Figli di virtù e vendetta, Tomi Adeyemi - Blogtour -

giovedì 11 giugno 2020

FIGLI DI VIRTU' E

 VENDETTA 


Tomi Adeyemi

Editore: Rizzoli

Trama: Dopo aver combattuto contro l'impossibile, Zélie e Amari sono finalmente riuscite a far rivivere la magia a Orïsha. Ma il rituale per risvegliarla si è rivelato più forte di quanto avrebbero potuto immaginare, e ha riportato alla luce non solo i poteri dei maji, ma anche quelli dei nobili che avevano della magia nel loro sangue. Ora Zélie deve lottare per unire i maji in una terra dove il nemico è potente quanto loro. Quando reali ed esercito stringono una mortale alleanza, Zélie deve tornare a combattere per assicurare ad Amari il trono e per proteggere i nuovi maji dall'ira della monarchia. Ma con la minaccia di una guerra civile all'orizzonte, Zélie si trova a un punto critico: dovrà trovare un modo per riunire il regno oppure lasciare che Orïsha venga distrutta da se stessa.


Figli di virtù e vendetta di Tomi Adeyemi porta il lettore a trovarsi di fronte ad un secondo romanzo dove tra i personaggi sembra spiccare una delle caratteristiche più importanti: la fiducia verso se stessi e verso gli altri.  

Quando si parla di fiducia mi viene alla mente l'immagine del lasciarsi cadere. Chiudere gli occhi e lasciarsi cadere all'indietro, consapevoli che alle nostre spalle ci sarà sempre qualcuno a prenderci, impedendoci così di farci male.

Tra le pagine di qualsiasi romanzo, come nella stessa realtà, la fiducia verso l'altro e verso se stessi è lasciarsi completamente abbandonare a quel senso di sicurezza e di bisogno di lasciare che il nostro istinto si colleghi quasi a quello dell'altro.

Figli di virtù e vendetta mette il lettore anche davanti al bisogno di fidarsi delle proprie capacità e di fidarsi delle scelte dei protagonisti, accettandone anche le stesse conseguenze.

Ogni personaggio del romanzo porta il lettore a comprendere i diversi tipi di fiducia:

- La fiducia nel lasciarsi andare alle sensazioni provate
- Il credere e affidarsi non solo alle proprie capacità, ma a quelle dell'altro
- Aprirsi verso nuove scelte e fiducia nelle proprie azioni
- Affidarsi agli altri
- Fiducia verso l'universo e il fato
- Il conquistare la fiducia stessa
- La libertà come conseguenza della fiducia
- Sicurezza
- Consapevolezza

Tomi Adeyemi sfrutta l'elemento fantastico per dare al lettore la possibilità di vedere Figli di virtù e vendetta come un romanzo di genere formativo dove, pagina dopo pagina, si assiste alla maturazione dei personaggi, alla loro evoluzione d'animo dove il lettore riesce ad identificarsi facilmente e ad aspirare a quella consapevolezza nella fiducia in cui si assiste.

La fiducia di Tomi Adeyemi cancella, libera e conquista. Ogni riga sembra porre al lettore l'obiettivo di trovare la propria direzione, la propria sicurezza, attraversare il mistero che circonda la realtà



Commenta il post
Posta un commento

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.