venerdì 9 marzo 2018

Wolves Coast, Ornella Calcagnile - Review Party -


Sembra banale, ma di Ornella Calcagnile leggerei tutto. Avete presente quando la scrittura di un'autrice ti ronza in testa e aspetti con ansia una sua nuova uscita? Ecco, con Ornella è sempre così.
Ho conosciuto Ornella recensendo La dannazione della sirena, per poi innamorarmi di lei con Il tocco dell'aldilà e seguendola poi nei suoi racconti; ora Wolves Coast, sembra un grido di vittoria in un'evoluzione di scrittura che porta il lettore a divorare il romanzo dalla prima all'ultima pagina.


WOLVES COAST

Ornella Calcagnile


Editore: Dunwich Edizioni
Prezzo: 3,99€ ebook, 14,90€ cartaceo
Pagine: 198

Trama: Wolves Coast è una ridente località che ai turisti appare come un semplice luogo di vacanza. Nessuno penserebbe mai a una terra di conflitti che ha visto affrontarsi coloni e amerindi, nessuno si aspetterebbe che quella faida si sia trascinata in sordina per secoli fino a esplodere in una battaglia tra popolazioni vicine, eppure per certi versi distanti. Howi è un giovane di South Wolves con il cuore ferito e un enorme segreto a gravargli sulle spalle, ma con una solida comunità su cui poter contare. Emily è una ragazza di città, delusa dagli affetti, con uno spiccato desiderio di libertà e in cerca della propria strada, una ricerca che la porterà a Wolves Coast. Due personalità che, sebbene diverse, riescono a unirsi profondamente nell’arco di un’estate e a spalleggiarsi in uno scontro senza eguali per quel lembo di costa tanto desiderato da una fazione e tanto protetto dall’altra. Amore e guerra sono vicini più che mai, ma il primo sopravvivrà alla seconda?

In Wolves Coast già dalle prime pagine, Ornella Calcagnile ci porta a conoscere i suoi personaggi che sin dall'inizio, ci trascinano nella storia.
Con una scrittura diretta, il prologo ci presenta una situazione particolare: chi è la ragazza che si lancia verso il mare e ne riemerge e chi sta parlando a noi lettori?

Wolves Coast è una comunità indiana intatta, ma anche qui nulla è come appare davvero. Nei primi capitoli incontriamo Emily, una giovane ragazza che ha voglia di libertà; Emily è stanca di quello che ha intorno e ha voglia di coltivare la sua passione: la fotografia, cogliere le emozioni e le immagini in posti diversi, è così che trova Wolves Coast.

La scrittura in prima persona, ci permette non solo di cogliere tutte le sfumature di Emily a trecentosessanta gradi, ma ci permette di identificarci nel suo personaggio, nel sentirci appieno in quella storia che sembra così naturale e senza forzature.

L'ambientazione di Wolves Coast, la descrizione di ogni minimo dettaglio e del luogo che la nostra protagonista si ritrova ad osservare, ci lascia senza fiato in quanto ogni dettaglio ne è curato con una precisione chirurgica e con una scrittura che dà la sensazione di trasposizione cinematografica. Tutto ciò che l'autrice descrive, ci porta ad immaginarlo completamente in ogni scena: a sentire l'acqua scorrere, a sentire i profumi della terra e della natura intorno e a osservare la magnificenza del luogo.

E' qui che la scrittura di Ornella Calcagnile sembra subire un'evoluzione, una crescita diventando forse più consapevole del potere che ha una penna tra le sue mani.

L'incontro di Emily con il personaggio maschile Howi, diventa un misto tra seduzione e una sottile ironia che ci porta a sorridere e a voler leggere ancora le loro piccole discussioni. Ma cosa succede in quella località che sembra così sperduta dalla civiltà?

Con un misto di adrenalina ed enfasi, Ornella Calcagnile ci accompagna pagina dopo pagina nella storia, immergendoci sempre più affondo in una scrittura evocativa ed intensa.

L'idea di alternare spesso i capitoli tra i due personaggi, porta il lettore davanti alla curiosità di conoscere sempre più affondo i due punti di vista, maschili e femminili della storia. Immedesimarsi in un personaggio maschile non è mai totalmente semplice, eppure l'autrice ci permette con molta naturalezza di identificarci nel personaggio di Howi, anch'esso un personaggio complesso che esce dalla carta diventando reale in ogni suo aspetto.

Capitolo dopo capitolo la storia prende piede portando il lettore a conoscere nuovi personaggi che, se pur secondari, non vengono sminuiti dagli eventi.

Il gioco di seduzione tra i due protagonisti si mescola alla presenza forte di un terzo personaggio che può esser visto come un eroe o antieroe a seconda degli eventi. La cura dei dettagli del fantasy, l'antica leggenda che segna Wolves Coast, lascia completamente a bocca aperta, con la curiosità di correre su internet per scoprire davvero l'esistenza di una comunità del genere.

I cenni storici che Ornella Calcagnile riporta e il contenuto della storia così originale, ci lasciano con il bisogno di scoprirne forse un seguito di quei personaggi diventati ormai parte di noi.

Ornella Calcagnile è cresciuta e si ripresenta con qualcosa di nuovo che nella letteratura di adesso, aveva bisogno di nascere.


Vivi questa storia come un'avventura, così farà meno male.

1 commento:

  1. Ti ringrazio tanto per la bella recensione, anzi bellissima. Sono contenta che tu abbia apprezzato i dettagli, anche se può non sembrare alcuni elementi sono frutto di ricerca *-*

    RispondiElimina

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.