A caccia del Diavolo, Kerri Maniscalco - Recensione -

mercoledì 11 novembre 2020

A caccia del diavolo

Kerri Maniscalco

Editore:  Mondadori

Trama: Audrey Rose Wadsworth e Thomas Cresswell sono giunti in America, una terra audace, sfrontata, brulicante di vita. Ma, proprio come la loro Londra adorata, anche la città di Chicago nasconde oscuri segreti. Quando i due si recano alla spettacolare fiera mondiale, scoprono una verità sconcertante: l'evento epocale è minacciato da denunce di persone scomparse e omicidi irrisolti. Audrey Rose e Thomas iniziano a indagare, per trovarsi faccia a faccia con un assassino come non ne hanno mai incontrati prima. Scoprire chi sia è una cosa, ben altra faccenda è catturarlo, soprattutto all'interno del famigerato Castello della Morte che ha costruito lui stesso, un covo di torture labirintico e terrificante. Riuscirà Audrey Rose, insieme al suo grande amore, a porre la parola "fine" anche a questo caso? O soccomberà, preda del più subdolo avversario che abbia mai incontrato?

Siamo giunti all'ultimo volume della serie di Kerri Maniscalco e la sensazione che si ha è quella di salutare un vecchio amico sperando poi di rivederlo presto.

Può sembrare paradossale il confronto ma se nel film Il corvo, l'amore e la morte andavano quasi di pari passo, anche qui in quest'ultimo volume troviamo come il lato romantico e sfumato  di quest'amore tra i nostri protagonisti viaggi in parallelo con il thriller, in un connubio perfetto tra la morte, la sparizione, cadaveri e la nascita dell'amore.

Nonostante Kerri Maniscalco venga inserita come autrice horror e narrativa gotica, in realtà la sua serie prende un mix di vari generi, reinterpreta le storie a cui siamo abituati mescolando in maniera così armoniosa e lineare, che ci sembrerà naturale leggere d'amore tra una prima indagine e un'altra.

Riemerge l'oscurità dall'ombra e se fino alla fine il lettore aveva immaginato un certo tipo di evoluzione e sensazione nella storia, adesso pagina dopo pagina si cambia faccia e le indagini prendono una strada diversa. 

Kerri Maniscalco riesce in maniera magistrale a rendere il lettore stesso un burattino davanti al suo volere e a portarlo ad arrivare alla parola fine in pochi attimi, in un susseguirsi di scene e azioni che lasciano senza fiato.

In quest'ultimo volume era necessario e doveroso dare una novità al lato romance, far coltivare quel tipo di coppia tra i nostri personaggi e se da una parte certe scene possono sembrare lente e quasi smielate, dall'altra sarà facile comprendere che doveva necessariamente andare così.

Pagina dopo pagina si entra nel vivo grazie a sorprese inaspettate. I personaggi sono così complessi che lasciano le pagine e arrivano a proiettarsi davanti a noi lettori in carne e ossa. Nonostante siano poche le descrizioni dei personaggi, in realtà è possibile immaginare ogni loro sfumatura anche solo psicologica e capire quanto siano umani e fatti quindi di errori. 

La nostra protagonista, la ragazza ribelle che avanza ad ogni pagina, in quest'ultimo romanzo subisce un evoluzione: diventa più determinata nelle sue scelte, ancora più attenta ai dettagli e ai suoi bisogni. Nulla viene lasciato al caso.

Spicca tantissimo la piacevole sensazione che all'autrice piaccia il macabro e il gotico e questo rende ancora più affascinante il romanzo, perché ogni più piccolo dettaglio viene curato e studiato minuziosamente. Il buio viene accolto e amato, non è più il solito splatter sanguinolento a cui siamo abituati.

A caccia del Diavolo è una degna conclusione alla serie di Kerri Maniscalco, portando al lettore la voglia di ricominciarne la lettura. 
Commenta il post
Posta un commento

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.