lunedì 8 ottobre 2018

Mademoiselle Coco e il profumo dell'amore, Michelle Marly - Review party -




MADEMOISELLE COCO 

E IL PROFUMO DELL'AMORE


Michelle Marly 

Editore: Giunti 
Prezzo: 14,90€
Pagine: 432

Trama: Parigi, 1919: a trentasei anni Coco Chanel è già un'icona di stile, simbolo di una donna moderna, libera di esprimere la propria sensualità anche indossando i pantaloni. Eppure le sue umili origini continuano a perseguitarla, tanto che il grande amore della sua vita, l'aristocratico inglese Boy Capel, anche se l'adora non rinuncia a un matrimonio di interesse. Quando Boy muore in un tragico incidente, Coco sprofonda nella depressione finché, durante un viaggio a Venezia, scopre un profumo unico, il più inebriante che abbia mai sentito: un'essenza realizzata per la famiglia degli zar, ormai introvabile dopo la rivoluzione bolscevica. Coco non ha dubbi: è questa l'eau de l'amour che desidera ricreare in ricordo del suo innamorato. Un sogno destinato a diventare realtà, una leggenda intramontabile che diverrà il profumo più esclusivo e desiderato di ogni tempo, Chanel n°5

Il personaggio del romanzo, come avrete sicuramente capito, è la leggendaria Coco Chanel: Coco è nel periodo del suo apice, ha raggiunto e consolidato un gran successo, le dame dell'alta società fanno a gara per farsi vestire da lei; proprio da lei che è stata un'orfanella abbandonata in un convento, figlia di un'umile lavandaia e di un venditore ambulante. 

Nonostante sia una donna indipendente e di successo, Coco soffre perché il suo grande amore, Boy Chapel, rinuncia a sposarla proprio per via delle sue umili origini. Quando Boy muore tragicamente in un incidente d'auto, Coco si abbandona alla disperazione, ma è troppo intelligente per lasciarsi sopraffare dal dolore. La sua amica Misia, pianista di origine polacca fa di tutto affinché Coco torni ad essere la donna forte ed emancipata che è sempre stata, e la invita a trascorrere del tempo assieme a lei e a suo marito a Venezia. 

Proprio nella magica Venezia Coco conosce un impresario russo, il quale le porge un fazzoletto impregnato di un profumo sublime e misterioso: è un'essenza ormai introvabile realizzata per la famiglia degli Zar. Coco ha un'illuminazione: è questa la fragranza che vuole ricreare in onore del suo grande amore Boy, un'essenza che vuole proporre per un pubblico selezionato, per le sue affezionate clienti. 

Non sarà semplice riuscire a ricreare la magia, la sensualità, la magia emanate dal profumo, ma Coco sarà aiutata da Dmitrij Romanov, granduca russo in esilio che la metterà in contatto con un noto profumiere. Vi sembra solo la storia della creazione di un banale profumo? Sbagliato! E' molto più di questo: è la descrizione del genio femminile, del talento e del buon gusto di una donna che è riuscita a farsi strada solo col suo talento e col suo acume. Una donna che in apparenza aveva un destino già segnato: orfana e povera, senza praticamente più nessuno al mondo

Gabrielle "Coco" Chanel si definisce una semplice sarta, ma riuscirà a diventare una stilista di successo e ad imporre uno stile rivoluzionario per l'epoca: capelli corti, il togliere piuttosto che aggiungere, l'utilizzo prevalentemente di colori come bianco e nero che racchiudono tutto, la semplicità come sinonimo di eleganza

Mi ha molto colpito la Coco Chanel donna prima ancora della Coco imprenditrice: anticonformista, ribelle, spregiudicata senza mai essere volgare. E' una donna che soffre per amore, nonostante sia così libera e indipendente, ed in questo Coco assomiglia a tutte noi. 

Leggendo il libro siamo lì un angolino a soffrire con lei, a essere deluse e impotenti di fronte ad un uomo che la ama ma non la sposa per via delle sue umili origini, siamo li con lei a piangere per la morte del suo grande amore, a sentirci vive con nuove passioni, come quella di Coco per il musicista Stravinskij, sposato con un'altra donna ma pazzo di lei. Siamo sempre lì con Coco che discute con Misia, la sua migliore amica, una donna un po' impicciona ma che le vuole un gran bene, e siamo sempre lì a sognare con lei per la sua storia col granduca Romanov. 
Era ingiusto paragonare Dmitrij a Boy. E aveva paura che non avrebbe amato nessun altro quanto aveva amato Boy. Aveva il terrore di fallire, anche se era il suo stesso corpo a chiedere tenerezza e soddisfazione.
E poi è davvero emozionante assistere alla nascita del profumo più leggendario di tutti i tempi, Chanel n.5! Impareremo come creare profumi sia un'arte, che essere un naso richiede studio, talento e passione. E quando il naso è sopraffatto da troppe essenze basta annusare qualche chicco di caffè. 

Inutile dirvi che il libro mi è piaciuto tantissimo: lo stile evocativo porta il lettore ad immergersi nella Parigi degli anni venti, a respirare quell'aria bohemienne e a seguire con passione la storia di Coco Chanel. 

I personaggi sono ben caratterizzati, sembrano quasi veri per le loro emozioni intense, quasi volessero uscire dalle pagine di carta. Mi è piaciuto moltissimo il personaggio di Misia: è quell'amica saggia che tutte noi vorremmo avere, a volte un po' invadente, ma è l'amica che si preoccupa per noi, quella che possiamo non sentire per mesi ma sappiamo che è sempre lì.  
Nessun uomo ti farà sentire protetta e al sicuro come un cappotto di cachemire e un paio di occhiali neri

Nessun commento:

Posta un commento

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.