Rose di Vernay, Alibert e Lapière - Recensione -

sabato 4 luglio 2020


ROSE


Vernay, Alibert e Lapière

Editore: Tunuè

Trama: Per tutti gli amanti dei romanzi gialli, ma anche di Dylan Dog. Rose è una ragazza di ventun’ anni dal carattere solitario, che vive cercando di non dare nell’occhio, ma nasconde un grosso segreto: fin dalla nascita, ha il potere di staccarsi dal proprio corpo fisico e vagare in forma di spirito, non vista. Lei non ne ha mai parlato ad anima viva e ha sempre considerato questa sua caratteristica una cosa negativa, tanto da definirla “la sua malattia”.






Rose è una storia che non ha bisogno di tante parole per essere raccontata; è una graphic novel che lascia il segno e che caratterizza e sorprende il lettore grazie alle sue tavole così cupe e delicate al tempo stesso. Le tavole immediate e la storia così misteriosa e avvincente rendono questa graphic novel un prodotto sorprendente che incanta già dalla copertina.

Rose è una ragazza complessa, a tratti schiva, dove la sua vita si muove in piccoli passi tra il silenzio dell'ombra e il suo strano potere: quello di sdoppiarsi e vivere il tutto come se fosse un fantasma. Passo dopo passo le sue insicurezze sembrano venir meno quando inizia a muoversi da spirito e a vedere come va il mondo quando gli altri non la vedono.

Sarà la storia del suo potere, questo camminare tra i vivi come una non viva che permetterà al lettore di avere la sensazione di ingolosirsi ancora di più e divorare ogni tavola una pagina alla volta.
La protagonista si ritroverà nolente a dover sfruttare il suo potere e da lì portare il lettore all'interno di uno strano thriller dai toni cupi e nostalgici.

Ogni tavola se pur sembra palesemente studiata a tavolino in ogni suo minuzioso dettaglio, in realtà agli occhi del lettore apparirà sentita come se il suo calore si proiettasse all'interno del suo stesso petto.

Pagina dopo pagina, i personaggi sembrano diventare figure metafisiche, capaci di far cogliere al lettore la sensazione di adrenalina correre lungo la schiena e scoprire nella figura di Rose, la sensazione di libertà e preoccupazione allo stesso tempo. Rose sembra ricercare da una parte la propria strada e dall'altra ha il bisogno di risolvere l'omicidio, come un abile detective spettrale. 

Lo stile impeccabile e l'attenzione alla cura dei dettagli delle tavole, porta il lettore ad immergersi di fronte alle immagini oniriche e a scoprire quasi una sorta di messaggio nascosto tra le righe.

Rose sembra non solo fare i conti con il destino, ma porta il lettore a fare i conti con una storia curiosa e da brividi al tempo stesso. 

Le tavole si chiudono poi con l'immersione di una sorta di melanconia e serenità allo stesso tempo. 
Commenta il post
Posta un commento

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.