lunedì 29 ottobre 2018

Le storie di Olga di carta, Misteriosa. Elisabetta Gnone - Anteprima -

Olga raccontaci una storia e lasciaci sognare ancora 

Siamo giunti ad una nuova settimana e qui il tempo non è dei migliori, la pioggia batte sulle finestre mentre il vento ulula forte e nonostante tutto il tempo sembra ideale per sognare di trovarci di fronte ad Olga, mentre ci racconta una nuova storia.

Da oggi in tutte le librerie è possibile trovare una nuova avventura di Olga di carta, Misteriosa edito da Salani Editore dove Elisabetta Gnone con la sua protagonista affronta la paura più grande che tutti noi abbiamo avuto: la paura di crescere e diventare grandi.


le storie di olga di carta:

Misteriosa

Elisabetta Gnone

Editore: Salani Editore
Prezzo: 14,90€
Pagine: 192

Trama: Cosa significa diventare grandi? E come si fa? «Crescere è una faccenda complicata» direbbe il professor Debrìs, e Olga lo sa bene: per rassicurare una giovane amica, che di crescere non vuole sentire parlare, le racconta la storia di una bambina a cui i vestiti stavano sempre troppo grandi, anche se l'etichetta riportava la sua età, o la sua taglia, e che saltava nei disegni per fuggire dalla realtà. La storia di Misteriosa è la storia di chi fatica a trovare il proprio posto nel mondo, fugge da responsabilità e doveri, incapace di assumersene il carico, e combatte strenuamente per restare fanciullo. È anche, però, la storia di una bambina che non si arrende. Una storia che farà ridere, pensare e spalancare gli occhi per lo stupore; e che rassicurerà Olga, i suoi amici e i lettori di tutte le età su un punto, che è certo: per diventare splendidi adulti occorre restare un po' bambini. Età di lettura: da 10 anni.

Crescere è una faccenda complicata

Basta leggere il nome dell'autrice, Elisabetta Gnone, per sentire il nostro viso cambiare e sorridere e aver voglia di divorare il romanzo velocemente e sentirsi ancora un po' bambini. Elisabetta Gnone ha la capacità di riuscire ad incantare ogni tipo di lettore, dal più piccolo al più grande e, a quest'ultimo, riesce comunque ad insegnare qualcosa che ci rimane addosso anche dopo la parola fine.

Siamo finalmente di nuovo in compagnia della nostra amica Olga che ci prende per mano e ci accompagna in una storia fatta di vestiti sempre grandi, di spazi magici dove scappare e di una bambina che non ha voglia di crescere mai.

Quante volte ci siamo sentiti troppo piccoli davanti ad una situazione da grandi? Quante volte nonostante i vestiti della taglia giusta, ci siamo sentiti poco adulti e abbiamo avuto la sensazione di voler scappare o rinchiuderci dentro ad un muro di cemento? Olga di carta ci prende per mano e ci accompagna a guardare con gli occhi dell'immaginazione tutte quelle situazioni dove non ci siamo sentiti grandi, dove avevamo paura di crescere e di essere adulti e ci porta a capire che, nonostante tutto, crescere non è poi così male 

Elisabetta Gnone ancora una volta riesce a stupire per come la sua scrittura non sia fatta di parole, ma di illustrazioni e stelle che ci portano a volare in alto riuscendo a toccare anche la luna e a mettercela in tasca. L'autrice ha la capacità con delicatezza e parole fatte di musica, di immergerci in una storia completa e avvincente che si legge completamente in un fiato.

Ogni personaggio descritto che accompagna la nostra Olga nel suo raccontare le storie, non è più un personaggio secondario, ma diviene un personaggio principale al pari della nostra protagonista perché, come pezzi di un puzzle, ogni piccolo pezzetto è importante per vedere la bellissima immagine che ne arriva alla fine.

Misteriosa ci culla in quella consapevolezza che la paura fa parte di noi e l'unica cosa per superarla è quella di accettarla; accettare che si diventa grandi ma non per questo si perde quella luce che abbiamo nel cuore, quella capacità di sognare davanti ad un manto stellato o ai colori del mondo. Incalzante, fresco, pulito, emotivamente profondo Misteriosa è l'ennesimo capitolo che vale la pena di leggere e vivere.

La storia e l'avventura catturano immediatamente l'attenzione portandoci via via ad una curiosità sempre in crescendo e lasciandoci in quel fiato sospeso che fa sorridere, in quel sentirsi bene e a casa che ci si aspetta in un libro. I messaggi di formazione di Elisabetta Gnone sono sempre importanti e positivi, rimanendo piccole promesse nel nostro cuore, promesse che leggendo Olga si diventa sempre un po' migliori.

Sono stata a casa è questa la frase che ti fa sussurrare Misteriosa, sono stata a casa anche se ormai sono adulta. 


2 commenti:

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.