martedì 29 marzo 2016

Gli occhi neri di Susan. Recensione

Leggere fa bene al cuore e all'anima, Leggere aiuta a scoprire mondi e sguardi diversi... e stavolta ci perdiamo negli occhi neri di Susan.
Mettetevi comodi, date mano ai portafogli, qui questo libro vi lascia senza fiato.

Titolo: Gli occhi neri di Susan
Autore: Julia Heaberlin
Editore: Newton Compton Editori
Prezzo: € 12,00
Numero di pagine: 335
Giorno d'uscita: 31 Marzo 2016
















Come si può vivere dopo aver letto questo romanzo? Come si può rallentare i battiti del cuore, dopo che sono stati veloci, forse anche troppo, fino all'ultima pagina? Come si può cambiare le cose?
Da questo romanzo verrete rapiti e come me vi sarà difficile lasciarlo andare.

Dicono che presto verrà tratto un film da questo libro e spero con tutto il cuore che le emozioni provate durante la lettura, possano riapparire davanti al grande schermo.

Aprendo il libro possiamo subito notare che come questo si divida in più parti, capitolo per capitolo troviamo una protagonista divisa a metà, una protagonista che come davanti ad uno specchio ci racconta la sua immagine.

Quando la vita si spezza in due, quando arriva quel qualcosa che fa male, che ti cambia completamente, che ti distrugge e ti scava l'animo, come si può andar avanti, come si può non sentire il vuoto che ti divora lento dall'interno? Un morto che cammina, un'involucro vuoto che respira solo perchè deve.

E' questa la sensazione che ci arriva dalla protagonista, da Tessa che a sedici anni la sua vita è stata distrutta e i pezzi non si sono mai ricomposti fino in fondo.

Non fraintendete le mie parole ora che vi dico che per una svista dell'assassino, Tessa è viva, perchè ciò che ci mostra l'autrice è qualcosa di lento, qualcosa che si trascina verso l'oblio.

Come vi dicevo Tessa si ritrova ad essere l'unica sopravvissuta all'inferno, un inferno creato da un essere che la rapisce a sedici anni, e creduta morta la seppellisce con ciò che resta delle vittime precedenti.

Ora prendete fiato, immaginatevi lì in una fossa, tra sangue, terra, vomiti, ossa e dolore.. immaginatevi circondate da animaletti pronti a mangiarvi quando chiudete gli occhi, sempre se gli occhi li avete ancora.. io non sono brava con la scrittura ad evocare una scena del genere, ma credetemi se vi dico che l'autrice è stata capace di darmi i brividi.

Ho divorato completamente questo libro in quattro ore, sperando di non arrivare presto alla fine, per riuscire a gustarmelo ancora e ancora.

Pagina dopo pagina Tessa, dopo quest'esperienza cosi' disarmante, cresce e diventa adulta, ma la rabbia, la frustrazione e i sensi di colpa sono troppi per lei, sono così caotici nel suo animo che spesso sembra mancarle il respiro. Lei sa chi è il mostro, sa chi è il diavolo che ha colpito lei e quelle vittime, sa il nome delle ossa che erano al suo fianco in quel campo, eppure la sua voce e i suoi ricordi sembrano esser spariti nel tempo, come se quell'orrore il suo cervello lo volesse nascondere in qualche modo.

Nonostante a pugni chiusi lei provi comunque ad andare avanti, a svegliarsi un nuovo giorno, la sua routine che stava cominciando a costruirsi, viene di nuovo rotta dalla notizia che forse hanno arrestato il mostro e lei si ritrova a dover testimoniare contro quel folle che con la sua mano voleva spezzarle la vita. Ma un uomo in divisa può davvero esser certo che il colpevole, il folle, il mostro sia proprio lui?

Questo libro è devastante, è qualcosa che non si può spiegare, è un libro che ti scava dentro e continua a ribollire perchè ti insinua dubbi su dubbi senza lasciarti mai. Voi che amate il genere thriller o che ne conoscete solo per sentito dire, non aspettatevi di trovarvi a seguire con un detective le tracce lasciate da un killer troppo ansioso, qui pagina dopo pagina, seguirete la vittima, le sue angosce e il suo tentar di riscattarsi.

Leggere può diventare un qualcosa di estremo, una corsa contro un tempo che non si ferma mai, si arriva a divorare pagine su pagine, capitoli su capitoli, mentre ci si aspetta di leggerne solo un paio. Gli occhi neri di Susan è estremo, è correre, trascinarsi senza fiato in salita, ciò nonostante senza fermarsi mai, perchè si ha il BISOGNO NECESSARIO di sapere, si DEVE sapere ciò che succede.

La scrittura così evocativa ci permette di entrare nel libro stesso, aggrapparci alla maglia della protagonista che contro il tempo corre mentre tentiamo di stare al suo passo.

Un libro che ho amato, il terrore quasi (non è un horror), l'adrenalina che ho provato mi hanno lasciato nel corpo scariche elettriche da perdere il fiato. BELLO, EMOZIONANTE, UNICO, PAZZESCO. Non riesco a trovar le parole e l'unica che mi sembra adatto per definirlo è DEVASTANTE.

Ha un ritmo che non scende mai, tono su tono si alza sempre di livello e la disattenzione sembra non esistere. Si arriverà alla fine con in bocca la richiesta di capire il perchè è già finito, come se di quella lettura avessimo il bisogno di leggerne ancora e ancora.

E' un libro che non può mancare nelle librerie di ogni casa, che siate o meno amanti del genere thriller dovrete leggerlo e perdervi anche voi in qualche Susan.

Chissà se quando vi guarderete allo specchio, vi riconoscerete ancora.






9 commenti:

  1. Ok se prima della tua recensione volevo comprare questo libro, ora lo voglio leggere SUBITO. Credo che non resisterò fino a venerdì per il cartaceo e magari mi butto sull'ebook. Le ultime uscite della Newton mi stanno entusiasmando tutte, sarà un bel mese pieno di letture entusiasmanti! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi assolutamente leggerlo, io sono ancora sconvolta e sono sicura che tra qualche mese avrò il bisogno di rileggerlo. Mi ha spiazzato! Però da amante della carta ti consiglio il cartaceo. Già la newton ultimamente ci sta facendo dannare con troppe uscite e poche finanze.. ç_ç

      Elimina
    2. Oddio, ora trattenermi dal comprare l'ebook è ancora più difficile, però hai ragione averlo fisicamente tra le mani è un'altra cosa. Farò uno sforzo e aspetterò fino a venerdì! :)

      Elimina
  2. Ciao! Ero già intrigata da questo libro e attendevo delle recensioni, questa è la prima in cui mi sono imbattuta e mi hai davvero colpita, non vedo l'ora di leggerlo *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fammi sapere quando lo prenderai, difficilmente abbiamo gusti simili, ma sono sicura che questo ti rapirà *_*

      Elimina
  3. ... Caspita... Mi è arrivato da poco da Newton. Dalla cover non mi ero immaginata né una trama così intrigante né una lettura così trascinante... buono che ho letto la tua recensione! ^_^ :-)

    RispondiElimina
  4. Mi piace il tuo modo di presentare un libro.... esauriente e affascinante! Grazie

    RispondiElimina
  5. Eccola qui, me l'ero persa ^^"
    Comunque bellissima recensione davvero *-* e avendolo letto, ti assicuro che sei riuscita perfettamente a rendere l'idea delle emozioni che evoca questo libro.
    Non sapevo del film e, come te, spero vivamente che gli rendano giustizia!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio. Un libro che ho amato e quando mi succede ne parlo per ore...non vedo l'ora di leggere la tua adesso

      Elimina

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.