mercoledì 19 luglio 2017

W.w.w Wednesday: Diana Chiminominahaunadenuncia è sulla bocca di tutti.

Ebbene si, sono rimasta in silenzio per quattro giorni. Visto il caldo mi sono presa una piccola vacanza tra sole, relax e libri in lettura, eliminando TOTALMENTE la tecnologia, ma a quanto pare la blogsfera si è mescolata in un vortice di bufera portando alla luce il caso di Diana Chiminominahaunadenuncia (nome di fantasia) . La home di facebook ne è stata invasa, articoli su articoli sono stati programmati nei vari blog, Diana Chiminominahaunadenuncia è sulla bocca di tutti. Ma chi è questa Diana Chiminominahaunadenuncia? Ma come, non la conoscete? Quella famosa, famosissima autrice di.. di.. okay, lo ammetto, prima che la blogsfera mettesse al bando l'autrice, io non ne sapevo nemmeno l'esistenza. Voci di corridoio, innumerevoli post e articoli su blog, narrano che questa autrice abbia copiato completamente paragrafi e capitoli del libro della famosa Yogurtina (??), mettetemi al rogo, abbiate pietà, ma anche questo nome, per me, diviene sconosciuto. Comunque la blogsfera è stata invasa con schieramenti da ogni dove, con roghi e battaglie, con urla di denunce e avvocati in generale, finendo poi per dare la colpa alle lettrici che, analfabete (??) leggono certi libri. Ma si può mai giudicare una persona dai libri che legge? Possibile che c'è sempre qualcuno che deve puntare il dito? Quanto la tua libertà può ledere la mia? E non c'è niente di meglio che riflettere su queste domande con la rubrica del mercoledì: il W.w.w.


Nessuno sa di noi è un libro che ho ricevuto con uno scambio e non lo avrei mai detto, ma la scrittura dell'autrice mi ha completamente conquistato. Mi è arrivato nemmeno due giorni fa, si legge velocemente in pochissime ore e ammetto di essere già quasi alla fine, ma la storia entra così dentro che si ha il bisogno di rallentare il ritmo, sperando di non finirlo mai. 
Il bambino soldato è un romanzo della Mondadori.
«Le ferite esterne, se ben curate, alla fine si cicatrizzano e guariscono, ma restano sempre visibili. Spesso però non sono quelle, le ferite che uccidono. Sono le ferite invisibili a essere fatali.

La vita incerta delle ombre. Incubus. Houdini l'ultimo mago. Devo dire che di letture questa settimana non sono andata malaccio. 

La vita incerta delle ombre è un libro che avevo iniziato tempo fa, per poi abbandonarlo subito dopo con vari conseguenti sensi di colpa, eppure ora che l'ho ripreso - e anche finito - mi sento addirittura pronta a consigliarlo. 
Incubus è una serie di racconti incentrati sulla paura e sulla follia, un libro giusto da leggere nei momenti di calma, che sia adatto alle vacanze estive? 
Houdini l'ultimo mago, e che dire su questo libro? Già con la copertina presa dal film io, beh, ne ero già innamorata. Ho letteralmente divorato questo romanzo in tre ore.Bello, adrenalinico a suo modo, un ritmo accattivante e mai calante. Non vedo l'ora di parlarvene. 





Dicono che questo libro sia un libro mozzafiato, un thriller dall'adrenalina pura e folle. Sarà davvero così o le mie aspettative sono solo troppo alte? La ragazza del 6E è un libro di quasi tre anni fa, meglio tardi che mai...
Sono riuscita a recuperare, sempre grazie ad uno scambio, Noli me tangere di Andrea Camilleri; cito da una recensione trovata online: 
una storia a metà tra il giallo e il romanzo psicologico. particolare è l'organizzazione del romanzo, privo di descrizioni ma costituito da dialoghi intervallati da stralci di lettere e telefonate.

E voi invece cosa state leggendo? Come avete risposto a queste domande? Sono curiosa di leggervi! 


4 commenti:

  1. Ciao!
    Ho sentito anche io della polemica di questi giorni, ma ho preferito rimanerne fuori. Se le accuse fossero vere, sarebbe grave, ma visto che non conosco nessuna delle parti in causa non mi è sembrato il caso di parlare (magari a vanvera).

    Il film di Houdini mi è piaciuto molto, non ricordavo fosse tratto da un romanzo, ora però voglio assolutamente recuperarlo!

    RispondiElimina
  2. Ciao! un libro è sempre un libro, può essere scritto bene o male (ed i lettori se ne accorgono...) qualunque sia il genere cui appartiene ed un lettore è un lettore sia che legga romanzi filosofici, sia harmony.
    Detto questo, il libro della Sparaco è da un po' che vorrei legegrlo e mi attira anche il thriller La ragazza del 6E

    RispondiElimina
  3. Ciao! :)
    Anch'io non conosco le persone al centro dell’uragano ma ho letto qualche articolo, specialmente quelli che partono da situazioni come queste per additare e gridare a gran voce che il romanzo rosa è di serie B. Da autrice di romance, non posso che assumere un'espressione triste e confusa, oltre che domandarmi perché un genere che vende tanto e che muove il mondo dell'editoria debba essere bistrattato in questo modo. Che peccato.
    Al momento ho in programma di leggere "L'ombra del vento" di Zafón, mi sembra molto intrigante anche se poco estivo, ho da poco finito un romance (per l'appunto), “Consolation”, e l'ultimo di Veronica Roth, "Carve the mark" che mi è piaciuto molto!

    RispondiElimina
  4. Wut? Io sono stata ferma due settimane a causa del lavoro e sono stata lontana sia dalla blogosfera che dal resto. Ho usato solo il telefono per parlare col mio fidanzato in pratica xD
    Non so di cosa tu stia parlando e la mia home di FB non è invasa da tale argomento, anche se ho visto qualche movimento di strana protesta su qualche post. Non sapevo a cosa fosse collegato ed in realtà continuo a volermi fare gli affari miei. Non conosco nessuna delle due parti che hai nominato e nemmeno cosa è accaduto di preciso, quindi sarebbe stupido da parte mia mettermi in mezzo :)

    Tornando al www, ho da tanto tempo 'Nessuno sa di noi', ma non ho ancora avuto il coraggio di iniziarlo. Ho paura si tratti di una lettura pesante e al momento vorrei rimanere abbastanza sul leggero.
    Io a causa del lavoro non ho letto molto in queste ultime due settimane, quindi niente www per me oggi. In compenso ho pubblicato il Currently Reading :)

    RispondiElimina

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.