venerdì 19 febbraio 2016

Blogtour più Giveaway: Sogni di Carta Partecipa e Vinci



Eccoci giunti alla seconda tappa del Blog Tour del romanzo "Sogni di Carta" di Melania D'Alessandro.

Se vi siete persi il post di presentazione e le tappe precedenti, trovate tutte le informazioni qui.

Ricordo inoltre che il Blog Tour si concluderà con un bel Giveaway (per sapere come partecipare e vincere i premi messi in palio, leggere attentamente il post di presentazione).
Prima di cominciare con il contenuto della tappa di oggi, vi lascio i dati del romanzo in questione.





Titolo: Sogni di Carta 
Autrice: Melania D'Alessandro 
Pagine: 137, illustrato
Prezzo: 13,90 euro formato cartaceo 
Editore: Leucotea 
Data di pubblicazione: 23 febbraio 2016


Trama: Sogni di Carta è un negozio speciale. Tanto per cominciare, è gestito da un signore che veste sempre con abiti a quadretti e da un topo brontolone che va ghiotto di biscotti e viaggi fantasiosi. È una libreria magica, dove ogni parola scritta può diventare realtà e in cui i clienti vivono le avventure dei protagonisti delle storie come fossero proprie. Un giorno, tuttavia, libraio e topo di biblioteca si ritrovano ad affrontare guai seri: il mondo della fantasia è in pericolo e rischia di scomparire per sempre. Tra magici ripostigli, laboratori sognanti e personaggi straordinari si snoda la storia di Sogni di Carta, dove la magia diventa possibile e dove anche i lettori possono fare la differenza.



Eccovi, dunque, un piccolo estratto del romanzo.

Mentre Archimede si perdeva nei dolci ricordi d’infanzia, il piccolo Gulliver continuava a sollevare grandi nuvole di polvere nella casa nel muro e le accompagnava fuori dall’ingresso della sua dimora con poderosi starnuti. Ne uscì tutto arruffato e impolverato, con gli occhialoni di traverso e gli occhi gonfi. Sembrava avesse appena finito di litigare con un gatto. Fuori dalla piccola abitazione era ammucchiata una montagnola di polvere, che però superava di gran lunga la sua statura sorcina. Archimede la raccolse con una scopa, poi sollevò Gulliver e gli diede una gentile scrollatina, per ripulirgli un po’ il pelo arruffato.
«Avresti bisogno di un bel bagno, lo sai? Sei talmente pieno di polvere che la tua allergia sta peggiorando visibilmente. Vado a prepararti una bella tazza d’acqua calda, così ti ci potrai tuffare dentro. Prenditi il tempo che ti serve, me la caverò da solo con i clienti, non preoccuparti. Prima però, eccoti un biscotto!»
«Grazie, Archimede, sai sempre come tirarmi su il morale! Gnam gnam! Sbaglio, o questo biscotto è diverso dal solito? Sembra... più buono! Slurp!»
Lui non rispose, il biscotto era esattamente lo stesso che l’amico mangiava ogni giorno, ma gli lasciò credere il contrario: si meritava un po’ di riposo e di coccole, dopo la faticaccia che aveva fatto. Qualche minuto più tardi, Archimede si ritrovò da solo nella libreria. Aveva lasciato Gulliver al piano di sopra, nel suo appartamento, a sguazzare dentro un’ampia scodella colma di acqua calda e sapone profumato al formaggio. Non domandatevi dove lo avesse trovato, io stesso non saprei rispondervi!


Che ne pensate? Vi piace?
Ricordatevi di seguire le prossime tappe del blog tour, le trovate sui seguenti blog:

- Tappa 3: I protagonisti della storia - lunedì 22 febbraio

- Tappa 4: Le tematiche della storia – mercoledì 24 febbraio

- Tappa 5: Le illustrazioni – venerdì 26 febbraio

- Tappa 6: I libri famosi citati nel romanzo – lunedì 29 febbraio

- Tappa 7: I commenti dei primi lettori – mercoledì 2 marzo

- Tappa 8: Recensione del libro – venerdì 4 marzo

- Tappa 9: Estrazione del vincitore del Giveaway - lunedì 7 marzo


14 commenti:

  1. Sono felice di aver pituto gustare un estratto del libro. Mi fa sebtire i personaggi più vicini e riesco a figurarmeli meglio.
    A presto.

    RispondiElimina
  2. Che amore il topino!!! Mi è piaciuto molto questo estratto e adoro sempre di più il piccolo Gulliver :)

    RispondiElimina
  3. Ahahaha al profumo di formaggio?? Oddio!! Allora, adoro i topi...ne ho avuti anche due, così come due graziosi criceti, e mi ricordo che quando li prendevo in mano e me li mettevo vicino al viso per sentire la loro sofficezza, ne sentivo il particolare odore di fieno, erba e...adesso che ci penso, un retrogusto di formaggio dolce!!!Ma giuro che non gli davo da mangiare formaggio né ho mai comprato un bagnoschiuma formaggioso!!Dove mai l'avrei trovato?!?^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho sempre desiderato avere dei roditori in casa, ma a mia mamma non piaceva l'idea e adesso... ho un gatto xD temo non andrebbero proprio d'accordo! xD Però la tua esperienza mi ha trasmesso dolcezza e tenerezza, quanto amo i topolini *O*

      Elimina
  4. Più leggo di questo libro e sempre mi piace di più

    RispondiElimina
  5. troppo forte il topolino e pensare che qui nella mia colonia li cacciano...potrebbero diventare amici no? ih ih

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sanno diventare fastidiosi purtroppo, quando si avvicinano alle abitazioni =( creano disagi, ma io li amo lo stesso u.u

      Elimina
  6. Io adoro le storie dove ci sono i topolini, o comunque gli animali. Questa sembra proprio carinissima, da leggere da solo o magari con i nipotini ;)

    RispondiElimina
  7. No, adesso io voglio assolutamente sapere dove posso acquistare il sapone profumato al formaggio, o meglio ancora, uno al cioccolato XD
    L'estratto è carinissimo, ed è vero, a volte una piccola tenera bugia può aggiustare una giornata e offrire sollievo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello al cioccolato dovresti trovarlo nei negozi di prodotti per il corpo, ne ho visti parecchi in giro! =P per quelli al formaggio... be', bisognerebbe chiedere ad Archimede, e non so se sarebbe disposto a rispondere xD

      Elimina
  8. Mi sono bastate queste poche righe per capire che questo libro dovrò leggerlo in una piovosa e fredda giornata invernale o autunnale... scalda l'anima! :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai colto perfettamente l'anima del romanzo Simo!

      Elimina

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.