Il libro bianco perduto, Cassandra Clare e Wesley Chu - Recensione -

martedì 24 novembre 2020

Shadowhunters: Il libro bianco perduto

Cassandra Clare e Wesley Chu

Editore:  Mondadori

Trama: Tutto sembra procedere anche troppo bene per Magnus Bane e Alec Lightwood, quasi sorpresi per la quiete e la felicità che la vita sta regalando loro, freschi genitori di Max, un bambino stregone di nemmeno un anno. Per sgretolare l'idillio, però, è sufficiente che due vecchie conoscenze di Magnus irrompano nottetempo nel loro bellissimo loft newyorchese, feriscano al petto lo stregone con un'insolita arma e rubino il Libro Bianco, la raccolta di incantesimi più potente in circolazione. A quel punto, Magnus e Alec non hanno scelta: sanno che devono tentare il tutto per tutto per riprendersi il prezioso volume. E per farlo saranno costretti a seguire i ladri fino a Shanghai. Prima, però, dovranno chiamare rinforzi e soprattutto... trovare una babysitter. In loro aiuto accorrono subito Clary, Jace, Isabelle e Simon Lovelace, da pochi mesi uno Shadowhunter a tutti gli effetti. Una volta a Shanghai, però, il sestetto si rende subito conto che una minaccia ancora più oscura li sta aspettando. E che, poiché i poteri di Magnus, a causa della ferita subita la notte del furto, stanno diventando sempre più instabili, potrebbero non essere capaci di arrestare l'avanzata dei demoni nella città. E se fosse davvero così, potrebbero essere costretti a seguirli fino al loro luogo d'origine, il regno dei morti. Ce la faranno Magnus, Alec e i loro amici a fermare la minaccia che si sta dispiegando sul mondo? E, soprattutto, riusciranno a tornare a casa prima che Max faccia impazzire la mamma di Alec?


Da oggi nelle migliori librerie è possibile trovare il secondo volume della trilogia di Cassandra Clare e lasciate che ve lo dica: Cassandra Clare non delude mai. 

Già dalle prime pagine il lettore si troverà circondato da una terra esotica, dove ogni minimo dettaglio della descrizione farà si che sembrerà di essere all'interno. Magnus e Alec, i protagonisti di questo volume, si ritroveranno ad affrontare un lungo viaggio alla ricerca del libro bianco, una raccolta di incantesimi rubata da un villain già incontrato.

La ricerca del libro bianco è una ricerca assidua, preziosa come il diamante e il lettore si troverà a sporcarsi le mani insieme ai personaggi principali. 

Nonostante l'azione sembri incentrata solo sulla ricerca del libro, in realtà nel mezzo troviamo l'amore come valore familiare, l'amicizia e la lealtà, dove tutto riesce ad incastrarsi come pezzi di un puzzle perfetto.

Ammetto di aver avuto da sempre un debole per lo stile di Cassandra Clare e per come riesce a catturare l'attenzione del lettore, trovandosi completamente immerso in una storia e finendone la lettura solo arrivati all'ultima pagina. Sarà facile rendersi conto che si chiuderà il libro solo quando ci si troverà stanchi e con gli occhi socchiusi, rimanendo sorpresi di quanto in realtà si sia divorato - in un sol giorno - la metà del romanzo.

Cassandra Clare ha una scrittura che come un fiume in piena, parte senza arrestarsi mai, lasciando solo meraviglia e stupore per quanto ogni riga riesca a creare nell'immaginazione del lettore.

Nonostante Il Libro Bianco Perduto possa sembrare solo l'ennesima trovata commerciale - o allunga brodo - in realtà è un volume che soddisferà la curiosità di ogni lettore, soprattutto per la coppia più amata: Magnus e Alec e che dire del piccolo adottato?

Anche con questo volume Cassandra Clare invita il lettore a rialzarsi, a non avere paura di fallire, a correre incontro ai problemi e a non perdersi d'animo mai. 

La scrittura colpisce, come detto precedentemente, per le immagini, perché è impossibile cancellare il ricordo di una trama così unica e particolare, come d'altronde ogni volume. 
Commenta il post
Posta un commento

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.