sabato 6 luglio 2019

La mano scarlatta, Cassandra Clare - Blogtour: parliamo dei personaggi -


Tutto ciò che desiderava Magnus Bane era una vacanza. Un sontuoso e romantico viaggio per tutta Europa insieme ad Alec Lightwood, lo Shadowhunter che, contro ogni previsione, è diventato finalmente il suo compagno. All’affascinante ed enigmatico stregone non sembra di chiedere poi molto. Ma a pochi giorni dal loro arrivo a Parigi, la coppia viene raggiunta da una vecchia amica che porta loro notizie inquietanti. A quanto pare un culto demoniaco chiamato La Mano Scarlatta sta seminando il caos in tutto il mondo. Un culto che, da quel che si dice in giro, è stato Magnus stesso a fondare, tantissimi anni prima, per scherzo. Ora però ha un nuovo leader, che l’ha trasformato completamente e che sta compiendo una massiccia opera di reclutamento. A questo punto, Magnus e Alec sono costretti a scapicollarsi da una parte all’altra dell’Europa per scovare La Mano Scarlatta e il suo capo, sfuggente a dir poco, prima che possano causare ulteriori, e irreparabili, danni. Via via che la loro ricerca di risposte diventerà sempre più pressante, saranno costretti a fidarsi l’uno dell’altro più di quanto non abbiano mai fatto prima, anche se ciò significherà rivelare i loro segreti più nascosti.

ALLA SCOPERTA DEI PERSONAGGI...

In questo articolo non tutti i personaggi della storia vengono citati, ma vi lascio quelli che secondo il mio parere personale, possono esser meglio evocati


Iniziamo con l'eclettico Magnus Bane, stregone apparentemente cinico, sarcastico, sprezzante e amante della moda. Sotto questa corazza si nasconde un uomo dolce e capace di entrare in empatia con gli altri, caratteristico è lo scintillio di una luce azzurra che scaturisce dalle sue mani quando mette in azione i suoi poteri. Personaggio erotico e sensuale, capace di attrarre uomini e donne. 







Proseguiamo con Alec, compagno di Magnus, shadowhunter alla prese con la sua prima storia d'amore: si percepisce il suo senso di inadeguatezza per la sua poca esperienza, dolce e tenero sotto la sua apparenza di macho incorruttibile.







Terminiamo con Asmodeo, demone superiore adorato dal culto de La mano Scarlatta: è una di quelle creature che non andrebbero mai nemmeno evocate o nominate, che reclamano obbedienza e devozione dai propri figli







1 commento:

  1. Io mi sono fermata a Città di vetro, ma forse dovrei continuare con la lettura dei volumi successivi.. Ma ci penserò perché ho un mucchio di romanzi a cui vorrei dare la precedenza 😉

    RispondiElimina

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.