lunedì 27 gennaio 2020

Quando Helen verrà a prenderti, Mary Downing Hahn - Recensione -




quando helen verra' a prenderti

Mary Downing Hahn

Prezzo: 17,00€
Pagine: 192

Trama: Molly e suo fratello Michael non hanno mai legato con la sorellastra Heather, una bambina di sette anni che non perde occasione di accusarli ingiustamente, seminando discordia tra i genitori. Fin quando la famiglia si trasferisce in una vecchia chiesa ristrutturata in campagna e le cose precipitano. Attratta dall’antico cimitero che confina con la proprietà, Heather sostiene di parlare con il fantasma di una bambina di nome Helen, morta oltre cent’anni prima, e minaccia i fratelli con un cupo avvertimento: «Quando Helen verrà a prendervi, vi pentirete di tutto quello che mi avete fatto.» Ma chi è Helen e come mai la sua lapide si erge solitaria, con le sue sole iniziali a ricordarla? Unita a lei da un terribile segreto, Heather ne è come posseduta, anche se nessuno tranne Molly crede alla sua esistenza. E, quel che è peggio, Heather ignora quanto sia pericolosa…

Sarò ultimamente forse troppo sensibile, ma già la copertina di Quando Helen verrà a prenderti lascia comunque i brividi. 
Il romanzo di nemmeno duecento pagine è una storia che si legge in brevissimo tempo, talmente la scrittura è d'impatto e coinvolgente che non si farà fatica ad arrivare facilmente alla parola fine.

Quando Helen verrà a prenderti nasce nel 1986 dalla penna di Mary Downing Hahn e se pur definito un romanzo horror per ragazzi, in realtà si aggiudica ben undici premi negli Stati Uniti. 

La storia è la classica storia di fantasmi che si sviluppa vicino ad un cimitero, ma quello che colpisce ,crea affanno e brividi sulla pelle, è il coinvolgimento che l'autrice riesce a creare tra personaggi e lettore.

Se pur i personaggi siano comunque ragazzini in un mondo dove gli adulti tendono ad allontanarli e a non essere totalmente presenti, le loro scelte e la loro consapevolezza nella storia porta il lettore ad identificarsi in ognuno di loro e a voler leggere il libro con la luce accesa.

Ci troviamo di fronte ad una famiglia allargata con tre figli in procinto di un cambio vita radicale: il trasloco in campagna per la realizzazione di progetti per i due novelli coniugi. Tra i fratellastri le cose non vanno bene; fratello e sorella non riescono a legare con la sorellastra più piccola di sette anni e queste continue tensioni e rancori portano i tre ad allontanarsi sempre di più, creando malumori anche con gli stessi genitori. 

Il trasloco in campagna è d'impatto nella vita dei ragazzi che si ritrovano di punto in bianco a cambiare totalmente le loro vite e progetti; quello che più angoscia è ritrovarsi poi isolati in mezzo alla campagna con una casa vicina che cade a pezzi e accanto un cimitero abbandonato. Quando poi la sorellastra menzionerà di parlare con un fantasma vendicativo, ecco che tutto crolla come davanti ad un castello di carte. 

La lettura di Quando Helen verrà a prenderti sembra disorientare il lettore adulto che se da una parte si rende conto beffardo di star leggendo una storia per ragazzini, dall'altra non mancherà di sorprendersi di fronte alla sensazione di terrore che proverà, quasi come se si stesse leggendo un libro del grande Stephen King. 

Lo stile narrativo è essenziale e se pur minimo nei dettagli dei personaggi, riesce comunque a coinvolgere con l'ambientazione e l'adrenalina sempre in crescendo. 
Il dolore, la vendetta, il terrore, sono i protagonisti di una storia che lascia la sensazione di voler dormire con la luce accesa.


2 commenti:

  1. Conto di leggerlo presto, la trama mi intriga molto. E' singolare un horror che ha per protagonisti bambini e ragazzini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si l'adulto in questo caso è solo un contorno ostile

      Elimina

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.