giovedì 30 gennaio 2020

Ancora pochi passi... in anteprima al cinema e recensione del racconto!

Il nuovo film di Pupi Oggiano e l'edizione speciale della novelization al Cinema Massimo


Grazie alla casa editrice Buendia Books ho avuto la possibilità di leggere in anteprima il racconto Ancora pochi passi e non vi nego che la frase non è tutto quello che sembra ne calzi a pennello. 

Parlare di racconti non è mai facile perché si ha sempre la paura di raccontare troppo e di svelare quella che è la trama, eppure di Ancora pochi passi si ha la voglia di parlarne per ore, di continuare a parlarne per non dimenticarlo, di divenire quasi un prolungamento stesso della storia, come se fossimo noi personaggio di carta scritta. 

Ci troviamo in un enorme magione dove una figura possente e oscura, seduta in un ambiente ancor più cupo ne esprime solo una parola: convocali

Una donna bellissima ed elegante si ritrova a bruciare dei fogli con all'interno dei nomi e poco dopo quattro figure tenebrose, ognuna da parte diverse, si incamminano nella stessa direzione dell'enorme magione.

Per il momento non ci è dato sapere chi siano, ma lo stile narrativo dell'autore ci porta a visualizzare il loro essere oscuro e la sensazione spettrale che ne ricaviamo, ci porta a sentire i brividi sulla pelle.

I quattro sanno già cosa devono fare e l'uno dopo l'altro cominciano a raccontare la loro storia.

Pagina dopo pagina assistiamo a diverse esperienze che fanno parte di un disegno più complesso, dove sono gli stessi personaggi a creare un'aria densa di tensione. La voce dei loro racconti viene interrotta riportandoci all'eco del presente, descrivendo con una narrazione raffinata le emozioni della nostra protagonista e le sue stesse sensazioni. 
Avrei potuto eliminarlo in un secondo, ma la morte è un'arte, l'orrore è spettacolo, la follia è sublime.
Il senso di vuoto che ci accompagna, il continuo sentirci osservati ci porterà quasi a trattenere il fiato durante la lettura e a ricordarci di respirare solo arrivati alla parola fine. 

Gabriele Farina, con una scrittura beffarda pronta a prenderci in giro con una sottile arte, riesce con un racconto di poco meno di cento pagine a prendere parte del nostro essere e a metterci davanti ad un destino spietato come se i protagonisti dei racconti dei quattro, siano in realtà specchi del nostro stesso fato. 

Leggendo si ha la sensazione di affogare tra timori e amarezza; intrecciando la nostra stessa vita ad una storia oscura. 

L'autore con una scrittura evocativa e maestosa parla al lettore mostrando una realtà oscura e dimostrando quanto il tempo e la vita stessa possano essere cattivi. 

In ancora pochi passi non vi è distinzione tra personaggi principali e secondari, ognuno di loro, finemente intrecciati, diventano protagonisti di un racconto dove la stessa terra sembra pulsare e aprirsi per accoglierci

Le immagini crude che il ritmo serrato evoca ci lasciano senza fiato, arrivando quasi a sentire la sensazioni di essere risvegliati da un sonno dove davanti agli occhi la realtà diventa spietata. Gabriele Farina non si legge, si accoglie nell'animo e non serve a nulla cercare di non avere paura, è la paura stessa così sottile e mostruosa che diventa parte di noi. 




Ma ora veniamo all'anteprima che troverete questa sera alle ore 21solo per questa sera e solo al Cinema Massimo di Torino

La Fiaschetta, con la classica copertina a righe bianche e rosse, uscirà ufficialmente in tutta Italia, in formato cartaceo e in ebook, soltanto a maggio, in tempo per il Salone Internazionale del Libro, ma , sarà disponibile un'edizione speciale, limitata e con una copertina disegnata da Elvis Di Ponto davvero bellissima... Eccola qui! 


Ed ecco alcuni dettagli sulla serata e sul film: Ancora pochi passi, il secondo film di Pupi Oggiano, verrà proiettato in anteprima italiana il 30 gennaio 2020 alle ore 21.00 al Cinema Massimo di Torino - Sala 1 Cabiria. 
Saranno presenti alla serata il regista Pupi Oggiano, gli sceneggiatori Antonio Tentori e Gabriele Farina, Alessandro Benna e Luca Ferrato del reparto tecnico, l'intero cast del film guidato da Diego Casale e Buendia Books. 

La serata è organizzata da PUMA Produzioni, POProject e 3V Dream Entertainment in collaborazione con Museo Nazionale del Cinema di Torino e Cinema Massimo. 

Il film sarà proiettato in 4K. 

Quattro inquietanti personaggi si ritrovano al cospetto di una donna dal portamento elegante e austero in una casa opprimente e decadente. Ognuno di loro racconterà una storia, ed ogni storia finirà per intrecciarsi con le altre in un vortice di sangue e tensione. 

Quale mistero nasconde quella casa sinistra? Chi è quella figura imponente e così potente? Non tutto è quello che sembra.


Nessun commento:

Posta un commento

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.