Fidanzato part-time, Anna Zarlenga - Recensione -

giovedì 29 aprile 2021


Fidanzato part-time


Anna Zarlenga 



Trama: Lisa è una ragazza schiva e un po’ imbranata. Dalla sua scrivania osserva furtivamente il bel medico per il quale lavora come segretaria, sapendo che non riuscirà mai a rivelargli quello che prova. Un invito inaspettato da una ex compagna di scuola, che sta organizzando una rimpatriata con i vecchi amici, la mette improvvisamente di fronte a due verità che mal riesce ad accettare e che la fanno sprofondare nel malumore: non ha ancora realizzato niente nella vita e, soprattutto, è single. Ragion per cui sarà costretta a presentarsi da sola a quel rendez-vous. È troppo da sopportare. Occorre trovare una soluzione. Mike lavora nella pizzeria che appartiene alla sua famiglia da generazioni. Sexy e desiderato, è soprannominato “Mike pizza e merengue”, per il modo disinvolto con cui impasta la pizza. La sua superficialità nelle relazioni amorose non piace però al nonno, che vorrebbe quindi affidare la gestione della pizzeria al fratello, ritenuto più “responsabile”. Anche Mike deve trovare una soluzione. Lisa e Mike non potrebbero essere più diversi, eppure condividono un obiettivo: fingere di avere un partner. E allora, che la messinscena abbia inizio! Un piano semplice, efficace e indolore. O forse no? 

Non mi capita spesso di sentire il bisogno di leggere qualcosa di più leggero, rispetto al classico dark e alle sfumature dell'horror. Mi sono informata su questa uscita, stuzzicata dall'idea di trovare all'interno personaggi divertenti, passionali e soprattutto il mio cibo preferito: la pizza. Come potevo resistere? Pagina dopo pagina, sono andata avanti scoprendo l'autrice e il suo modo di scrivere. Mi sono fatta trasportare da questo fiume in piena di parole e mi sono resa conto di quanto Anna Zarlenga, sia una scrittrice di cui senti il bisogno di averla come amica. 

Fidanzato part-time è il nuovo romanzo di Anna Zarlenga pubblicato dalla Newton Compton Editori e ora mi rendo conto che, arrivata alla parola fine, ho la necessità di recuperare ogni suo scritto e perdermi ancora nella sua ironia e, allo stesso tempo, sfumata nostalgia. 

Anna Zarlenga è una voce che non si dimentica, che riesci ad amare dalle prime pagine e che ti accompagna mano nella mano come un'amica tra vicoli che attraversi quotidianamente, osservandoli con occhi diversi. 
Fidanzato part-time si presenta subito come una storia che difficilmente dimenticherai. Il lettore non farà fatica a immedesimarsi nei personaggi e a ridere, di cuore, per le situazioni buffe e i dialoghi divertenti che si troverà ad affrontare, come se l'autrice, con una sfera di cristallo, ha sbirciato nel nostro passato e futuro.

Fidanzato part-time mescola il genere della narrativa portandoci a scoprire come un romanzo dal cuore leggero, sia in realtà ricco di significato. Anna Zarlenga porta il lettore a Napoli, nel cuore caldo della città dove i personaggi, l'uno completamente diverso dall'altro, si mescolano portando al lettore la necessità di gridare a gran voce l'accettazione di sé stessi, il bisogno di non mollare, nonostante tutto. 

Ogni pagina, sembra paradossale, porta il lettore ad avere la sensazione di trovarsi bloccato all'interno del libro e, piacevolmente, a non volerne più uscire. Ci si innamorerà dei difetti dei personaggi, quei difetti che rendono esseri umani e la stessa protagonista non sarà più fatta di carta e inchiostro, ma sarà cuore, pelle e anima. 

La scrittura di Anna Zarlenga è incisiva, ci porta a scoprire quanto tutto in realtà sia possibile. Con uno stile narrativo adrenalinico e sempre in movimento, delinea una caratterizzazione moderna tra il bisogno di esaudire i propri desideri e la realtà a volte troppo dura, ma a cui purtroppo non si rinuncia. 

Attenzione però a non divorare immediatamente Fidanzato part-time, altrimenti si sentirà la nostalgia dell'odore di pizza, della farina, del cuore che batte e della simpatia calorosa di Napoli.
Commenta il post
Posta un commento

Se hai letto l'articolo lascia pure un messaggio, un'impronta del tuo passaggio. Dedicami qualche minuto così da raccontarmi le tue opinioni od impressioni, mi fa piacere confrontarmi e leggere i commenti di nuovi lettori. Gli estranei sono amici che non abbiamo ancora incontrato. Grazie per essere passato e il mondo di sopra esplorato.