzo: 15,00 cartaceo 1,99 ebook

Sinossi:


Quando si costruisce qualcosa si produce polvere. In un mondo sconosciuto e affascinante si narra una storia bizzarra come spesso sono i sogni.»

Morgan e Sofia sono due ragazzi di sedici anni, diversi sotto ogni aspetto, ma accumunati dallo stesso destino: sono i prescelti, designati per salvare i sogni dell’umanità custoditi nella fabbrica dei Sogni.
Attraverso indizi e piste da seguire, Sofia e Morgan seguiranno il cammino scritto per loro, mentre qualcuno nella Fabbrica dei Sogni ha qualcosa da nascondere. Lotteranno fianco a fianco per uscirne vincitori e per aprire la porta verso un mondo onirico, mentre il loro legame d’amicizia si trasformerà in qualcosa di profondo. 
Riusciranno a colmare il vuoto della Fabbrica dei Sogni?







Due protagonisti: Morgan e Sofia, sono due compagni di classe a prima vista diversi caratterialmente. Il primo è allegro ed espansivo, mentre Sofia è riservata, quasi triste. Sono indifferenti l'uno all'altro, ma hanno in comune l'amore per l'arte.

Morgan esprime questo amore attraverso la pittura, mentre Sofia attraverso la musica. Questo amore per l'arte diventa un filo che unisce i protagonisti, un filo che la scrittrice fa scorrere poco alla volta fino a portarci con sè alla scoperta dei protagonisti e del loro essere Prescelti. 

Ma prescelti per cosa, vi starete chiedendo.. beh qui dovete scoprirlo da soli. Io vi ho dato l'inizio del filo che ho seguito fino all'ultima pagina.. ora tocca a voi scoprire i particolari.

E' facile immedesimarsi nella vita dei personaggi, a volte ci sentiamo come Sofia con il mondo che forse per noi sembra troppo grande, altre volte invece ci sentiamo briosi come Morgan.

Le avventure che i ragazzi percorrono e la conoscenza degli altri personaggi della storia, ci porta ad apprezzare il libro ogni attimo. La scrittura è dinamica e nuova, le pagine scorrono a perdifiato senza annoiarci mai.

La scrittrice pagina dopo pagina introduce il lettore nella scoperta della quotidianità dei due personaggi e le loro evoluzioni facendoci scoprire passo dopo passo il significato oltre alla parola prescelti.

Il romanzo in generale è bello, mai banale. L'autrice sa scrivere e sa discostarsi dal solito fantasy, riesce a catturarti e a non stancarti mai, cosa molto importante quando si legge una storia così. 

Solo in alcune parti ho trovato delle perplessità: quando molte scene venivano descritte in maniera troppo articolata, dove in realtà  si poteva tranquillamente essere più sintetici, in quanto informazioni di poco conto per chi come me si trova impegnato a vivere le emozioni e le evoluzioni dei due protagonisti

La fabbrica dei sogni dall'aspetto di una chiave, è composta da una prima parte chiamata pentagono che è a sua volta formata da cinque stanze e dai suoi operai specializzati..

Un libro che consiglio a chi ha voglia di sognare, a chi a volte vorrebbe arrivare fino a lassù, a chi ha stretto nel pugno della sabbia e ha immaginato che fosse polvere di fata in grado di farci volare, a chi la luna la raggiunge di notte e a chi invece sta ancora viaggiando.







Nessun commento:

Posta un commento

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.