giovedì 19 luglio 2018

Tre cadaveri, Raffaele Malavasi - Review party -


In uscita oggi per Newton Compton Editori, Tre cadaveri di Raffaele Malavasi, considerato un grande thriller capace di catturare l'attenzione fino all'ultima pagina.

Tre donne assassinate. Tre corpi orribilmente profanati. Chi è il serial killer di Genova? 


Tre cadaveri

Raffaele Malavasi

Editore: Newton Compton Editori 
Prezzo: 9,90€
Pagine: 416

Trama: Una serie di omicidi sconvolge la città di Genova. Tre donne sono ritrovate morte, e ogni scena del delitto è un’efferata rappresentazione. Si tratta di un serial killer o di una setta di invasati? L’ispettore capo Manzi viene incaricato di condurre le indagini insieme alla sua squadra, e decide di chiedere aiuto a Goffredo Spada, un ex poliziotto, a suo dire l’unico ad avere le competenze per trovare l’assassino. Spada, però, non è per niente collaborativo e dimostra cinismo e totale sfiducia nelle istituzioni. C’è qualcosa nel suo passato che lo tormenta. Ma la polizia non è l’unica a muoversi sulle tracce dell’assassino. Orietta Costa, una giornalista di cronaca del «Secolo XIX», intende venire a capo del mistero, e firmare lo scoop dell’anno. Man mano che il tempo passa, però, gli omicidi sono sempre più brutali e chiunque abbia intenzione di fermare quelle morti violente dovrà addentrarsi nell’abisso della perversione umana, in una lenta discesa agli inferi.

Ho letto con ansia e curiosità questo romanzo in ben tre ore, cercando di divorare ogni parola; ogni riga doveva assolutamente entrare nella mia testa e nella mia anima perché tre cadaveri è come immergersi completamente in un film e non riuscire più a fare altro. Era da tanto che non leggevo con tanta voracità un romanzo e sono contenta di aver finalmente trovato la lettura adatta nel mio genere preferito: il thriller. 
Raffaele Malavasi con il suo stile di scrittura e la sua creatività, sembra portarci all'interno di un episodio di Criminal Minds dove non viene solo cercato un brutale serial killer che uccide in maniera maniacale, ma sono gli stessi poliziotti che vengono travolti e analizzati in ogni loro caratteristica.

Ci troviamo in Italia, nella nostra terra, precisamente a Genova dove l'ispettore di polizia si trova a brancolare nel buio davanti a dei delitti macabri e assurdi, dove le donne sono le protagoniste di questo inferno. Il nostro buono, il nostro eroe, cerca aiuto in un ex collega e al duo di eroi si aggiunge una giornalista pronta a tutto. 
Sarebbe facile dirvi che la storia va avanti con i poliziotti che cercano il serial killer e lo trovano prima dell'ennesimo omicidio; in realtà il romanzo, pagina dopo pagina, è un escalation di emozioni e sensazioni, dove l'adrenalina aumenta di pari passo.

Il serial killer non è solo un pazzo sospetto ignoto, è qualcosa di più e Raffaele Malavasi riesce a dimostrarcelo portandoci in una mente contorta, in dettagli così complessi che diventeremo anche noi gli stessi ispettori del caso. Tre cadaveri non è un thriller psicologico, eppure i dettagli dei nostri protagonisti che mano a mano durante la storia vengono fuori, ci portano nella mente di ognuno di loro, analizzando non solo i loro pregi e la loro determinazione nelle azioni, ma in toto il loro modo di essere, comprese le paure più nascoste.

Tre cadaveri è come guardare nel buio e non aver voglia di accendere la luce, è avere voglia di scoprire sempre più affondo cosa si cela in quelle pagine.  

La scrittura così potente dell'autore ci porta ad apprezzare nella sua totalità il romanzo senza mai staccare gli occhi dalle pagine. L'ambientazione descritta, le scene create e le menti così complesse di ogni personaggio, ci portano ad aver voglia di vedere e non solo immaginare. Tre cadaveri è il thriller perfetto per queste calde giornate, ci lascia brividi sulla pelle fino alla parola fine. 

Nessun commento:

Posta un commento

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.