giovedì 22 ottobre 2015

La vera storia di Cupido. Recensione

Quando la casa editrice Rosa dei Venti mi ha proposto di leggere questo ebook, la prima cosa che mi ha colpito è stata la copertina creata dall'autrice stessa. Una copertina moderna.. una fiaba di oggi.. di un c'era una volta tra bar e lunghi corsi.. ma iniziamo la presentazione.


Titolo: La vera storia di Cupido
Autore: Miriam Ciraolo
Editore: Rosa dei Venti Edizioni
Collana: Be my Valentine
Prezzo: € 0.99 (ebook)
Pagine: 107 p. (circa)

Sinossi:

Cupido, angelo dell'amore, serve fedelmente questo sentimento da tutta la vita. Ma la sua esistenza gli appare ormai priva di significato: perché deve far innamorare gli altri, se non può provare sulla propria pelle le gioie di questo sentimento? È stanco di stare dietro le quinte: lui vuole l'amore. Da secoli rincorre la fanciulla dagli occhi rossi che appare dietro gli innamorati appena scocca le sue frecce magiche e il suo unico desiderio è conoscerla; lei, però, sembra irraggiungibile e la sua corsa pare non avere fine. Disperato, spezza così le frecce che custodisce nella sua faretra condannandosi a un'esistenza umana. A causa del suo gesto, però, la principessa Sarah ha una vita infelice e costellata di delusioni amorose. Tutti i suoi pretendenti si scoprono farabutti e il mondo non fa altro che deriderla. Poi, un giorno, grazie a una rosa speciale, conosciuta come l'ultima rosa toccata da Cupido, le viene indicata la via da seguire per trovare la felicità. Sarà costretta a compiere un viaggio alla ricerca del suo vero amore andato perduto, scoprendo un mondo fantastico che non avrebbe mai immaginato. Cupido ha spezzato proprio la freccia con il suo nome e adesso è arrivato il tempo di rimediare all'errore. Sullo sfondo di una Parigi fiabesca, tra profumi estasianti e streghe cattive, tra cioccolatini avvelenati e fiori incantati, i due dovranno affrontare numerosi pericoli, alla ricerca delle frecce magiche e alla scoperta di sé stessi, ma soprattutto alla conquista dell'unico vero amore.

L'autrice
Miriam Ciraolo è nata a Messina e ha frequentato l'istituto d'arte della sua città conseguendo il diploma in maestra d'arte e stilista di moda. Da ragazzina amava inventare storie come una regista. Con impegno iniziò a cimentarsi nell’arte della scrittura, che col tempo diventò la sua vera passione. Oggi l’inchiostro è la sua telecamera e il foglio bianco il suo set. Grafica, disegnatrice e blogger, con La vera storia di Cupido ha realizzato il suo primo sogno da scrittrice.





Ok facciamo un gioco, scegliamo la città più romantica del mondo dall'accento quasi con la puzza sotto il naso, (nulla da dire contro il loro accento.. ma mi ricorda la puzzetta) e voitlà.. signori e signore, dame e cavalieri.. eccoci a Parigi.

Prendiamo un pizzico di mitologia greca.. ok spulciamo tutte le divinità, ma con una città così romantica come possiamo tralasciare Eros? Ed eccoci qui quindi nella storia del Dio dell'amore

Prima della presentazione vi ho accennato come questo libro sia in realtà una fiaba moderna, un c'era una volta oggi..

In questa fiaba troviamo un Cupido eternamente giovane che dopo aver dedicato la vita all'amore degli altri, si innamora lui stesso di una figura di donna misteriosa... occhi rossi e nulla più.

Ma questa ribellione porta il cielo ad una rivolta.. il Dio dell'amore non può mica innamorarsi ed è da qui.. dalla sua punizione che nasce la storia.

Mi trovo in disaccordo con le altre blogger della blogsfera quando scrivono che i personaggi sono poco dinamici e troppo lineari.

Ho trovato questo libro divertente, con personaggi ricchi che mi hanno colpito e meravigliato. La scrittura dell'autrice è scorrevole e dinamica, nonostante a volte le descrizioni non siano così piene di parole, si riesce facilmente a immaginare il mondo che ha creato.

E' un fantasy diverso.. che si intreccia con una chiave moderna in maniera molto semplice e armoniosa.

La figura di Cupido, come la figura di Sarah, non sono figure prepotenti che sovrastano la scena,. anzi si completano nonostante siano i personaggi principali.

Come in tutte le fiabe, nemmeno qui manca la figura del personaggio cattivo, una Ciglia indispettita da tutto, egoista nella sua bellezza..

Un libro che mi è piaciuto e che ho letto volentieri, un libro che è un peccato non avere cartaceo per custodirlo e leggerlo spesso.

Consiglio questo libro a chi crede nelle fiabe, a chi sogna principesse e principi, a chi dietro un albero ci vede una fata, a chi crede in quello che non c'è. Consiglio questo libro ai bambini di ieri e di oggi, a chi crede nell'amore e ha voglia di una lettura leggera, a chi il c'era una volta lo aspetta da sempre..








4 commenti:

  1. Sembra un libro davvero bello e poi la mitologia mi piace tanto perciò mi piacerebbe leggerlo*_*

    RispondiElimina
  2. Questo libro mi incuriosisce un sacco da parecchio tempo, ma non leggendo in digitale non ci ho mai fatto un pensiero serio. Io continuo a ribadire che secondo me il biondo in copertina è Alex Pettyfer U.U

    RispondiElimina
  3. Grazie di cuore per la fantastica recensione! La condivido sulla mia pagina autrice :)

    RispondiElimina

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.