giovedì 26 aprile 2018

Big Bad Bunny, Samuele Fabbrizzi - Review Party -


Se i personaggi che vi ho presentato giorni fa, vi sono rimasti impressi.. bene che ne dite di approfondire il tutto con la recensione che vi porterà ad aprire le porte della follia? Attenzione, il genere horror non è adatto ai lettori sensibili e composti.


big bad bunny

Samuele Fabbrizzi


Editore: Dark Twin
Prezzo: 2,99€ ebook , 13,53€ cartaceo
Pagine: 210
Trama: In viaggio con sei amici alla volta di El Paso, Texas. Tutto sembra filare per il verso giusto, finché i ragazzi raggiungono Los Monstruos e il Marvin Hotel, con la strana e inquietante, malvagia famiglia che lo gestisce, unici superstiti di una comunità di circensi, di fenomeni da baraccone, di freaks. Votati a una divinità altra rispetto a quelle conosciute, un Grande Coniglio con la passione per i personaggi dei Looney Tunes.

Benvenuti in Big Bad Bunny, horror che vi farà precipitare in un incubo senza fine. La storia ruota attorno a sei amici, Pedro, Demetria, Fargo, Jennifer, Damasco e Sonia, che si mettono in viaggio verso El Paso, Texas, per assistere ad un concerto. 

Il viaggio non sarà semplice, considerando anche che Pedro, ossessionato dal desiderio di diventare uno sceneggiatore, ha tentato il suicidio. Pedro è l'ex ragazzo di Jennifer che ora sta con Fargo, che ha confessato di amarla. Ma un giorno Fargo sparisce dopo essersi sbronzato in un locale, attirato da una spogliarellista coi capelli rossi, Lola. Fargo manderà un messaggio a Jennifer dicendo che la sbronza lo ha costretto a fermarsi a Los Monstruos, soccorso da una ragazza che lo ha invitato a riposare in un motel. Il resto del gruppo decide di raggiungere Fargo, ma non possono sapere che da Los Monstruos non si esce vivi. 

Questo è un piccolo riassunto, il romanzo non è lunghissimo ma dovrei raccontarvi ancora tanto. Che dirvi se non che mi è piaciuto enormemente. In questo romanzo troviamo tutti gli ingredienti che un horror dovrebbe avere: follia, sadismo, perversione, un vero e proprio circo degli orrori. 

In effetti Big Bad Bunny è la storia di un mostruoso coniglio che divora esseri umani, ed è anche la storia di un circo degli orrori divorato dalle fiamme molti anni prima. Ma il Grande Coniglio è destinato a rinascere, e i nostri amici sono l'offerta sacrificale.
Poveri stronzi, Bunny è il Grande coniglio che si è fatto uomo. È un Cristo, e come ogni Cristo è destinato a sacrificarsi per gli altri. Il divino è sopito in Lui, ma oggi è il suo giorno, il nostro giorno. Presto la vita e la morte si ricongiungeranno.
Ho avuto davvero i brividi leggendo il romanzo, ho provato disgusto, orrore, ansia per la sorte che sarebbe toccata ai protagonisti. Ci sono personaggi osceni, grotteschi, che mi hanno ricordato per certi versi alcuni film di Pedro Almodovar e anche le atmosfere surreali di Sonny Darko. Ci sono persone tormentate come Pedro, depresso e autolesionista, come Fargo, atteggiamento da maschio alfa che pretende di comandare, Jennifer, divisa tra due uomini, e così via... Big Bad Bunny è l'incubo di tutti noi, è la parte oscura che ti divora, è il male che ti prende e ti mangia le budella

La scrittura cruda e il ritmo incalzante costringono il lettore a leggere tutto di un fiato, col cuore a mille e l'ansia di conoscere l'epilogo. Consigliato a chi vuole vivere a mille e a chi ha voglia di affrontare i propri demoni.

1 commento:

  1. Uuuh! Lo voglio leggere! Mi piace il genere bizzarro, un po' diverso dal solito.
    Ad ogni modo, sono qui per informarti che ti ho assegnato un premio! Vedi qui ⤵️ http://valentinabellettini.blogspot.com/2018/05/premi-del-blog-my-world-award-2018.html

    RispondiElimina

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.