giovedì 29 marzo 2018

Il profumo del mosto e dei ricordi, Alessia Coppola - Review Party -





IL PROFUMO DEL MOSTO E DEI RICORDI

Alessia Coppola



IN USCITA OGGI

Editore: Newton Compton Editori
Prezzo: 10,00€
Pagine: 320

Trama: Lavinia vive a Firenze, dove studia e lavora come restauratrice. Quando un telegramma le annuncia la morte del nonno, che non ha mai conosciuto, sarà proprio lei a partire per la Puglia per valutare l’eredità ricevuta. Al suo arrivo trova un’antica masseria da ristrutturare, terre e vigneti in stato di abbandono, ma trova anche una grande famiglia pronta ad accoglierla. Abituata alla città, Lavinia si sente quasi a disagio in quell’ambiente rustico, e mal sopporta le premure e l’affetto che tutti le riservano, convinti che lei sia lì per risollevare le sorti della tenuta. E invece Lavinia è pronta a venderla, anche se non ha il coraggio di confessarlo. Quel viaggio in una terra sconosciuta, selvaggia e vigorosa, ha però in serbo delle sorprese. Alessandro, il giovane agronomo che lavorava a fianco del nonno, le farà conoscere ogni angolo della proprietà, la guiderà alla scoperta delle sue radici, narrandole storie che nessuno le ha mai raccontato. Ripercorrere insieme a lui quel passato, avvolto nel mistero e capace di risvegliare tanti ricordi, le farà cambiare idea su molte cose…

Da oggi potete trovare in libreria il nuovo romanzo di Alessia Coppola, una di quelle autrici che qui nel mondo di sopra è garanzia di riuscire a leggere una bella storia che non ti ruba del tempo, ma che ti arricchisce. 

Con il profumo del mosto e dei ricordi la scrittura di Alessia sembra mutare in una crescita forse più consapevole di ciò che può lasciare ai lettori. Eravamo abituati ai suoi mondi fantasy, abitati da creature magiche e al paese di Wonderland, con un Alice cresciuta, mentre qui Alessia ci porta a Firenze, con Lavinia, dai tratti reali e vivi.
Lavinia non è un personaggio facile da inquadrare, Lavinia è un personaggio complesso, talmente particolareggiato che sembra un dipinto su tela, dove da come si svolge lo sguardo è possibile vedere diverse sfumature.
All'inizio troviamo una donna che ha un sogno da voler raggiungere quello di far la restauratrice e che è parte integrante della città dove vive, Firenze. Lavinia vive ogni ora, è sempre attiva, la giornata non può essere sprecata e ama avere tutto sotto controllo, lei è una di città e il resto non conta; ma quando il destino si fa beffe di qualcuno, l'autrice lo sottolinea lasciando a Lavinia un'eredità di un parente sconosciuto ai suoi occhi.
E' possibile che il romanzo possa ruotare sul chi disprezza compra? Possibile che Lavinia, donna determinata, pronta a raggiungere i suoi obbiettivi, donna di città, venga frenata da un tesoro che si nasconde in una sperduta campagna?

Ecco che Alessia Coppola cambia sfumatura e ci porta in campagna, non più nella città dove i rumori sono la musica principale, ma ci lascia sentire gli odori della Puglia e del silenzio della natura. E' qui che Lavinia si trova a fare i conti con se stessa, con un mondo a lei molto lontano. Se a Firenze avevamo conosciuto una ragazza pronta a tutto per le sue scelte, qui ci troviamo in una sorta di innocente fragilità e ingenuità, dove le emozioni vengono messe in primo piano. Alessia Coppola sembra creare con il profumo del mosto e dei ricordi, un romanzo di formazione, dove la protagonista principale sembra mutare pagina dopo pagina, da quella che era la bozza sembra trasformarsi in una donna completa ad ogni riga.

La scrittura intensa, le emozioni legate alle parole, sembrano non solo raccontare la storia che l'autrice ha creato, ma parlare alla nostra anima con il bisogno di crescere insieme a Lavinia, incentivando il suo modo di essere a compiere quel cambiamento tanto desiderato.

Lavinia è circondata da diversi personaggi eppure come pezzi di puzzle per la creazione di un immensa e bellissima immagine, nessuno ne viene escluso o messo in ombra. Ogni personaggio ha caratteristiche individuali e minuziose, come se Alessia Coppola sapesse già in realtà come crearli, niente e nessuno è lasciato a caso.
L'evocazione dell'ambientazione, i dettagli così perfetti e curati, portano il lettore ad immergersi completamente nella storia, immaginando con facilità i luoghi che ne vengono descritti.

Nonostante la storia, cosa sicuramente voluta, parte allontanandoci dal personaggio principale, andando avanti si scopre un attaccamento a quell'odore di terra, a quell'odore di musica e voci, a quella sensazione di passeggiare mano nella mano con i protagonisti, che non si riesce a lasciare andare.

Alessia Coppola con il profumo del mosto e dei ricordi crea un cambiamento nel suo modo di scrivere e dona inizio ad un nuovo genere che ogni lettore sicuramente potrà apprezzare.



7 commenti:

  1. Io lo vedo come un percorso non solo verso la conoscenza di se stessi ma anche verso dei valori... Lavinia scopre una parte di sè e a si avvicina a valori che nel suo mondo interiore non aveva considerato... o almeno è quello che ho percepito io XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valori che aveva considerato la sua amica Ornella.. ;) per me non li aveva considerati perche' all'inizio non ne aveva bisogno, non facevano parte di lei nonostante la solitudine. Esempio stupido tu useresti un cellulare in un posto dove non prende? La situazione ne e' cambiata poi in campagna dove subisce poi una sorta di nuova nascita... secondo la mia chiave di lettura :)

      Elimina
    2. Valori che aveva considerato la sua amica Ornella.. ;) per me non li aveva considerati perche' all'inizio non ne aveva bisogno, non facevano parte di lei nonostante la solitudine. Esempio stupido tu useresti un cellulare in un posto dove non prende? La situazione ne e' cambiata poi in campagna dove subisce poi una sorta di nuova nascita... secondo la mia chiave di lettura :)

      Elimina
  2. Dev'essere un bel libro, anche perchè è una nuova Alessia Coppola. Fra poco lo leggerò anche io!! Grazie delle bella recensione:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai colto nel segno, e' una nuova Alessia Coppola nel senso piu' spirituale del termine :)

      Elimina
  3. Non ho letto altri libri della Coppola quindi non posso cogliere il cambiamento, comunque questo romanzo mi è piaciuto tantissimo

    RispondiElimina
  4. Io adoro lo stile della Coppola, è meravigliosa, poetica. Questo è uno di quei romanzi che rimarrà nel mio cuore per sempre!

    P.s grazie ancora per aver partecipato <3

    RispondiElimina

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.