giovedì 8 novembre 2018

Eredità Caravaggio, Alex Connor - Review -




eredita' caravaggio

Alex Connor

Editore: Newton Compton Editori 
Prezzo: 12,00€
Pagine: 384

Trama: Fin da giovanissima, Artemisia Gentileschi si rivela un'artista prodigiosa. Quando ha solo diciassette anni, però, proprio colui che avrebbe dovuto prendersi cura di lei, il suo maestro Agostino Tassi, la stupra. La giovane decide di portare la questione davanti a un tribunale e Orazio Gentileschi, suo padre, acconsente a esami medici invasivi perché si accerti che la ragazza stia dicendo la verità. Tassi viene dichiarato colpevole, ma il papa lo perdona. E la reputazione di Artemisia è rovinata. Nonostante venga pubblicamente considerata alla stregua di una prostituta, costretta a sposare...

Ancora una volta nonostante Eredità Caravaggio sia il terzo volume della serie che può esser letta in maniera autonoma, Alexandra Connor riesce a conquistarci come se ci trovassimo di fronte alla prima storia, lasciandoci con il fiato sospeso fino all'ultima pagina. 

Quando sta per giungere la morte si è sempre ansiosi all'idea di capire a chi lasciare ciò si è tenuto fino alla fine: la propria eredità ed è la stessa cosa che succede al nostro personaggio iniziale. L'unica parente più stretta si ritrova ad ereditare una collezione numerosa di oggetti e opere preziose e, curiosando in ciò che ormai è suo, scopre qualcosa che non aveva mai visto e che non conosceva affatto.

L'eredità che la londinese si ritrova nasconde una vecchia testimonianza sull'artista Artemisia Gentileschi e in un attimo, pagina dopo pagina, ci si ritrova lì di fronte ad una ragazza che a testa alta nonostante tutto cerca di andare avanti. Artemisia è poco più diciassettenne quando l'uomo di cui si fidava le porta via la sua dignità violentandola e rovinando la sua reputazione, ma la ragazza, l'artista non si arrende e come una leonessa è pronta a combattere e a mordere fino ad avere quella giustizia su un uomo depravato. 

Alexandra Connor tra salti temporali che non disturbano affatto la storia, ma ci coinvolgono all'interno delle pagine spronando la protagonista a continuare la lettura, ci porta di fronte ad un passato dove l'odore della terra, i sussurri dei pettegolezzi, il dito che indica e gli occhi cattivi, sembrano totalmente reali spronandoci a cercare per Artemisia quella giustizia che merita. 

Artemisia è un personaggio femminile che non ha nessuno intorno a lei, ha perso la madre da piccola e la figura femminile che per la sua intimità l'aveva sostituita, ne tradisce il suo animo facendo finta di nulla di fronte allo stupro. Il padre, l'uomo che avrebbe dovuto difenderla non crede a quella violenza e accusa Artemisia di essere una ragazza ormai facile che non ha più modo di salvarsi. Oltre ad essere una ragazza normalissima, con le sue passioni, Artemisia è anche una giovane artista e all'epoca si ritrova a combattere con pittori invidiosi e spregevoli. 

Come la nostra protagonista attuale ci ritroveremo a leggere avidamente ogni pagina, a cercare un riscatto per quella giovane donna e a scoprire i tratti crudi e violenti della storia passata. 

Alexandra Connor ancora una volta sorprende con la sua scrittura intensa, capace di trasportare il lettore nella sua realtà. L'accurata ricerca, i minuziosi dettagli, le documentazioni ottenute ci portano non solo a leggere un romanzo, ma ad avere la sensazione di trovarsi di fronte ad un saggio storico. Con uno stile narrativo incalzante, l'autrice di Eredità Caravaggio riesce a catturare subito l'attenzione imprimendo curiosità ad ogni riga.

Eredità Caravaggio viene definito un grande thriller, per la lettura che ne è conseguita sono titubante del genere scelto in quanto può tranquillamente essere inserito tra i romanzi storici e i saggi sulla storia passata, ma il romanzo è la dimostrazione che Alexandra Connor riesce ancora una volta a lasciare il lettore con il fiato sospeso e a crearne un best seller.

Nessun commento:

Posta un commento

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.