Aurora Rising, Amie Kaufman, Jay Kristoff - Recensione -

martedì 10 marzo 2020


Aurora Rising

Amie Kaufman, Jay Kristoff

Prezzo: 14,00€
Pagine: 312

Trama: “È l'anno 2380 e ai cadetti dell'ultimo anno dell'Aurora Academy sta per essere affidata la prima vera missione. L'allievo migliore della scuola, Tyler Jones, sa che, proprio in virtù della sua eccellenza, gli verrà concesso di comporre a suo piacimento la propria crew e per questo sogna già di reclutare la squadra perfetta. Peccato che, a causa del suo voler fare l'eroe a tutti i costi, come punizione gli vengano assegnati d'ufficio i cadetti scartati da tutti gli altri compagni. Il dramma è che non è nemmeno questo il problema principale di Ty, dato che, dopo aver risvegliato da un sonno che durava duecento anni Aurora Jie-Lin O'Malley, scopre che proprio lei potrebbe innescare una guerra millenaria e che, ironicamente, proprio lui e i suoi disperati compagni potrebbero essere l'ultima speranza per l'intera galassia.

Dopo Illuminae Files si ritorna nello spazio insieme a Amie Kaufman e Jay Kristoff in un primo volume che sembra avere comunque una base di Illuminae, per poi prendere una propria strada e origine. Se la copertina può dar a primo impatto che il target di lettori sia comunque giovanile, in realtà il romanzo può essere ( e deve essere) da lettori più adulti. 

Aurora Rising cattura il lettore sin dall'apertura del libro che, con le sue illustrazioni, lascia comunque sorpresi.

La trama si espande in avventure intergalattiche, dove l'umanità è ormai da tempo lontana dalla Terra e, dove la scienza, dona all'uomo la possibilità di oltrepassare la barriera del tempo; è in questo spazio che troviamo Aurora, protagonista che si risveglia dopo duecento anni e fa trasparire il suo dono: oscuri e devastanti poteri.

Entrambi gli autori rispetto ad Illuminae Files, cercano di caratterizzare i personaggi in maniera diversa: costruendo tratti distintivi selvaggi e a volte troppo crudi, ma che passano in secondo piano quando il ritmo adrenalinico delle stesse avventure li porta a compiere determinate scelte.

I legami intrecciati tra i vari personaggi sia maschili che femminili, porta il lettore a sentire quasi l'esigenza di invogliare la coppia, come se il personaggio non fosse più fatto di carta e inchiostro.

Lo stile narrativo così ricco di dettagli evocativi e fotografici, permette al lettore di scoprire come ne diviene semplice ciò che si sta leggendo e come diventa facile entrare all'interno del personaggio stesso, sopratutto grazie all'alternanza dei capitoli, dove sono gli stessi personaggi a parlare e a rappresentare le loro voci. 

Una nomina va fatta anche alle illustrazioni all'interno che se pur non rappresentano la bellezza di Illuminae Files, in realtà riescono comunque a stuzzicare la visione del lettore e a immedesimarsi in un mondo intergalattico

Nonostante Aurora Rising sia un primo volume e quindi con il rischio che poteva essere solo un allungamento estremo di introduzione, in realtà la lettura scorre velocemente grazie a frasi di impatto, azioni inaspettate e la sottile sfumatura psicologica che i due autori realizzano per ogni personaggio.

La guardo negli occhi e combatto contro l'impulso di rispondere alla rabbia con altra rabbia. Mi sforzo di non soccombere all'educazione che ho ricevuto. Il richiamo è così forte e la rabbia così reale che mi sembra di avere una fiamma nel petto. Che minaccia di bruciarmi vivo. Che urla per essere liberata. 
Commenta il post
Posta un commento

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.